Congelamento degli ovuli, come si fa, quanto costa e i rischi

di Alice Marchese

Il congelamento degli ovuli è una pratica diffusa per preservare la propria fertilità. Il processo è assolutamente sicuro. L’obiettivo per le donne è quello di ritardare la maternità. Ma in cosa consiste?

Congelamento degli ovuli: in cosa consiste

Perché questo processo abbia l’esito sperato, è necessario l’aiuto di un centro o di una clinica autorizzato. Precedentemente la donna deve sottomettersi a stimolazione ovarica, tramite la somministrazione di ormoni per generare un numero di ovociti elevato nelle ovaie. La paziente viene controllata tramite ecografie durante i giorni precedenti all’ovulazione. E’ necessario che vengano estratti gli ovociti maturi. La tecnica è simile a quella utilizzata per la fecondazione in vitro.

Chi può congelare i propri ovuli

  1. Gli esperti consigliano di congelare gli ovuli fino ai 35 anni. Ma ci sono dei requisiti da soddisfare.
  2. Analisi per scartare possibili patologie ginecologiche che rendano difficile l’ovulazione.
  3. Analisi per l’individuazione di malattie infettive.
  4. Un test per determinare la riserva ovarica.

Quali sono i vantaggi di congelare gli ovuli prima dei 35 anni?

Si consiglia alle donne che vogliono congelare i propri ovuli di farlo prima dei 35 anni con due obiettivi: da un lato ottenere ovociti di maggior qualità e, dall’altro, estrarre un maggior numero di ovuli per disporre di più possibilità di gravidanza in futuro.

I vantaggi per il congelamento degli ovuli

  1. Mantenere la propria fertilità più a lungo.
  2. Scegliere il momento più adeguato per diventare madre.
  3. Preservare la propria fertilità prima di sottomettersi ad un trattamento di salute aggressivo.
  4. Conservare ovuli di qualità ed evitare che i propri figli sviluppino malattie congenite causate dall’invecchiamento dei gameti.
  5. Avere più opportunità di rimanere incinta in un processo di fecondazione in vitro.

Per chi è consigliata?

La vetrificazione degli ovuli è consigliata nei seguenti casi:

  1. Se si soffre di disturbi, alterazioni o circostanze di salute che danneggiano la propria fertilità presente o futura (malattie autoimmuni come lupus, transgender, disforia di genere, endometriosi grave che può derivare in infertilità, ecc.)
  2. Nel caso in cui ci si sottometta ad un trattamento oncologico che possa compromettere la propria fertilità (radio o chemioterapia)
  3. Nel caso in cui si voglia ritardare la propria maternità o conservare i propri ovuli giovani per usarli in futuro ed avere una discendenza biologica
  4. Se si pensa di sottomettersi ad un processo di fecondazione in vitro
  5. In ogni caso sarà sempre un professionista che fornirà le informazioni utili su questa opzione e sulla viabilità di ogni caso specifico.

Quanto costa congelare i miei ovuli?

Il prezzo per congelare gli ovuli è estremamente variabile. Tale prezzo include test precedenti, stimolazione ovarica, controllo e visite in clinica, punzione follicolare, selezione di ovociti e criogenizzazione. Alcune cliniche includono anche un tempo di preservazione degli ovuli, mentre altre aggiungono un costo per il mantenimento annuale degli ovociti congelati.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

3 min

I risultati di pulizia che ottieni con i normali spazzolini non ti sembrano mai soddisfacenti? Questo è molto probabile, poiché i normali spazzolini non riescono mai a penetrare in profondità tra un dente e l’altro, in fondo alle cavità e nei pressi delle gengive. Per garantire una pulizia e un’igiene veramente profonde è necessario affidarsi […]