Hai mai sentito parlare della Sindrome di Rebecca?

di Redazione

La sindrome di Rebecca si riferisce a quelle situazioni in cui una persona prova gelosia nei confronti delle ex della propria dolce metà. Per di più, secondo alcuni psicologi, questo tipo di sentimento è più diffuso nell’attuale società.

La sindrome di Rebecca può avere molte cause, che vanno dalla bassa autostima a un bisogno irresistibile di confrontarsi con gli altri. In alcuni casi può anche essere causatq da un partner.

Perché la Sindrome di Rebecca si chiama così?

Questa sindrome porta il nome del film di Alfred Hitchcock Rebecca, uscito nel 1940 e basato sul romanzo Rebecca di Daphne du Maurier.

Questo film racconta la storia di una giovane dama di compagnia che ha una relazione con un milionario vedovo e finisce per sposarlo. Sfortunatamente per la nuova sposa, la governante e il resto della servitù della casa – un’imponente villa chiamata Manderley – le sono ostili fin dall’inizio.

La giovane donna viene costantemente paragonata all’ex moglie che è santificata, glorificata e ammirata da tutti e, a poco a poco, la protagonista comincia a sentire la sua autostima vacillare quando inizia a confrontarsi con l’immagine quasi perfetta della donna defunta.

Di conseguenza, comincia a sviluppare la gelosia senza motivo, soprattutto quando scopre che il rapporto del marito con la sua ex moglie era tutt’altro che felice e pacifico.

Cos’è la Sindrome di Rebecca?

È comune per una persona con questa sindrome immaginare situazioni felici vissute dalla dolce metà con la loro ex.

È anche comune per le persone con questa sindrome presumere che erano più intelligenti, belle o attraenti.

Tale situazione, inficiata dalla gelosia, può pregiudicare seriamente la convivenza di coppia, provocando conflitti e persino distruggere una relazione.

Cause della Sindrome di Rebecca

La gelosia è un’esperienza relazionale complessa. È una paura viscerale della perdita. Questo modo di sentire comprende pensieri e sentimenti che provocano azioni e reazioni che a volte sembrano incomprensibili.

Le situazioni che aumentano la possibilità di questa condizione sono:

  • bassa autostima della persona che soffre della sindrome;
  • partner o ambiente che ricorda costantemente l’ex;
  • partner fa confronti;
  • la persona con la sindrome si rende conto di assomigliare alla ex del suo attuale partner sia fisicamente che nella personalità;
  • Il partner non ha superato la fase del lutto e sentimenti e ricordi affiorano quando è vedovo da poco.

C’è un trattamento?

Migliorare la situazione in cui prevalgono le paure irrazionali comporta spesso un intervento. In alcuni casi, può anche essere necessario che il partner di chi soffre di questa sindrome abbia un supporto psicologico.

Alcuni suggerimenti:

  • Migliorare la comunicazione con l’attuale partner;
  • L’attuale partner dovrebbe esprimere la propria insoddisfazione e ricordare perché stanno insieme;
  • Evitare di fare menzioni esagerate delle qualità dell’ex partner;
  • Migliorare l’autostima della persona con questa sindrome;
  • Modificare gli atteggiamenti di controllo.

LEGGI ANCHE: Come riconoscere una persona bipolare.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Danneggiare il benessere emotivo di una persona è violenza psicologica. Questa può manifestarsi all’interno di una coppia o comunque in un rapporto tra due persone particolarmente intime. Questo porta chi compie questo atto a mettere in pratica diversi comportamenti al fine di svalutare e distruggere il proprio partner. In occasione della Giornata Internazionale contro la […]

2 min

Elaborare la perdita di una persona a noi cara non è mai semplice e le fasi del lutto sono dei momenti estremamente complessi da gestire. Secondo diversi studi, il tutto varia da persona a persona e non è detto che ogni fase sia uguale per tutti. Alcune possono essere più intense, altre possono essere precedute […]