FOFO: cos’è la paura di “venire a sapere”, chi ne soffre e come si supera?

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

FOFO, l’acronimo di “Fear Of Finding Out“, cioè la paura di “venire a sapere” o “scoprire”. Si tratta di una barriera psicologica che impedisce a una persona di imparare di più su un potenziale problema perché ha paura di ciò che scoprirà. Cerchiamo di capire meglio come si configura e, soprattutto, come si supera.

Quando si soffre di FOFO?

Questo acronimo nasce in ambito medico, inizialmente per indicare una paura di sottoporsi a visite ed esami di controllo. Nel 2018, un articolo pubblicato su The BMJ Opinion, a firma del professore di Oxfors Muir Gray, ha evidenziato i risultati di una ricerca secondo cui un terzo dei motivi che si adducono per non vedere il proprio medico, riguarda per lo più aspetti psicologici. Da qui, l’identificazione nella paura di venire a sapere, cioè FOFO.

L’applicazione del termine si è poi estesa, abbracciando la sfera relazionale, quella lavorativa e anche l’ambito economico. Il risultato è precludersi molte possibilità nella vita. L’acronimo identifica un vero blocco psicologico: chi ne è vittima, evita situazioni in cui potrebbe scoprire cose di cui ha timore e non si informa su un potenziale problema.

Perché si ha paura di scoprire?

Le ragioni sono molteplici. Anzitutto, si può temere che, sapendo di più, non si sarà in grado di affrontare un problema. O forse, semplicemente, si preferisce non assumersi la responsabilità di qualcosa. Nella vita di tutti i giorni, FOFO può manifestarsi in avvenimenti di questo tipo:

  • Evitare conversazioni oneste e profonde con qualcuno di importante;
  • Ignorare le questioni legali, fiscali o normative con le quali si potrebbe non essere in regola;
  • Rifiutare di rianalizzare o rivalutare una strategia che non funziona bene;
  • Evitare un feedback critico, pur sapendo che ci gioverà.

Come combattere la FOFO?

Per combattere la FOFO – o paura di venire a sapere – bisogna sfruttare la propria intelligenza emotiva. Le emozioni come la paura si verificano quasi istintivamente, quindi non possiamo controllare il modo in cui ci si sente, qualora arrivino. Ciò non esclude, però, che si possa controllare la reazione a quei sentimenti, concentrandoci sui pensieri.

Se non possiamo impedire a un pensieri negativo di entrare nella nostra mente, possiamo decidere per quanto tempo vogliamo soffermarci su di esso. Di fronte alla paura di scoprire, dunque, possiamo reagire in due modi:

  1. Possiamo permettere all’emozione, in questo caso la paura, di controllare i nostri pensieri.
  2. Possiamo prendere il controllo dei pensieri, che a loro volta influenzeranno le emozioni (e qui entra in gioco l’intelligenza emotiva).

Per riuscire a mettere in atto l’opzione numero due, si può, ad esempio, chiedersi: “Quali sono le potenziali conseguenze se continuo a ignorare questo problema?” o “Come potrebbero evolversi gli scenari migliori e peggiori?” o, ancora “Come mi sentirò riguardo a questa cosa tra una settimana, un mese o un anno?”. Questo tipo di domande ha uno scopo ben preciso: affrontare la paura ed egire, diventare attivi e non limitarsi ad essere passivi. Solo così si può prendere il controllo della paura.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Qualsiasi prestazione sportiva deve essere accompagnata non solo da un’adeguata preparazione atletica, ma anche da un attento lavoro di psicologia, capace di potenziare la concentrazione sotto stress e la costanza durante l’allenamento. Esistono tante tecniche che i professionisti dello sport utilizzano e che possono tornare utili nella vita di tutti i giorni. Scopriamo sette strategie […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]

A Firenze si sono registrati 11 casi di persone risultate positive al vaiolo delle scimmie, dopo una serata trascorsa in discoteca. Secondo le dichiarazioni di Renzo Berti, direttore del dipartimento di prevenzione dell‘Asl Toscana centro, riportate dall’ANSA, si tratta di uomini giovani, eccezion fatta per una persona di mezza età. L’infezione sarebbe stata causata con […]

La recente lettera della Società psicoanalitica italiana inviata al Ministro della Salute Orazio Schillaci, in cui si esprimeva una certa preoccupazione riguardo all’uso di farmaci per la disforia di genere in adolescenza, ha scatenato un acceso dibattito sui giornali. L’argomento in realtà non è nuovo, già nel 2018 se ne era parlato con riferimento al […]