Influenza 2022, cosa bisogna sapere sull’australiana

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

L’autunno si avvicina e con lui anche l’influenza del 2022. La nuova stagione influenzale è alle porte e sicuramente non sarà una passeggiata, ma ovviamente niente di eccessivamente preoccupante. Sarà più intensa, ma con le stagioni più fredde c’è da aspettarselo.

Influenza 2022: come sarà?

A spiegarlo all’Adnkronos Salute Fabrizio Pregliasco, docente di Igiene all’università Statale di Milano, dopo il sequenziamento, nei giorni scorsi, del primo caso sporadico di influenza in Italia.

“La stagione influenzale australiana non è stata per niente bella: è stata molto intensa, con più casi degli ultimi cinque anni. Ed è quello che possiamo attenderci anche nel nostro Paese in autunno-inverno”, ha spiegato l’esperto. : “Questo non vuol dire che da domani comincia l’influenza – spiega – i casi sporadici estivi esistono da sempre e indicano solo che il virus circola. E noi siamo ormai capaci di avere una sorveglianza molto efficace”.

Leggi anche: “Come evitare di prendersi l’influenza? Consigli utili”

Influenza 2022, quali sono i sintomi

L’esperto afferma: “Saranno più o meno sempre gli stessi: la vera influenza continua a riconoscersi per tre cose: inizio brusco della febbre, almeno un sintomo generale, almeno un sintomo respiratorio. Lasciando da parte il Covid con tutte le sue varianti, i rimanenti casi di malattie diffusive sono legati a virus respiratori, parainfluenzali e a uno spettro ampio di patogeni. La stagione influenzale, dunque, può essere considerata tanto più ‘pesante’ quanto più elevato è il suo ‘contributo’ per numero di casi”.

L’avvio dell’epidemia avviene “normalmente quando ci sono gli sbalzi termici ma soprattutto quando il clima si raffredda. L’autunno, nella parte iniziale, fa prevalere le forme simil influenzali. La vera influenza si scatena quando il freddo è intenso e prolungato, quindi più avanti, a ottobre-novembre”, afferma ancora Pregliasco .

Ci sono stati casi a fine estate?

Il sequenziamento in estate del primo caso di influenza nel nostro Paese “non stupisce. Il nostro sistema di sorveglianza è ormai molto sensibile ed è in grado di rilevare i casi sporadici in largo anticipo sulla stagione. Casi che ci sono sempre stati e che noi ormai siamo in grado di verificare”, spiega in merito al sequenziamento del virus influenzale H3n2, meglio noto come ‘influenza australiana’

“C’è oggi una più grande capacità di laboratorio che permette di individuare i casi sporadici che, però, non rappresentano l’avvio della stagione influenzale ma solo il mantenimento della catena di contagio di un virus che gira il mondo e che noi, rispetto, al passato, ormai possiamo monitorare”, conclude.

Leggi anche: “Cos’è l’influenza del pomodoro che ha colpito 80 bambini in India?”

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il bicarbonato è un ingrediente molto versatile utilizzato non solo per digerire, ma anche come dentifricio, alleato di bellezza per rendere luminosi i capelli, come scrub per il viso e la pelle, per il trattamento dell’acne e come detergente naturale. Nonostante i suoi molteplici usi e gli effetti benefici per la salute, bisogna stare molto […]

Il tumore al colon è senza dubbio uno dei tumori più insidiosi, noto per la sua natura subdola e la sua inclinazione a manifestarsi in tarda età, anche se sta cominciando a destare preoccupazioni anche tra i giovani. In base ai dati forniti dall’AIRC questo tumore rappresenta il 10% dei tumori diagnosticati a livello globale, […]

Torna la primavera e come sempre tornano le prime allergie di stagione. A soffrirne sarebbe circa un quarto della popolazione e i numeri sarebbero in costante aumento, soprattutto nei Paesi occidentali e industrializzati. Le allergie primaverili colpiscono anche gli adulti che prima non ne hanno mai sofferto. Ma quali sono le più comuni allergie di […]

Tutti almeno una volta nella vita hanno sentito parlare di colesterolo, uno degli indicatori più importanti della nostra salute da tenere sempre sotto controllo. Capita spesso che per ridurlo siano utilizzati dei farmaci di origine naturale, ma il piùù delle volte sarebbe sufficiente intervenire con un’apposita dieta consumando alimenti in grado di ridurre gli accumuli […]