Esiste un virus che può renderci come uno zombie?

di Manuela Zanni

Tra i principali “spauracchi” ai quali le serie TV, film e letteratura ci hanno abituati vi è, sicuramente,  quello relativo all’esistenza di un virus che possa realmente scatenare un’apocalisse zombie. Ma è davvero possibile dal punto di vista scientifico che questo avvenga?

Esiste un virus che trasforma in zombie?

Esiste davvero la possibilità che un virus possa essere in grado di trasformarci in zombie e dare il via a un’apocalisse di ” morti viventi?
Se così fosse vorrebbe dire che questo ipotetico virus dovrebbe essere  in grado di attaccare gli esseri umani, spingendoli verso atteggiamenti violenti e di incontrollabile collera, fomentando il desiderio di cannibalismo.

Il virus della rabbia attacca il cervello e causa nell’individuo, dapprima, uno stato di febbre e malessere generale che si trasforma con la comparsa di movimenti violenti, emozioni incontrollate e follia generale che degenera sempre più fino a superare i limiti del delirio e che potrebbe portare alla voglia morbosa di azzannare alti esseri viventi, un po’ come farebbe uno zombie insomma. Fortunatamente la trasmissione della rabbia fra esseri umani è piuttosto rara, anche se al mondo muoiono ancora circa 55.000 persone all’anno a causa di questa malattia.

Quali  parti del cervello aggredirebbe il  virus zombie?

Tendenzialmente le parti del nostro cervello che potrebbero essere aggredite da un ipotetico virus zombie sono

  • l’ipotalamo ventromediale: che è quella parte di cervello che verifica e segnala gli errori.
  • l’amigdala: che invece controlla le nostre emozioni e la memoria. L’assenza di memoria significa anche incapacità di riconoscere i nostri cari.
  • la corteccia frontale  influisce sulla capacità di risolvere problemi, controlla i nostri freni inibitori e dove risiede la nostra coscienza. Anche in questo caso è abbastanza semplice capire perché un infezione che colpisce la corteccia frontale potrebbe avere effetti per così dire zombie-friendly.
Zombie

Zombie

LEGGI ANCHE: Zombie, le idee per un trucco spaventoso per Halloween 

Le malattie che somigliano ad vero virus zombie

La rabbia è la malattia che più si avvicina al nostro immaginario di virus zombie, ma ne esistono anche altre, più o meno contagiose, che hanno dato l’impressione di poter essere dei potenziali candidati per dare il via un apocalisse globale. Ad esempio la lebbra che porta la nostra carne a decomporsi inesorabilmente e il morbo di Creutzfeldt-Jakob, conosciuto anche come Sindrome della Mucca Pazza, presenta analogie con le caratteristiche tipiche di uno zombie. Si inizia con la perdita di memoria e della coordinazione motoria, per poi degenerare fino alla demenza e ai cambiamenti di personalità.

Ci sono poi anche malattie non contagiose che ci possono trasformare, almeno parzialmente, in veri zombie, come per esempio l’Amok e la Sindrome di Cotard. La prima è tipica del Sud-est asiatico (ma non ha nulla a che fare con il coronavirus di cui si parla molto in questi giorni) e induce chi ne è colpito a manifestare improvvise ed imprevedibili esplosioni di violenza, alternate a stati di amnesia ed esaurimento, fino al raggiungimento di una incontrollabile violenza. La seconda è invece una malattia rarissima, il paziente si crede morto, ha allucinazioni che gli fanno vedere il suo corpo come se fosse in stato di decomposizione e gli fanno sentire odore di putrefazione provenire da sè stesso.

LEGGI ANCHE: Perdita memoria , non solo alzheimer: ecco altre 6 cause comuni 

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Quando si parla di osteoporosi si fa riferimento ad una malattia cronica caratterizzata da alterazioni della struttura ossea con conseguente riduzione della resistenza. Dunque questo porta il corpo ad essere più incline a subire fratture. Ma quali sono le sue cause e come si può combattere contro questa? Scopriamolo insieme! Osteoporosi: cause Spesso l’osteoporosi è […]