Dormire bene allunga la vita, ma solo se il tuo sonno ha queste 5 caratteristiche

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Dormire bene allunga la vita. A dirlo è una nuova ricerca dell’Università di Harvard, presentata in anteprima dall’American College of Cardiology (ACC). Un buon sonno ha evidenti benefici a lungo termine, ma solo se il nostro riposo notturno presenta 5 ben precisi fattori di qualità.

L’importanza del dormire bene in uno studio

Secondo i ricercatori, chi riesce a soddisfare tutti questi cinque criteri, ha il 30% in meno di probabilità di morire per un qualsiasi motivo, rispetto a chi non ne soddisfa uno o nessuno. Ma quali sono questi famosi fattori di qualità?

  • Dormire da 7 a 8 ore a notte;
  • Avere difficoltà a prendere sonno non più di due notti a settimana;
  • Avere difficoltà a rimanere addormentati non più di due volte a settimana;
  • Non utilizzare farmaci per dormire;
  • Sentirsi riposati al risveglio almeno cinque giorni alla settimana.

Queste caratteristiche del sonno, ha spiegato il co-autore dello studio Frank Qian, ricercatore clinico presso la Harvard Medical School e medico di medicina interna presso il Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, possono allungare la vita anche di cinque anni.

Gli studiosi hanno appreso che l’8% delle morti può essere attribuito a cattive abitudini di sonno. Il soddisfacimento di tutti e cinque i criteri di sonno riduceva del 19% il rischio di morire per cancro. La nuova ricerca verrà presentata in occasione del Congresso Mondiale di Cardiologia a New Orleans, in Louisiana, il prossimo 6 marzo.

Quasi un terzo degli adulti, negli Stati Uniti, non dorme le 7-8 ore raccomandate dal Centers for Disease Control and  Prevention – CDC. È vero che molti studi, fino a oggi, si sono concentrati sulla durata del sonno, ma spesso i comportamenti relativi al sonno sono stati trascurati. Questo studio di Harvard è il primo ad esaminare come le abitudini del sonno influenzino l’aspettativa di vita.

La ricerca ha incluso i dati di 172.321 persone con un’età media di 50 anni tra il 2013 e il 2018: i partecipanti hanno preso parte al National Health Interview Survey, un sondaggio annuale sulla salute generale dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e del National Center for Health Statistics che include domande sul sonno.

Il team di ricerca ha collegato i dati ai record del National Death Index: in questo modo, ha approfondito il legame tra i fattori del sonno delle persone e le cause della morte.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Si chiama Mytho, il gene che sta rivoluzionando la comprensione dell’invecchiamento e della qualità della vita. Grazie a una ricerca internazionale durata nove anni e guidata dall’Università di Padova, questo gene è stato finalmente identificato. Mytho è conservato quasi identico in molte specie, dai vermi all’uomo, e promette di migliorare la salute durante l’invecchiamento. A […]

Allerta a Tokyo per i numeri elevati di sindrome da choc tossico streptococcico, un batterio carnivoro che porta alla morte. Da inizio anno a marzo 77 persone sono morte a causa di un’infezione batterica. Il ministero della Salute ha registrato, al 2 giugno, 977 casi di sindrome da choc tossico streptococcico (Stss), un’infezione batterica pericolosa […]

Un rivoluzionario esame del sangue potrebbe permettere di diagnosticare la malattia di Parkinson fino a sette anni prima della comparsa dei sintomi. Questo test è stato sviluppato da un team internazionale di ricercatori dell’University College London e dell’University Medical Center Goettingen, e utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare otto biomarcatori specifici. La scoperta, pubblicata sulla rivista […]

Le cisti ovariche sono sacche piene di liquido che si formano all’interno o sulla superficie delle ovaie. La maggior parte delle donne svilupperà almeno una cisti ovarica nel corso della vita, spesso senza nemmeno rendersene conto. Sebbene molte cisti siano innocue e si risolvano da sole, alcune possono causare sintomi o complicazioni che richiedono un […]