Pink Noise, cos’è e a cosa serve il “rumore rosa”?

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Pink Noise, il “rumore rosa” che aiuta a dormire meglio. Se ne hai già sentito parlare, ma non hai idea di cosa sia e, soprattutto, come funzioni, hai trovato ciò che fa al caso tuo. Oggi scopriremo insieme tutto quello che c’è da sapere.

Dormire meglio con il Pink Noise

Abbassare lo stress e dormire meglio: per molti di noi, questi obiettivi sono vere e proprio imprese. Ciò che non tutti sanno, però, è che la strada per arrivarci può anche passare da un paio di cuffie, attivando dei suoni creati ad hoc. Il Pink Noise rientra nella grande famiglia di cui fanno anche parte il rumore bianco, quello marrone e quello blu.

Nel rumore rosa, ogni ottava riporta alla stessa frequenza, mantenendo le orecchie in equilibrio, attraverso un mix bilanciato di frequenze basse e frequenze alte. Si chiama così perché la luce, portata alle stesse frequenze, fa apparire il risa nello spettro dei colori. A dimostrarne l’efficacia per il benessere del sonno, è stato anche uno studio pubblicato su Frontiers in Neuroscience.

La scienza dei suoni “colorati”

L’ascolto di suoni “colorati” è una forma di terapia del suono. In questo tipi di suoni c’è un vantaggio qualitativo, che si chiama “mascheramento uditivo”: quando li ascoltiamo, siamo meno inclini a sentire suoni indesiderati. A grandi linee, questo è ciò a cui serve ognuno:

  • Concentrarsi: rumore bianco;
  • Calmarsi: rumore marrone;
  • Studiare: rumore verde;
  • Dormire: rumore rosa.

Qualunque sia il colore, tutti questi rumori fanno parte dello spettro sonoro e contengono basse frequenze a vari livelli di volume. Il Pink Noise, o rumore rosa, è indicato per chi soffre di insonnia. Meno sibilante e con una frequenza più bassa del rumore bianco, è anche un po’ più forte. Alcuni studi ne hanno dimostrato l’efficacia, poiché potrebbe rallentare gradualmente le onde cerebrali, contribuendo a stabilizzare il sonno. Chi l’ha provato, lo paragona al suono della pioggia, con un accenno di elettricità statica.

Esistono diverse playlist di rumori rosa da provare: ovviamente, i risultati varieranno da una persona all’altra ma. Di seguito, una delle selezioni di Spotify.

Foto: Depositphotos.com.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Si chiama Mytho, il gene che sta rivoluzionando la comprensione dell’invecchiamento e della qualità della vita. Grazie a una ricerca internazionale durata nove anni e guidata dall’Università di Padova, questo gene è stato finalmente identificato. Mytho è conservato quasi identico in molte specie, dai vermi all’uomo, e promette di migliorare la salute durante l’invecchiamento. A […]

Allerta a Tokyo per i numeri elevati di sindrome da choc tossico streptococcico, un batterio carnivoro che porta alla morte. Da inizio anno a marzo 77 persone sono morte a causa di un’infezione batterica. Il ministero della Salute ha registrato, al 2 giugno, 977 casi di sindrome da choc tossico streptococcico (Stss), un’infezione batterica pericolosa […]

Un rivoluzionario esame del sangue potrebbe permettere di diagnosticare la malattia di Parkinson fino a sette anni prima della comparsa dei sintomi. Questo test è stato sviluppato da un team internazionale di ricercatori dell’University College London e dell’University Medical Center Goettingen, e utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare otto biomarcatori specifici. La scoperta, pubblicata sulla rivista […]

I più letti