Chirurgia refrattiva: l’alternativa a occhiali e lenti a contatto

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Prendersi cura della propria vista è una priorità per una qualità della vita elevata. Ecco perché, soprattutto negli ultimi anni, stanno diventando sempre più popolari le soluzioni definitive per vedere bene, come la  chirurgia refrattiva.

La chirurgia refrattiva è un’alternativa rivoluzionaria agli occhiali e alle lenti a contatto. Questo tipo di chirurgia, che utilizza tecnologie laser all’avanguardia, è l’unica in grado di farti eliminare per sempre ogni ausilio alla vista e risolvere difetti visivi, come miopia, ipermetropia e astigmatismo. 

Scegliendo la chirurgia potrai, quindi, riappropriarti della tua vista e avere finalmente la libertà di fare azioni quotidiani come leggere, guidare e lavorare al computer senza dipendere da occhiali e lenti a contatto. Prima però, ti consigliamo di leggere questo articolo, così che tu possa “smontare” eventuali credenze e falsi miti: 10 falsi miti sulla salute degli occhi.

Cos’è la chirurgia refrattiva?

La chirurgia refrattiva racchiude una serie di interventi utili per correggere difetti visivi come miopia, ipermetropia e astigmatismo. Queste procedure per migliorare la vista utilizzano tecnologie laser avanzate per modificare la forma della cornea, la parte trasparente anteriore dell’occhio che serve per la focalizzazione della luce sulla retina. 

Modificando la curvatura della cornea, la chirurgia refrattiva consente ai raggi di luce di convergere correttamente sulla retina, migliorando la nitidezza della vista. Il grande beneficio di questo approccio è che, a differenza di occhiali e lenti a contatto, ti permette di avere una correzione del difetto totale e definitiva.

I diversi tipi di interventi

Come potrai immaginare, ogni occhio è diverso e le condizioni della vista possono cambiare da persona in persona. Ecco perché ci sono diversi tipi di interventi, ciascuno adatto a specifiche esigenze e condizioni oculari. Gli approcci utilizzati per gli interventi laser occhi sono principalmente tre:

  • PRK (Photorefractive Keratectomy). La tecnica PRK è stata la prima procedura a utilizzare il laser ad eccimeri per correggere gli errori di refrazione ed è ancora oggi molto comune per la sua sicurezza ed efficacia. Durante la PRK, il laser ad eccimeri rimuove per ablazione, ovvero mediante vaporizzazione, piccolissimi frammenti di tessuto dallo stroma corneale, che si trova nella parte anteriore dell’occhio, correggendo il difetto visivo; 
  • FemtoLasik. Si tratta di uno dei metodi più diffusi e conosciuti ed è la seconda generazione di interventi agli occhi. Questa tecnica prevede la creazione di un sottile lembo nella cornea (chiamato in gergo flap), alzato per permettere al laser di rimodellare il tessuto corneale sottostante. Questo intervento è particolarmente adatto per correggere miopia, ipermetropia e astigmatismo. I tempi di recupero sono veloci: basteranno pochi giorni (in alcuni casi, addirittura ore) per recuperare completamente la vista;
  • ReLEx SMILE (Small Incision Lenticule Extraction). Questa è una tecnica relativamente nuova che utilizza un laser a femtosecondi per creare un piccolo lenticolo all’interno della cornea, che viene poi rimosso attraverso una piccola incisione. Questo intervento viene principalmente usato per trattare la miopia e l’astigmatismo ed è, tra tutti, il più all’avanguardia e quello con i tempi di recupero più rapidi.

I vantaggi della chirurgia refrattiva

La chirurgia refrattiva è l’unico strumento a nostra disposizione per eliminare i difetti visivi. Scegliere l’intervento laser agli occhi per migliorare la vista porta a tantissimi benefici, da quelli economici a quelli pratici. Vediamoli insieme.

Libertà visiva 

Uno dei vantaggi più importanti della chirurgia refrattiva è sicuramente avere un’indipendenza dagli occhiali, recuperando la libertà visiva. 

Questo vuol dire, concretamente, vivere la tua vita quotidiana con una qualità visuale più alta. Pensa, ad esempio, a come sarebbe svegliarti al mattino con una visione chiara, senza dover cercare gli occhiali sul comodino o preoccuparti di mettere le lenti a contatto. Anche le attività quotidiane, dal leggere i messaggi sullo smartphone a guidare, possono diventare più semplici e meno faticose.

Ma c’è di più: questa libertà è ancora più preziosa e ricercata da chi pratica sport. In particolare, gli sport acquatici, il trekking, il ciclismo e molte altre attività all’aperto saranno molto più semplici, senza la preoccupazione di perdere (o di rompere!) gli occhiali o di avere fastidi agli occhi causati dalle lenti a contatto.

Costi più bassi degli occhiali e risparmio sul lungo periodo

Un altro vantaggio importante della chirurgia refrattiva è il risparmio economico a lungo termine. Nel corso del tempo, infatti, i costi associati all’acquisto regolare di occhiali, lenti a contatto e visite frequenti dall’ottico o dall’oculista si sommano, diventando un onere finanziario anche importante. 

Dopo la chirurgia refrattiva, potrai eliminare le spese legate all’acquisto di occhiali o lenti a contatto, dato che i risultati della correzione sono definitivi.

Impatto sulla qualità della vita

La chirurgia refrattiva ha un impatto molto positivo sulla qualità della vita dei pazienti. Uno dei benefici più immediati è il miglioramento del benessere visivo: la capacità di vedere chiaramente senza l’ausilio di occhiali o lenti a contatto ti darà una sensazione di libertà e autonomia incredibile, soprattutto se soffri di difetti visivi fin dall’infanzia. 

Togliere gli occhiali ha anche un impatto psicologico importante. Molte persone, infatti, provano disagio nell’indossare gli occhiali ed è per questo, che dopo l’intervento, sentono di avere più fiducia in loro stessi. 

La libertà dagli occhiali, quindi, può anche significare sentirsi più a proprio agio nelle interazioni sociali e nelle attività all’aperto, specialmente quelle che prima erano ostacolate dall’uso di occhiali o lenti a contatto. 

Il processo della chirurgia refrattiva

Se stai pensando di correggere la vista con un intervento di chirurgia refrattiva, devi sapere che ci sono alcuni step imprescindibili da seguire, a prescindere dalla clinica a cui ti rivolgerai. Per poter accedere all’intervento, infatti, dovrai effettuare dei controlli preliminari, per determinare la tua idoneità al trattamento e, successivamente, scegliere l’operazione più adatta per le caratteristiche del tuo occhio.

La fiducia in chi ti opererà è un fattore chiave per vivere con serenità questo processo: ecco perché ti consigliamo di rivolgerti a specialisti come vistavisiongroup.com. I medici oculisti di Vista Vision sapranno accompagnarti in ogni fase dell’intervento, dalle visite preliminari fino al post operazione. La clinica ha sedi in tutta Italia e ha già svolto con successo migliaia di operazioni correttive. 

Vediamo ora le fasi che caratterizzano il processo di chirurgia refrattiva.

Valutazione del paziente

La fase di valutazione del paziente è il primo passo per accedere alla chirurgia refrattiva, che si svolgerà nei centri specializzati in chirurgia laser. 

Questo step iniziale serve a capire la tua idoneità per l’intervento, così da operare in assoluta sicurezza. Per prima cosa, il medico esaminerà la tua storia clinica, per conoscere tutto ciò che riguarda la tua vista e la tua salute generale. Dopodiché, sono previsti una serie di esami diagnostici che includono la misurazione della vista per valutare il grado di difetti refrattivi come miopia, ipermetropia o astigmatismo. 

Questi esami servono anche per capire la curvatura e la forma della cornea e per misurare lo spessore corneale, con tecniche come la topografia corneale e la pachimetria. Un altro aspetto altrettanto importante è la valutazione della salute oculare generale. Il chirurgo dovrà escludere la presenza di cataratta, glaucoma, malattie della retina o sindrome dell’occhio secco, che potrebbero influenzare l’intervento o i suoi risultati.

Il giorno dell’intervento

Qualora il medico dia il via libera all’intervento, la clinica programmerà l’operazione con la tecnica scelta dal chirurgo in base ai difetti da correggere. 

Prima dell’intervento di chirurgia refrattiva laser, ci sarà una preparatoria, che include anzitutto la somministrazione di gocce anestetiche locali per far sì che la procedura sia completamente indolore. Tieni in considerazione che la microchirurgia oculare non richiede un’anestesia generale, perché l’intervento è ambulatoriale, senza necessità di ricovero e minimamente invasivo.

Durante l’intervento, che durerà una manciata di minuti in totale, il chirurgo utilizzerà un laser di precisione per rimodellare la cornea, correggendo i difetti refrattivi. Una volta terminato l’intervento, potrai tornare a casa. La maggior parte delle operazioni non richiede bendaggi.

Post-operazione e recupero

Una delle preoccupazioni più comuni di chi sta pensando di scegliere un intervento di chirurgia refrattiva riguarda i tempi di guarigione e post-operatorio. In realtà i tempi di recupero sono veramente rapidissimi: si parla di qualche giorno nel caso della PRK e di qualche ora per le tecniche più all’avanguardia come la ReLEx SMILE.

Subito dopo l’intervento non proverai dolore: al massimo, potresti provare una sensazione di fastidio o bruciore negli occhi, che è comunque temporanea e diminuirà nelle ore successive all’operazione. 

Per quanto riguarda la cura post-operatoria, Il chirurgo ti darà indicazioni specifiche per l’utilizzo, ad esempio, di specifici colliri antinfiammatori e antibiotici per prevenire le infezioni e ridurre l’infiammazione. 

Nei giorni successivi all’intervento, dovrai evitare alcune attività che potrebbero stressare la vista, come ad esempio nuotare, andare in luoghi molto umidi come le SPA e applicare make-up. 

Conclusioni

Se stai pensando di abbandonare per sempre gli occhiali, la chirurgia refrattiva è la soluzione ideale. Scegliendo la microchirurgia oculare, potrai avere una vera alternativa duratura ad occhiali e lenti a contatto, risparmiando soldi sul lungo periodo e guadagnando una maggiore libertà sul lavoro e nel tempo libero. 

Queste tecniche sono estremamente “democratiche”: quasi tutte le persone affette da disturbi comuni della vista possono sottoporsi all’operazione. Per saperne di più, il primo passo è scegliere una clinica affidabile e iniziare con una valutazione preliminare. In caso di idoneità, potrai sottoporti all’intervento e recuperare la salute della tua vista, migliorando la qualità della tua vita.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]