Belve, Margherita Buy: “Il bacio più bello sul set è stato con la Ferilli”

di Manuela Zanni


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Margherita Buy è stata una delle ospiti della puntata dello scorso martedì 23 aprile di Belve. Nel salotto di Francesca Fagnani l’attrice, inizialmente a disagio, successivamente ha mostrato di lasciarsi andare a rivelazioni piuttosto intime che non avremmo mai immaginato. Scopriamo, di seguito, cosa ha raccontato la nota artista romana.

Margherita Buy: ” Mi sento un lemure”

L’intervista inizia con una premessa: “Io non mi sento una belva, piuttosto sono un lemure. Io vado a giorni. Di che umore sono? Buonissimo. Hai intenzione di farmelo cambiare?”. 

La frecciatina a Carlo Verdone

Margherita Buy è una storica partner artistica di Carlo Verdone. Proprio sull’attore e regista romano, l’attrice ha commentato: “Ha detto che bisogna sopportare le mie stranezze? Vabbè, ma l’ha detto Verdone, mica la cassazione. Sono migliorata, diglielo a Verdone che è un po’ che non ci vediamo”.

“Con Sergio Rubini, un matrimonio sbilanciato”

Non le ha mandate a dire neanche all’ex marito Sergio Rubini: “È una donna finta fragile, è una molto solida. Lo prendo come un complimento. Sono fragile ma sono affidabile, su di me ci si può contare”. Sergio era una persona molto complicata, non lo vedeva bene mio padre, non lo vedeva bene mia madre e nemmeno mia sorella. Un rapporto molto sbilanciato”. 

“Un difetto? Sono piena di paure e faccio risse”

Sono piena di paura e questo è un difetto, per me e per le persone che mi stanno vicino. La cosa meno chic che ho fatto nella mia vita? Faccio sempre cose ‘meno chic’. Diciamo che ho menato delle persone, c’ho avuto un periodo strano. Mi piaceva fare la rissa. Tipo a Bologna, mi ricordo, ma ho dei vaghi ricordi perché ho preso molto prosecco quella sera. Comunque, c’ho avuto un momento rissa. Chi capitava, capitava: donne, uomini.

” Da tempo non prendo più premi”


Margherita Buy ha poi commentato il fatto di essere “la più premiata del cinema italiano”, anche se ormai da tempo non riceve un premio: “La più premiata del cinema italiano? Sì, se non me li assegnano io ci resto male. Ma con questa storia che sono la più premiata è da parecchio che non me ne assegnano. Ricevere tanti premi fa più antipatia, certo. Simpatia a chi? Figuriamoci. C’è chi ha storto il naso alcune volte perché magari mi hanno dato dei premi, penso alla Giuliana De Sio. Ci rimase male, ma che ci posso fare? Non è che mi metto lì a dire ‘datemi il premio’. Sono stata fortunata e ho avuto ruoli bellissimi nella mia carriera. Paola Cortellesi? Il suo film ha un tema importante. Ha colto l’attimo? Non l’ho mai detto. Lei è bravissima, più brava di me in tante cose, ma anche Elena Sofia Ricci è più brava di me in alcune cose”. Laura Morante fu scelta per La stanza del figlio al posto suo: “Ci rimasi male, ma era più giusta Laura”. 

Margheritò Buy, le scene di nudo e il bacio con Sabrina Ferilli

Margherita Buy ha, poi, parlato della vergogna di girare le scene di nudo. “Credo dipenda dal fatto che non mi piaccio e non accetto il mio corpo” ha confessato e poi ha aggiunto: Nel film “Io e lei” con Sabrina Ferilli, ha poi raccontato che si sono baciate grazie al fatto che Sabrina Ferilli aveva portato le grappe: “Meno male che lei ce l’aveva. Aveva questa borsa con dentro le grappe, di vario genere. Però devo dire che è stato un bacio bellissimo. Non mi sono vergognata con lei. Non sono neanche stati contenti del bacio perché s’aspettavano dell’altro. Attrazione per Sabrina? Non è male, ha una pelle liscia e tutto al posto giusto. Non so se mi attraesse. Ero troppo ubriaca per ricordarlo, ma non è stata una brutta cosa a differenza di altri baci con altri colleghi uomini di cui tempo il giudizio, mentre con lei no.


Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Il 27 maggio del 1999 usciva “50 Special”, il brano d’esordio dei Lùnapop dedicato alla celebre Vespa e scritto da un giovane studente bolognese, Cesare Cremonini. Il singolo, prodotto dalla Universo, una piccola etichetta indipendente romana, diventerà, però, presto un tormentone musicale, cantato e ballato dai giovani ad ogni occasione, segnando così per la band […]