Agnocasto per la sindrome premestruale, un rimedio efficace

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Se anche tu soffri della sindrome premestruale, sappi che sei in buona compagnia. Si stima infatti che circa l’ottanta per cento delle donne in età fertile soffra di questo disturbo. I più comuni sintomi della sindrome premestruale sono tristezza, irritabilità, sbalzi di umore, aumento dell’appetito, dolore al seno, mal di testa ed in generale un senso di fastidio diffuso.

Ma cosa causa la sindrome premestruale? Purtroppo sono gli sbalzi ormonali che precedono l’arrivo del mestruo a causarci così tanti fastidi. In particolare l’aumento della prolattina è causa dei dolori al seno mentre lo sbilanciamento fra il livello di progesterone (che in questi giorni cala) e il livello di estrogeni (che al contrario si innalza) determina i sintomi psicologici.

Per cercare di curare la sindrome premestruale esistono vari rimedi naturali, fra cui avere un’alimentazione equilibrata e svolgere una moderata attività fisica. Anche la fitoterapia ci viene in aiuto ed in particolare suggerisce di curare la sindrome premestruale con l’agnocasto. Ma di cosa si tratta?

L’agnocasto (il cui nome scientifico è Vitex Agnus Castus) è un arbusto della famiglia delle Verbenacee. La pianta è originaria dell’Europa mediterranea ma è diffusa anche nelle zone tropicali. Il suo utilizzo risale all’antichità, nel Medioevo ad esempio veniva utilizzata dai monaci perché, proprio grazie alla sua azione sugli ormoni sessuali, sembrava avere un effetto di leggera inibizione della libido.

La parte della pianta che ha un effetto fitoterapico contro i sintomi della sindrome premestruale è rappresentata dai frutti che contengono oli essenziali, alcaloidi, flavonoidi e iridoidi. Il modo in cui l’agnocasto agisca contro i sintomi della sindrome premestruale non è del tutto chiaro. Alcuni studi hanno dimostrato che l’agnocasto agisce inibendo la secrezione di prolattina (e diminuendo pertanto i sintomi della mastalgia). Inoltre, attraverso un meccanismo ormone-simile, agisce sul corpo con un’azione progestogenica, compensando quindi i bassi livelli di progesterone naturale tipici di questo periodo. 

Oltre ad agire positivamente sui disturbi della sindrome premestruale, i preparati a base di agnocasto sembrano avere effetti benefici anche sulla regolarizzazione del ciclo e sui principali fastidi della menopausa. Chiedete consiglio in erboristeria e al vostro medico di fiducia per saperne di più.

Potrebbe interessarti anche