09 Febbraio 2016 |

Tapioca, proprietà, usi e controindicazioni

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Tapioca, proprietà usi e controindicazioni di questa preziosa farina con un forte impatto energetico, che ormai viene sempre più spesso utilizzata per preparare le pappe dei bambini al posto della crema di riso. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

La tapioca è una farina che viene ricavata dai tuberi della manioca e che spesso viene chiamata proprio farina di tapioca o amido tapioca. Si tratta in ogni caso di una farina molto delicata per l’intestino che non contiene glutine e che viene spesso utilizzata per la preparazione della pappe durante la fase dello svezzamento.


Proprietà della tapioca

E’ una farina molto fine e digeribile, che però si ottiene attraverso un processo piuttosto lungo e laborioso, e viene utilizzata per la preparazione di creme a base vegetale e pappe per i piccoli, ma in generale è molto adatta a chi ha problemi di stomaco o l’intestino particolarmente delicato. Vanta proprietà energetiche eccezionali, motivo per cui ne viene consigliato il consumo ai pazienti in fase di convalescenza. E’ una farina che apporta al nostro organismo quasi ed esclusivamente carboidrati, oltre ad una piccola percentuale di proteine, motivo per cui dovrebbe far parte dell’alimentazione dei bambini, ma non è propriamente dietetica, di conseguenza quasi mai la ritroverete in una dieta. Contiene anche potassio, ferro, calcio e fosforo ed è povera di lipidi.

Usi della tapioca

Oltre che nella preparazione di pappe, la farina di tapioca può essere utilizzata come ingrediente sostitutivo in tutte le ricette che includono fecola di patate, amido di mais o farina di riso. In cucina viene spesso utilizzata come addensante o legante, soprattutto nei dolci senza uova, nei passati di verdure, nelle vellutate e nelle zuppe.

Controindicazioni

Non ha particolari controindicazioni, ma i diabetici dovrebbero tenere conto che l’indice glicemico della tapioca, essendo questa farina ricca di carboidrati, non è bassissimo ma neppure alto, ma che comunque è il caso di consultare il medico prima di consumarla regolarmente. Non è sicuramente adatta a una dieta che si basa sul conteggio delle calorie, ma garantisce un apporto energetico elevato, per cui è il caso di decidere insieme al nutrizionista se inserirla in un regime alimentare che ha l’obiettivo di farci perdere peso.

LEGGI ANCHE:

10 cibi che fanno bene alla circolazione

Segale, tutte le proprietà benefiche per la salute

 

Potrebbe interessarti anche