Come faccio a sapere quando sono rimasta incinta?

di Alice Marchese

Il ciclo mestruale che salta è uno dei sintomi che ci fa pensare ad una gravidanza. Uno dei sintomi più comuni, ma non è il solo. In genere si cominciano a manifestare intorno alla quinta o sesta settimana di gravidanza: il 60% delle donne manifesta alcuni segni i gravidanza già cinque o sei settimane dopo l’ultima mestruazione. Ma come fare a calcolare il giorno preciso?

Come so quando sono rimasta incinta?

Una delle domande più frequenti è proprio questa. Per datare la gravidanza i medici si riferiscono in genere al giorno d’inizio dell’ultima mestruazione. La durata della gestazione è approssimativamente di 280 giorni, cioè 40 settimane a partire dal giorno preso come riferimento.

La data presunta del parto, quindi, si calcola aggiungendo nove mesi e una settimana (280 giorni, appunto) al primo giorno dell’ultima mestruazione.

Leggi anche: “Gravidanza: cosa non devi fare quando sei incinta”

Perché si calcola in settimane?

Importantissimo da sottolineare che la gravidanza non dura esattamente nove mesi di calendario, ma dieci mesi lunari, che coincidono con 280 giorni (40 settimane). Come riporta MyPersonalTrainer.it,  la datazione della gravidanza viene effettuata in settimane per rendere le indicazioni precise, in considerazione del fatto che le settimane sono sempre fatte di 7 giorni, mentre i mesi hanno un numero di giorni variabile (es. ottobre ha 31 giorni; novembre 30 e così via).

Attenzione però: molti di questi sintomi possono anche indicare che le mestruazioni stanno arrivando e sono causati dalle fluttuazioni ormonali che regolano il ciclo mensile.

Il metodo davvero infallibile per sapere se è avvenuto il concepimento è fare un test di gravidanza, ma bisogna aspettare prima di farlo. In genere dobbiamo attendere che le mestruazioni non arrivino dopodiché possiamo fare il classico test di gravidanza casalingo che analizza la presenza di ormoni Beta Hcg nelle urine.

Questi ormoni vengono prodotti solo se c’è una gravidanza in atto: i più moderni test di gravidanza possono dare un risultato abbastanza accurato già dopo due settimane dall’avvenuto concepimento.

Test di gravidanza: quando farlo

Tra i segnali a cui è meglio fare attenzione, e che richiederebbero l’utilizzo di un test di gravidanza nel caso si sia avuto un rapporto sessuale (protetto o meno) indichiamo:

  • Salto mestruale – Le mancate mestruazioni però non significano automaticamente che vi sia una gravidanza in corso;
  • Dolori addominali/pelvici;
  • Seno dolorante;
  • Nausea;
  • Difficoltà a mangiare alimenti abituali;
  • Minzione frequente;
  • Stanchezza mentale.

Ovviamente è necessario consultarsi con uno specialista qualora ci siano questi sintomi. Ci si deve accertare che questi sintomi siano riconducibili ad una gravidanza.

Leggi anche: “Come e quando fare il test di gravidanza”


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Se si sospetta di essere incinta, il desiderio più grande è quello di saperlo subito. Ma a volte è necessario rispettare delle tempistiche ben precise prima di fare un test di gravidanza. Attesi i dovuti giorni, si può andare in farmacia per acquistarlo e poi eventualmente, qualora sia positivo, rivolgersi al proprio medico per accertarsi […]

2 min

Il parto in acqua è una pratica divenuta sempre più popolare e frequente tra le future mamme. Uno degli obiettivi è quello di rendere quel momento più leggero e meno doloroso possibile. Spesso il parto è temuto per via del trauma che inevitabilmente causa ed eventualmente per quello che potrebbe succedere al bimbo. Ma come […]

2 min

Il periodo della gravidanza è un momento abbastanza delicato per le donne e spesso ci si chiede cosa si possa fare e cosa è meglio evitare. Ma qualora la gravidanza non sia totalmente serena, è opportuno.  consultare il proprio ginecologo. Banditi sono l’alcol, attività fisica che possa mettere a rischio la gestazione. Anche il fumo […]

2 min

Prima tre aborti spontanei, l’ultimo dei quali stava quasi per costarle la vita. Poi una nuova gravidanza. Che già di per sé significava tanto, tantissimo per lei. Ma che poi si è rivelata veramente “speciale”. Sì, perché Cara Winhold, 30 anni, texana, ha avuto due gemelli dopo essere rimasta incinta mentre era già incinta. Un […]

3 min

Una delle domande più frequenti relativi alla dolce attesa è: ma è possibile mangiare le cozze in gravidanza? Le cozze sono tra i frutti di mare più amati e utilizzati nella nostra cucina. Costano poco, sono gustose e in più contengono l’importante vitamina B12. Mangiare cozze in gravidanza: controindicazioni? A quanto pare le future mamme […]