11 Ottobre 2021 |

Halloween, origini e ricette dolci della festa più “spaventosa” dell’anno

di Manuela Zanni

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
  • Idee per dessert  spaventosi per la notte di Halloween?
  • Ecco alcune  ricette per dolci  da brivido: dalla Pumpink Pie, alla mousse lapidaria, passando per il dessert di Dracula, il budino con occhio, la crema di ragno e le pozioni magiche.
  • Allettanti? Non tanto, vero? Però sono certamente gustosi e divertenti!

Per i “puristi” della tradizione italiana, la notte di Halloween, che si festeggia tra il 31 ottobre e il 1 novembre,  rappresenta una festività contraria al valore che si attribuisce alla ricorrenza  del 2 novembre  di “onorare” i defunti.

 

Il bello di accogliere le usanze di altri paesi

 

Per questo motivo  questa festa  viene da molti “demonizzata” poiché ritenuta poco consona al significato di rispetto e solennità che si confà a questa celebrazione. In realtà, come tutte le tradizioni mutuate da altri popoli, in questo caso è  l’America a dare i natali alla notte più “temuta” dell’anno, se  accolta con benevolenza e presa “a piccole dosi”, si può onorare questa tradizione statunitense mostrandosi aperti alle abitudini altrui ( ad esempio truccarsi da zombie)

Parola d’ordine: tolleranza

In un momento storico in cui si assiste quotidianamente alle conseguenze negative derivate dall’ intolleranza nei confronti di ciò che è diverso da noi,  per razza, gusti sessuali, religione etc.,  tacciare negativamente usi e abitudini di un popolo, per difendere a spada tratta le proprie, può rappresentare un atteggiamento ai confini con la xenofobia, laddove, l’apertura all’altro , al nuovo e, appunto, al diverso può e deve rappresentare una forma di rispetto necessaria nei confronti di ciò che è “altro da sè”.

Le origini di Halloween

La parola Halloween rappresenta una variante scozzese del nome completo “All-Hallows-Eve”, cioè la notte prima di Ognissanti. Si tratta una festività di origine celtica che ha assunto le forme con cui oggi la conosciamo negli Stati Uniti e che si celebra la notte del 31 ottobre. L’usanza si è poi diffusa anche in altri paesi del mondo e le sue caratteristiche sono molto varie: si passa dalle sfilate in costume ai giochi dei bambini, che girano di casa in casa con la nota formula “dolcetto o scherzetto”. Tipica della festa è la simbologia legata al mondo dell’occulto, così come l’emblema della zucca intagliata, derivato dal personaggio di Jack-o’-lantern.

Il tema della morte

Sembra che, inizialmente, la festa  fosse   un tempo per raduni festivi  e non c’è evidenza che fosse connesso con la morte in epoca precristiana, o che si tenessero cerimonie religiose pagane. L’associazione centrale col tema della morte  e con il soprannaturale sembra affermarsi in un periodo successivo, fino a divenire  evidente nella più recente evoluzione della festa, con le sue maschere macabre.

La tradizione di intagliare le zucche

 

Lo sviluppo di oggetti e simboli associati ad Halloween si è andato formando col passare del tempo. Ad esempio l’uso di intagliare zucche con espressioni spaventose o grottesche risale alla tradizione di intagliare rape per farne lanterne con cui ricordare le anime bloccate nel Purgatorio. La rapa è stata usata tradizionalmente ad Halloween in Irlanda e Scozia  ma gli immigrati in Nord America usavano la zucca originaria del posto, che era disponibile in quantità molto elevate ed era molto più grande – facilitando il lavoro di intaglio. La tradizione americana di intagliare zucche risale al 1837 ed era originariamente associata con il tempo del raccolto in generale, venendo associata specificatamente ad Halloween soltanto verso la seconda metà del Novecento.

“Dolcetto o scherzetto”?

I bambini vanno travestiti di casa in casa chiedendo dolciumi e caramelle o qualche spicciolo con la domanda “Dolcetto o scherzetto?”. La parola “scherzetto” in realtà è la traduzione dell’inglese “trick”, cioè una “ minaccia” di fare danni ai padroni di casa o alla loro proprietà se non viene dato alcun dolcetto (“treat”).Questa usanza risale al Medioevo e si rifà alla pratica tardomedievale dell’elemosina, quando la gente povera andava porta a porta a Ognissanti (il 1º novembre) e riceveva cibo in cambio di preghiere per i loro morti il giorno della Commemorazione dei defunti (il 2 novembre).

 

Sebbene negli ultimi anni la festività di Halloween abbia assunto carattere meramente  consumistico, con un oscuramento progressivo dei significati originari in cui i party in maschera e festeggiamenti tematici superano il tipico valore tradizionale, preparare in questo giorno pietanze tipiche  e offrire caramelle ai bambini al motto di “ dolcetto o scherzetto” è comunque un modo simpatico per accogliere, per un giorno, tradizioni altrui, senza, tuttavia, dimenticare le proprie.
Per questo motivo, di seguito, vi proponiamo alcune  ricette  originali tra cui  la Pumpkin Pie, dolce,   tipicamente americano,  a base di zucca, che si prepara in autunno, perfetto per la Notte di Halloween.

Pumpink Pie

Ingredienti

  • per la base (pie crust)
  • 160 gr di farina,
  • 1/2 cucchiaino di sale,
  • 1/2 cucchiaino di zucchero,
  • 110 gr di burro freddo tagliato a cubetti (o margarina senza grassi idrogenati)
  • 40 ml di acqua freddissima
  • 1 cucchiaino di aceto di mele.

Per il ripieno

  • Una zucca da 3 Kg
  • 180 gr di zucchero di canna
  • 200 gr di melassa o sciroppo d’acero
  • cannella, chiodi di garofano, zenzero e noce moscata a piacere
  • 180 ml di latte (vegetale)
  • 180 ml di panna (vegetale)
  • tre uova (o due yogurt di soia)

Preparate il pie crust  unendo la  farina, il sale, lo zucchero, il burro freddo tagliato a cubetti,
l’ acqua freddissima e l’aceto di mele. Lasciate riposare in frigo e poi stendetela. A questo punto lasciatela in freezer per un’ora circa. Per preparare il ripieno cuocete la zucca  in forno a 200° per circa un’ora e mezza  privata  dei semi e tagliata a pezzi. Una volta morbida, eliminate la buccia e cuocete tutto a fuoco basso con lo zucchero di canna mescolato con la melassa (o sciroppo d’acero), cannella, chiodi di garofano, zenzero e noce moscata in quantità a piacere.
Lasciate raffreddare il composto una volta pronto e frullatelo. Aggiungete il latte e la panna fresca mescolando con una frusta, poi  le uova, uno alla volta. A questo punto cuocete il pie crust  in forno a 180° per 10 minuti coperto con dei fagioli e poi riempitela per completare la cottura. La pumpkin pie sarà pronta quando la crema si sarà solidificata all’esterno con delle piccole crepe, ma sarà rimasta morbida al centro. Servitela tiepida con la panna semi montata.

Dessert pozione magica

Procuratevi delle ampolline da strega e procedete così: fate “espandere” la tapioca mettendola in un po’ di latte tiepido, preparate il budino di riso alle mandorle e versatelo nelle ampolline, riempiendole per metà. Cospargete la parte superiore con lo sciroppo di fragola e con le perle di tapioca, che faranno l’effetto “schiuma” della vostra pozione magica. Decorate con cioccolatini e cucchiai a tema Halloween.

 

Mousse “lapidaria”

Anche se non è il massimo da vedere,  di certo sarà buonissima da mangiare come dessert di Halloween!

  1. Preparate una buona Ganache di cioccolato. Versate nei bicchieri di plastica trasparenti.
  2. Incorporate in 3 albumi montati a neve del colorante alimentare verde e cuocete in forno delle meringhe color verde menta.
  3. Decorate con un biscotto quadrato ogni mousse e aggiungete le meringhe verdi come vedete in figura. Aggiungete un stecchino di legno e otterrete le vostre mousse lapidarie.

Crema di ragno

La crema di ragno si ottiene tingendo di verde della crema chantilly: montate la panna incorporando del colorante verde e, una volta che avrete ottenuto l’effetto desiderato, versatela sui wafer freschi in alcune coppette su cui appoggerete dei ragnetti di cioccolato o di plastica. L’effetto da brivido è assicurato!

Dessert di Dracula

Un bel dessert di Dracula? E’ quello che vi dovete aspettare se andate ad un party horror per il giorno di Halloween. Per realizzarlo occorrono delle ampolle di vetro o provette da laboratorio.

 

  1. In una pentola mettete un litro di latte, 100 gr di zucchero, la scorza grattugiata di un limone, una stecca di vaniglia e un cucchiaino di cannella;
    portate a ebollizione e poi aggiungete 300 gr di riso, cuocetelo a fuoco dolce fino a quando il latte di sarà assorbito del tutto. Il riso deve essere cotto e diventare cremoso, se si asciuga troppo potete aggiungere un pochino di latte caldo e continuare la cottura.
  2. Dividete il riso nelle ampolline e poi aggiungete dello sciroppo di fragola. Abbastanza raccapriccianti, vi pare?

Il budino a forma di occhio

Il budino a forma di occhio è ciò che vi serve per chiudere in bellezza una cena-buffet di Halloween con ricette e sorprese sconcertanti. Il cake design di Halloween, d’altra parte, è unico nel suo genere e ci si può sbizzarrire a creare un sacco di torte horror, dolci dalle forme curiose e manicaretti che se non sono belli, sono certamente buoni e divertenti.

Per fare il budino mettete al centro di una “pozza” di sciroppo di fragola, una budino tondo con una fetta di kiwi in superficie che funga da pupilla. Fate l’iride con un mirtillo tagliato a metà e l’effetto orripilante è assicurato!

La torta cimitero

Per chiudere in “allegria” non poteva mancare la classica  torta cimitero, un vero e proprio must per ogni festa di Halloween che si rispetti, in grado di aggiungere la giusta atmosfera ad una serata davvero horror.