Sindrome di Clérambault, la “malattia” di chi ama non corrisposto

di Danila

Amore non corrisposto. È successo a tutti almeno un paio di volte nella vita: sono circostanze su cui ci siamo fatti una bella risata, ma non sempre, perché per qualcuno anche l’amore a senso unico può diventare un problema serio e sfociare in una vera e propria patologia, la cosiddetta sindrome di Clèrambault.

Anche conosciuta come erotomania, questa patologia si caratterizza per una sorta di fissazione nei confronti di una persona che non ricambia i sentimenti, ma il soggetto che ne soffre, purtroppo, non riesce ad analizzare la cosa in modo razionale. Al contrario, si convince che il suo amore sia ricambiato, pensando di instaurare una relazione con il malcapitato o la malcapitata di turno, convincendosi di vivere una storia d’amore con una persona che in realtà non è assolutamente interessata.

Nel momento in cui si riconosce la sindrome di Clèrambault significa che il soggetto ha già manifestato atteggiamenti persecutori tipici dell’erotomane e di chi vive i sentimenti in modo ossessivo e malato. Nei casi più gravi, per esempio, la vittima può persino essere oggetto di violenze fisiche e mentali. Ma è bene non confondere l’erotomane con un soggetto che ha delle fissazioni e perversioni di tipo sessuale: il tipico soggetto di questa sindrome, per esempio, è il fan mitomane; l’esempio che molto spesso De Clerambault, lo psichiatra che ha studiato questa sindrome,   ha riportato è quello di una donna di cinquant’anni circa che sosteneva che attraverso il modo in cui a Buckingham Palace venivano spostate le tende, Re Giorgio V le inviasse dei messaggi d’amore.

Il problema è che in questi casi è molto difficile, quasi impossibile, riuscire a convincere queste persone “malate d’amore” che i loro sentimenti non sono ricambiati, anche perché qualsiasi rifiuto viene sempre giustificato. Gesti plateali, gelosia ossessiva, tenacia, sono alcuni degli atteggiamenti tipici di chi soffre della sindrome di Clèrambault, tutti fattori che almeno in una fase iniziale possono lusingare, perché scambiati per gesti romantici e genuini, ma che a lungo andare peggiorano e diventano pressanti.

LEGGI ANCHE:

Come si cura la gelosia ossessiva, reagire al mal d’amore

Gelosia, come sconfiggerla


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Quando si tratta di infedeltà, a volte ci sono piccoli segnali a cui noi non vogliamo prestare la dovuta attenzione. Spesso sono lì, ma non vogliamo accettarlo. È pur vero che qualora si nutrano dei sospetti è giusto comunicare al partner le vostre incertezze. Scopri i 4 segni che ti sta tradendo. 1. Infedeltà, quando […]

2 min

I sentimenti sono estremamente complicati e dimenticare l’ex lo è ancora di più. Sebbene la relazione non ci rendesse pienamente felici, a volte rimaniamo ancorate a tantissimi momenti, emozioni ed è difficile se non impossibile lasciarsi tutto alle spalle. Ma si può fare, l’importante è focalizzarsi su se stessi e andare avanti, occupando il tempo […]

2 min

Fare l’amore è un’attività che porta tantissimi benefici. Un modo per conoscere meglio se stessi e anche la coppia e può decisamente rivoluzionare tutto. In particolar modo ci sono stati degli studi che hanno confermato che esistono dei motivi tangibili per cui è importante farlo quotidianamente. Scopriamoli insieme. 1. Fare l’amore ci rende più in […]

2 min

Quando il proprio partner mente ci sono dei segnali lampanti che ci permettono di riconoscere una bugia. Il corpo parla molto più di qualsiasi altra cosa, quindi ecco tutti i comportamenti che ci lasciano intuire che c’è qualcosa di strano. Il partner cambia continuamente la posizione della testa Se vedete che l’altro muove improvvisamente la […]