06 Agosto 2012 |

Come si cura la gelosia ossessiva: guarire dal mal d’amore

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

La gelosia è una “passione” molto comune e spesso sottovalutata. Può essere costruttiva e ben tollerabile, ma in qualche caso può raggiungere livelli eccessivi, tali per cui potremmo persino definirla patologica o possessiva.


In una coppia, ma in generale in una relazione a due, è normale provare anche un briciolo di gelosia nei confronti dell’altro, anzi  proprio la gelosia, probabilmente, è un ingrediente fisso che caratterizza quasi tutti i rapporti, che siano d’amore, d’amicizia o di stima. Ma ci sono casi in cui questo atteggiamento si caratterizza come una forma di ossessione, e questo avviene più nelle relazioni sentimentali, dove tale passione si caratterizza con paura di perdere il partner, ma spesso è proprio questo mal d0amore ad allontanare, un po’ per sfinimento un po’ per sfiducia, la persona amata.

Non è assolutamente semplice tracciare una linea di demarcazione tra la gelosia comune, che in qualche caso diventa molto pressante, da una patologia vera e propria che ha bisogno di essere curata, e il passaggio dalla gelosia sana a quella “patologica” avviene quando la paura di perdere la persona amata si trasforma in un pensiero fisso e costante che ci reca dolore, paradossalmente anche nei momenti più felici della coppia. Il malato di mal d’amore non riesce più a godersi la felicità e la serenità della vita di coppia, perché vive ossessionato dal pensiero che tutto ciò possa finire. 

Quali sono le cause della gelosia ossessiva?

Alla base sicuramente c’è un problema di scarsa autostima, cosa che fa scattare nel soggetto geloso la possessività nei confronti dell’altro. Ma in realtà il malato di mal d’amore, in genere, è un soggetto affetto da “sindrome dell’abbandono”, trauma che può anche risalire a qualche trauma infantile, magari una separazione familiare.

Come si guarisce dalla gelosia ossessiva?

La maggior parte di coloro che provano gelosia, riesce a venirne fuori quando materialmente giunge alla consapevolezza che le garanzie in amore non esistono, e che non esistono legami che non possano sciogliersi. A questo punto il geloso si rende conto che, al contrario, questo sentimento ossessivo, non fa che ledere il rapporto di coppia, e allora cerca di venire fuori da solo semplicemente facendosene una ragione, o grazie alle rassicurazioni del partner.

Per il geloso patologico le cose sono più complicate, perché comincia ad immaginare insidie e sotterfugi laddove invece non ce ne sono, ed è  a questo punto che bisogna rivolgersi ad un esperto, e a farlo dovrà essere il partner, perché il soggetto malato di mal d’amore non ha la lucidità per rendersi conto di vivere tra fantasmi e cose immaginate. Può essere dura, in alcuni sarà necessario persino una terapia farmacologica a base di ansiolitici e antidepressivi, e anche la psicoterapia sarà una tappa importante del processo di guarigione.

Potrebbe interessarti anche