Pulizia tappeti: metodi e prodotti da utilizzare

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

span.c3 {line-height: normal; margin-top: 10px; color: #6f472d;}

Anche le macchie sono le “nemiche” numero uno dei nostri tappeti, e bisogna trovare metodi il più sicuri ed efficienti possibili per poterli asportare al meglio. Prima di tutto distinguiamo da tappeto a tappeto, in base ai tessuti di cui sono fatti.

[prodotti_amazon]
[amazon] Polvere per pulizia tappeti a secco [/amazon]
[amazon] Smacchiatore tappeti con spazzola [/amazon]
[amazon] Spray pulizia tappeti [/amazon]
[/prodotti_amazon]

  • Per pulirne uno prezioso, come i tappeti orientali, è consigliabile affidarlo nelle mani di un esperto, in modo tale da evitare troppi rischi.
  • Per i tappeti di lana ci basta una spazzola mediamente morbida per tenerlo in ordine, e di seguito asportare il pelucco con un aspirapolvere, questa operazione va fatta una volta ogni tanto.
  • I tappeti di fibra sintetica sono più di facile manutenzione, possono essere spazzolati molto più spesso e alcuni modelli possono anche essere infilati tranquillamente in lavatrice.

Gli acari sono facili a depositarsi sui tappeti, quindi spesso solo una passata con l’aspirapolvere non basta, e per questo problema esistono sul mercato degli spray antiacari, i quali possono essere spruzzati direttamente sui tappeti, ma solo dopo aver passato sopra l’aspirapolvere. Per quanto riguarda la pulizia delle macchie, sempre sul mercato esistono detergenti schiumogeni o shampoo per pulire i tappeti, prodotti da utilizzare con attenzione e seguendo attentamente le istruzioni indicate sui prodotti.

Prima di procedere a pulire qualsiasi macchia dobbiamo fare un test di prova, per vedere se quel prodotto non procuri altri problemi, come macchie indesiderate su quella già esistente. Ci basta fare una prova applicando su una parte nascosta del tappeto il prodotto, e vedere la reazione. Se non ci sono brutte conseguenze, allora possiamo procedere ad applicare il prodotto sulla nostra macchia da togliere, ma prima di fare questo dovremo mettere sul retro della macchia della carta assorbente. Dopo aver utilizzato il prodotto, è consigliabile tamponare con carta assorbente anche sulla parte appena smacchiata, in modo tale da asciugare il tutto.

In base al tipo di liquidi che sono stati versati sopra il tappeto, dovremo pulire con diversi metodi, eccovi alcuni suggerimenti.

  • Per le macchie di vomito, sangue, uova e cioccolato bisogna utilizzare acqua fredda. Per la colla
  • Per chi ha versato della cera o del chewing gum, bisogna prima di tutto posare del ghiaccio (possibilmente dentro una busta trasparente sigillata) sulla macchia, e successivamente grattare con un coltello in modo delicato quanto più è possibile, infine posate della carta sulla macchia, e tamponate su di essa con un cucchiaino riscaldato. Per scaldarlo vi basta tenere per qualche secondo un accendino sotto il cucchiaino, e ripetere l’operazione per diverse volte.
  • Per l’erba bisogna tamponare la macchia con un po’ di alcol, e poi sciacquare con una soluzione di acqua e alcol. Per l’olio bisogna tamponare con carta assorbente fino a che non sarà il più asciutto possibile, e poi procedere con il nostro prodotto come per tutte le altre macchie.
  • Per le macchie di sangue fresco bisogna tamponare con acqua minerale fredda, e poi passare all’utilizzo del prodotto smacchiante. Se la macchia è secca si può utilizzare dell’acqua ossigenata, ma rimane il rischio che il tappeto si decolori, quindi se volete correre il rischio prima fate una prova su una zona nascosta del tappeto. Anche in questo caso dovrete tamponare prima con acqua fredda e poi con il prodotto smacchiante.

Altre macchie indesiderate sono spesso create dai nostri animali domestici. Se avete un cane o un gatto potrebbe esservi capitato più volte di aver trovato dei “ricordini” sul vostro tappeto, quindi anche in questo caso abbiamo bisogno di pulirlo al meglio.

  • Per il vomito e i bisogni, stendete della sabbia per gatti sopra, così da rendere più facilmente asportabile il tutto, successivamente asportateli con una spazzola e una paletta. Mettete, come per tutte le altre macchie, della carta assorbente sotto il tappeto.
  • Per il vomito tamponate prima con acqua fredda e aceto bianco (in una soluzione fatta per metà di acqua e metà di aceto), successivamente passate il prodotto. Infine passate sopra la macchia una spugna inumidita con del disinfettante, e tamponate con carta assorbente bianca.
  • Per le feci bisogna utilizzare dell’acqua minerale sulla macchia, e successivamente il prodotto, infine tamponate con acqua tiepida e un po’ di disinfettante, per poi asciugare il tutto con la carta assorbente.
  • Per l’urina bisogna procedere tamponando subito con acqua minerale e successivamente con il prodotto smacchiante, infine tamponate con un pò di disinfettante. Per attenuare la perdita del colore su questo tipo di macchia nel tempo, potete infine passare, sempre tamponando, una soluzione di un litro di acqua con un cucchiaio di ammoniaca.

Come sempre, se non riuscite a risolvere da voi il problema, è consigliabile portarlo a farlo pulire da esperti.

 

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Chi vive in città costiere è abituato alla presenza dei gabbiani, ma negli ultimi anni questi uccelli si sono adattati anche agli ambienti urbani, diventando una presenza costante anche in città. Attirati dai rifiuti alimentari e dai luoghi di nidificazione sicuri, i gabbiani possono arrecare fastidio, disturbando con i loro richiami, danneggiando proprietà e lasciando […]

Entrare in una casa e notare che è in ordine mette subito di buonumore: il profumo, le superfici lucide, l’assenza di polvere aiutano a sentirsi a proprio agio e a far percepire l’ambiente come curato. Che vogliate farlo per voi stesse, per la famiglia o per gli ospiti dovete sapere che una delle prime cose […]

La sedentarietà prolungata e l’assunzione di una postura scorretta sono le principali cause dei problemi che coinvolgono la schiena. Per ridurre l’impatto di una seduta impropria si devono adottare delle adeguate contromisure sia sui luoghi di lavoro che nelle abitazioni private. La sedia ergonomica rappresenta la soluzione più appropriata perché è in grado di sorreggere […]

Alzi la mano chi non ha mai avvistato in casa un pesciolino d’argento. Questi insettini di colore argento, dal corpo sottile e allungato, noti anche con il nome scientifico di “Lepisma saccharina“, si nascondono in qualsiasi ambiente della casa. Abilissimi nello sgusciare via, i pesciolini d’argento sono ospiti non graditi in casa, nonostante siano in […]