Hobby giardinaggio: tutto quello che c’è da sapere sulla coltivazione del lisianthus

di Carmela Giglio


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il Lisianthus o Eustoma, appartiene alla famiglia delle Gentianaceae e durante la stagione estiva produce delle infiorescenze caratterizzate da colori che variano tra il lilla e il viola. Talvolta, però, la pianta produce fiori delicati dai differenti colori e sfumature, come bianco, rosa, blu, giallo.

[prodotti_amazon]
[amazon] Lisianthus, semi del fiore bianco [/amazon]
[amazon] Fioriera in legno [/amazon]
[amazon] Terriccio mix 50 litri [/amazon]
[/prodotti_amazon]

Coltivare il Lisianthus è piuttosto semplice, anche se la pianta richiede particolari cure e attenzioni. Il lisianthus può essere coltivato partendo anche dai semi: vi occorrerà un vaso grande o una fioriera, del terriccio composto da terra nera e dei semi di lisianthus. La coltivazione va effettuata verso la fine di febbraio: occorre riempire il vaso con il terreno e spargere i semi sulla superficie, dopodichè bisogna ricoprirli con un leggero strato di terriccio nero.

C’è da dire che il Lisianthus può essere messo a dimora sia in vasi che in giardino. La pianta, però, teme il gelo eccessivo e la pioggia e non ama le temperature troppo calde, per cui occorre spostare la pianta in un luogo protetto e lontano da fonti di calore come ad esempio stufe, termosifoni o altro. E’ bene inoltre non posizionarlo in zone soggette a correnti d’aria, poichè non ama bruschi sbalzi di temperatura.

Il Lisianthus, poi, predilige la luce e le innaffiature poco abbondanti. Nella stagione primaverile ed estiva le annaffiature devono avvenire in modo più frequente, mentre durante la stagione autunnale e invernale devono essere diminuite; una cosa da evitare, in ogni caso, è il ristagno dell’acqua. Il rinvaso del Lisianthus, invece, deve essere eseguito in primavera ogni due anni circa. La pianta ha bisogno di un terriccio ricco e fertile, per cui si può miscelare della torba e della sabbia a della terra e ogni tre settimane circa si può concimare la pianta con del fertilizzante adatto miscelato all’acqua delle innaffiature. Esso deve contenere tutti gli elementi chimici indispensabili per la crescita e per il nutrimento della pianta.

Per quanto riguarda la potatura del lisianthus, invece, è sufficiente eliminare i fiori appassiti e le foglie secche o danneggiate, in modo tale da prevenire lo svilupparsi di malattie dannose per il Lisianthus. A questo proposito è bene analizzare il colore delle foglie per vedere se presentano delle macchie.

Leggi anche:
Petunia, come coltivarla e curarla
5 piante grasse che resistono al gelo

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Foto di Immo Wegmann su Unsplash La stiratura è una delle attività domestiche più comuni, ma ottenere risultati impeccabili non è sempre così facile, soprattutto quando si tratta di capi difficili realizzati in materiali delicati (pelle, velluto, lana naturale, ecc.), come ad esempio i cappotti.  Per semplificare questo processo e rendere la stiratura casalinga perfetta […]

Arriva il freddo e torna anche la condensa in casa, un problema fastidioso che può diventare pericoloso per la salute provocando asma, allergie e nei casi più gravi disturbi cerebrali. Per fortuna esistono molti rimedi naturali che possono aiutarti a prevenirla. La condensa si forma quando si verificano forti sbalzi di temperatura e l’umidità nell’aria […]

Gli elettrodomestici sono senza ombra di dubbio il cuore della nostra cucina. Che si tratti di arredare una casa nuova o di una ristrutturazione, sono tante le cose da sapere al momento dell’acquisto: in questa guida vogliamo fornirvi tutte le informazioni utili, non solo da un punto di vista tecnico, ma anche in merito ai […]