22 Gennaio 2020 |

Cesti per la biancheria, le soluzioni di design per il bagno

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
Insostituibili ma anche belli, ormai i cesti per la biancheria richiedono sempre più di diventare soluzioni di design per il bagno. Foto di Gerhard Gellinger da Pixabay

Da quelli classici in vimini a quelli salvaspazio, sono tutti utili e belli per arredare con gusto e funzionalità.

I cesti per la biancheria sporca sono praticamente immancabili in ogni casa, ma spesso, diciamoci la verità, sono anche bruttini a vedersi e da usare in bagno o in lavanderia.

Quello che occorre sono pratiche soluzioni di design per il bagno, cesti per la biancheria moderni, shabby chic e, perchè no, salvaspazio.

 

Un mix di queste caratteristiche, in alcuni casi, può andare bene ed essere la soluzione perfetta perché il cesto per la biancheria deve essere principalmente funzionale:

  • ossia contenere la biancheria sporca lasciando passare aria per evitare il formarsi di muffe;
  • in materiale facile da pulire e disinfettare;
  • in materiale resistente ma anche elastico al punto giusto così da non rompersi alla prima botta;
  • delle dimensioni giuste ma capiente e che contenga anche un certo quantitativo di capi sporchi;
  • bello e non deve richiedere di investirvi un capitale.

Vediamo come scegliere al meglio questo accessorio per il bagno e l’angolo lavanderia tra i più insostituibili.

Cesti per la biancheria in vimini

Grazie agli intrecci del vimini che di fatto è pari al legno, la biancheria sporca viene riposta in un contenitore in cui circola l’aria e dunque poco soggetta a creare cattivi odori e muffa. Il contro di questo prodotto è che non è sempre facile da pulire e spesso la polvere si deposita proprio negli interstizi tra un intreccio e un altro. Se trattato con vernici impermeabilizzanti allora lo possiamo lavare sotto un getto di acqua fredda e lasciarlo asciugare al sole. La durata di questo portabiancheria è variabile ma in genere supera i due anni.

Il design che il vimini garantisce per i cesti da biancheria è perfetto sia per le soluzioni d’arredo più moderne sia per quelle vintage. L’unica differenza è che se dovete abbinare il vostro cesto ad un bagno moderno, dovrete scegliere un cesto per la biancheria dal design classico, mentre per le soluzioni vintage il vimini è perfetto anche se riciclato da una vecchia cesta o cassapanca da adattare al bagno come portabiancheria e bucato.

Cesti portabiancheria moderni e salvaspazio

Tra i cesti portabiancheria più moderni, poi, troviamo i portabiancheria salvaspazio. I più funzionali? Sono quelli in tessuto a forma di sacco. Questi cesti per il bucato, oltre ad essere di design, hanno il valore aggiunto di potersi piegare e anche ripiegare quando non servono; si schiacciano dietro una porta o tra lavatrice e scarpiera.Si trovano facilmente negli store on line e nei negozi di arredo casa e arredo bagno e consentono di avere un portabiancheria di design che sia anche “invisibile” quanto basta. Ma soprattutto comodo da lavare e asciugare.

Seguono poi i cesti in altri materiali come il legno o la plastica che ovviamente sono i più comodi, corredati anche di prese d’aria o di particolari coperchi ergonomici che facilitano sia la presa dei capi sporchi sia la scelta della biancheria da lavare per colore.