E tu scegli lo shatush o il balayage? Tecniche e differenze: il confronto

di francesca

Potrebbe sembrare semplice ma non è per nulla facile farsi capire bene dal nostro parrucchiere quando gli chiediamo di farci un balayage o uno shatush sui capelli.

In secondo luogo, dobbiamo anche essere certe che il parrucchiere riesca a soddisfare le nostre richieste, le quali, generalmente, recitano qualcosa del tipo: “Vorrei dei colpi di luce solo sulle punte, che non sembrino strisce ma che diano solo un effetto naturale…”.

Una richiesta del genere è la peggiore che possa essere rivolta al parrucchiere che, essendo un tecnico e non un indovino, tenderà a percepire la richiesta come: “Vorrei un caffè dolce ma non troppo, macchiato ma tendenzialmente scuro!”.

Shatush: in che cosa consiste questa tecnica di colorazione dei capelli

Lo CHATOUCHE o SHATUSH che dir si voglia, è una tecnica di schiaritura molto naturale. Esso si ottiene

  1. cotonando i capelli
  2. decolorandoli a varie gradazioni, impregnando le ciocche cotonate con un pennello, a seconda di quanto vogliamo che l’effetto sia chiaro.
  3. Fatto ciò, i capelli andranno lavati e il colore andrà applicato solo sulle punte rimaste fuori oppure, se il capello è naturale, si potrà lasciare l’effetto del suo stesso colore;
  4. Se, invece, il capello è già stato precedentemente trattato con colorazione, si deve prima decolorare e ritonalizzare con un reflex. Solo dopo tale trattamento, il capello potrà essere trattato con Shatush.

Balayage: in che cosa consiste questa tecnica di colorazione dei capelli

In generale, una decolorazione del capello può dare origine a varie sfumature. Circa venti anni fa, un trattamento balayage consisteva in una vera e propria decolorazione di tutta la massa di capelli e di circa un tono più basso. Tale tecnica si usava anche quando il capello era saturo di colore, come un mini-decapaggio; ora, al contrario, si parla di Balayage solo quando si vogliono schiarire le punte e lunghezze, per regalare riflessi chiari ma non troppo impegnativi.

In questo caso, a differenza dello shatush, il capello verrà schiarito e ritonalizzato in modo uniforme dalla radice in giù e senza cotonare le punte. Il Balayage in poche parole è una tecnica di decolorazione senza la divisione in ciocche nè con la stagnola nè con la cotonatura ma a varie gradazioni sino ad ottenere la sfumatura desiderata.

Ricapitolando:

  • Se volete dei capelli schiariti solo a mezza lunghezza e con un contrasto abbastanza evidente con la radice, quasi come si trattasse di una ricrescita o di una decolorazione del sole, chiedete uno shatush;
  • Se volete fare una tinta ma volete che i capelli siano illuminati uniformemente e con evidenti colpi di luce, allora optate per un balayage.

A proposito: i prezzi sono abbastanza elevati per entrambi i trattamenti che si aggirano intorno ai 100 € a seconda di quante decolorazioni e decapaggi sono necessari. Se avete capelli naturali, la spesa scende di una quarantina di euro.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

3 min

Le tendenze del make-up per l’Autunno -Inverno 2022/2023  raccontano  un ritorno alle origini, mettendo da parte il no make-up look e dando spazio a colori e finish d’effetto sempre nel nome della natura. I prodotti must have  per  l’Autunno-Inverno 2022/2023 Un racconto fatto a colori, una storia di rivincita sulle ultime stagioni dove tutto è […]

3 min

Gli smalti dell’autunno 2022 puntano a look minimal. Anche in fatto di stili e forme. Per unghie sempre eleganti e glamour dalle tinte insolite che vanno dal marrone, al verde oliva fino al bianco latte.  I trend degli smalti per l’autunno 2022 Con l’arrivo della nuova stagione anche le unghie e la manicure cambia e […]

4 min

Siete  pronte a prendere appunti? È il momento di fare un ripasso prima di procedere con lo shopping della nuova stagione. E quindi di analizzare ancora una volta quali sono i trend moda autunno inverno 2022/23 più forti e irresistibili da copiare alle passerelle, individuando quelli più in linea con la nostra personalità. I cappotti […]