02 Agosto 2022 |

Allergia al bagnoschiuma, quali sono i sintomi?

di Alice Marchese

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

L’allergia al bagnoschiuma è estremamente comune, soprattutto con la bella stagione. Con l’estate a volte si ha la pelle più sensibile: tra mare, raggi solari e docce frequenti, l’epidermide può essere un po’ più stressato. Ma quando ci sono dei campanelli d’allarme, è importantissimo ascoltarli e non trascurarli. Soprattutto se si tratta di allergie o di problemi legati alla pelle. Le conseguenze possono essere gravi e i sintomi sono da attenzionare. E se si tratta di bagnoschiuma, è fondamentale avere gli occhi aperti.

Allergia al bagnoschiuma: quali sono i sintomi

Questo tipo di allergia si manifesta nei soggetti colpiti con sintomi particolari quali arrossamenti, macchie ed eruzioni cutanee, gonfiori, prurito, dolore, orticaria, irritazione agli occhi e secchezza della cute in alcune parti del corpo. Nelle situazioni più gravi si può risentire anche di difficoltà respiratorie. Fondamentale per combattere contro questi disturbi è cercare nella composizione chimica dei prodotti cosmetici, che può essere conosciuta verificando la lista degli ingredienti (o INCI) del prodotto.

Leggi anche: “Errori comuni da evitare quando facciamo la doccia”

Quali sono le sostanze più dannose

Ci sono sostanze che sono più dannose rispetto ad altre, per tale ragione è importante l’INCI del prodotto. Lì compaiono alcuni ingredienti contenenti formaldeide o derivati dal petrolio. Per evitare di acquistare prodotti troppo aggressivi e nocivi per l’epidermide occorre stare attenti all’etichetta. E’ fondamentale, infatti, informarsi sulla tossicità degli ingredienti e preferire prodotti a base di elementi naturali.

Bagnoschiuma da evitare

I bagnoschiuma troppo profumati e colorati, ad esempio, andrebbero evitati. Analogamente quelli che producono molta schiuma, in quanto ricchi di tensioattivi.
Nel caso di reazioni allergiche, prima di arrivare alla somministrazione di farmaci cortisonici o antistaminici (a meno che non si tratti di manifestazioni gravi per cui è preferibile chiedere subito un parere medico), si possono utilizzare rimedi naturali, soprattutto per allevare il prurito e altre manifestazioni sintomatologiche a carico della cute.

Tutti i rimedi naturali

Camomilla, l’olio d’oliva e il gel di aloe vera sono tutti i rimedi naturali perfetti per alleviare l’allergia al bagnoschiuma. Ma come applicarlo? Lo si fa direttamente sulla pelle o con l’aiuto di un batuffolo di cotone. In caso di prurito molto intenso si può trovare sollievo riempiendo la vasca da bagno con acqua tiepida ed una tazza di farina di avena.

Per lenire le eruzioni cutanee, inoltre, si può preparare un rimedio a base di radice di chaparral, tarassaco e radice gialla, ingredienti reperibili in erboristeria.

Da non dimenticare di aumentare l’assunzione di vitamina C nella propria dieta consumando gli alimenti che ne sono più ricchi.

In ogni caso, se le reazioni allergiche si ripresentano anche al variare del prodotti utilizzati è opportuno fare test clinici per verificare l’allergene a cui si è sensibili.

Come scegliere il bagnoschiuma ipoallergenico

Obbligatorio scegliere il bagnoschiuma ipoallergenico. Magari da acquistare in farmacia o in un’erboristeria. Purché sia naturale. Sono prodotti arricchiti di lipidi e sostanze amiche della pelle, come il burro di mandorle o la linfa di aloe vera.

Leggi anche: “Sieri all’acido ialuronico: un toccasana per la pelle del viso”