Papa Francesco: “Chi violenta una donna, violenta Dio”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Papa Francesco, in visita nella Repubblica Democratica del Congo, ha incontrato le donne vittime di violenza.

Il Pontefice ha affermato: “Prego perché la donna, ogni donna, sia rispettata, protetta e valorizzata: commettere violenza nei confronti di una donna e di una madre è farla a Dio stesso, che da una donna, da una madre, ha preso la condizione umana”.

“Vi sono vicino, vi abbraccio e benedico tutti voi”, ha detto Bergoglio, rivolgendosi ai presenti, “figli e figlie dell’Ituri, del Nord e del Sud Kivu”. “Benedico ogni bambino, adulto, anziano, ogni persona ferita dalla violenza” nel Paese, “in particolare ogni donna e ogni madre”.

Gesù, “Dio della riconciliazione”, “Dio della speranza che crede in voi, nel vostro Paese e nel vostro futuro, vi benedica e vi consoli; riversi la sua pace nei vostri cuori, nelle vostre famiglie e sull’intera Repubblica Democratica del Congo”, ha concluso.

RDC, Repubblica democratica del Congo. Missione dell'UNICEF contro il tetano nel settembre 2008. Persone in attesa nella linea di vaccinazione . — Foto di Lekhra

RDC, Repubblica democratica del Congo. Missione dell’UNICEF contro il tetano nel settembre 2008. Persone in attesa nella linea di vaccinazione . — Foto di Lekhra

Non è possibile stimare un numero esatto delle donne vittime di violenza in Congo ma gli studi e le statistiche suggeriscono che il tasso di violenza contro le donne in quel Paese africano è tra i più alti al mondo. La violenza comprende abusi sessuali, matrimoni forzati e altre forme di abuso e sopraffazione. Le organizzazioni per i diritti delle donne operano in tutto il mondo per sensibilizzare su questo problema e per aiutare le vittime a ottenere giustizia.

Sei su Telegram? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!

Foto da DepositPhotos.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

L’azienda ha rispettato l’impegno preso verso i propri apicoltori mantenendo le promesse fatte per il raccolto 2023. Per tutelare un settore a rischio come quello del miele, ha corrisposto ai suoi collaboratori un compenso congruo, permettendo così di garantire il futuro di questo comparto strategico per l’intero sistema agroalimentare e per la tutela degli ecosistemi […]