I genitori gli tolgono il cellulare, 16enne li uccide e spara anche la sorella

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Un adolescente di 16 anni ha ucciso il padre, Isac Tavares dos Santos, 57 anni, la madre, Solange Aparecida Gomes, 50 anni, entrambi adottivi, e la sorella di pari età, venerdì scorso, 17 maggio, nel quartiere di Vila Jaguara, Zona Ovest di San Paolo, in Brasile. Ha dichiarato di aver pianificato gli omicidi la sera prima.

Il piano

Durante la sua deposizione alla polizia, il ragazzo ha descritto passo dopo passo come ha portato a termine l’uccisione dei familiari. Ha affermato di non essersi pentito e che, potendo, avrebbe rifatto tutto. Fonti vicine alle indagini hanno riferito che il giovane è stato “freddo” nel raccontare i dettagli del caso.

La discussione con i genitori

Secondo la testimonianza, l’adolescente ha avuto un litigio con i genitori la sera di giovedì (16). Durante la discussione, i genitori lo avrebbero chiamato “vagabondo” e, come punizione, gli hanno tolto il cellulare. Il ragazzo ha raccontato che, a causa della punizione, non è riuscito a usare il telefono per fare una presentazione a scuola.

L’uccisione del padre e della sorella

Il giorno successivo, il giovane ha aspettato che il padre, una guardia municipale che lavorava come agente nel distaccamento forestale della città di Jundiaí, uscisse di casa per prendere la figlia a scuola. Ha raccontato che sapeva già dove il padre nascondeva la pistola, una 9 mm appartenente al corpo di polizia dove l’uomo lavorava, e ha fatto un colpo di prova sul materasso del letto matrimoniale dei genitori.

Verso le 13:23, Isac Tavares Santos era appena tornato a casa dopo aver preso la figlia a scuola. Quando è andato in cucina e si è voltato di spalle, è stato sorpreso da un colpo fatale alla nuca. La sorella del ragazzo, che era al piano superiore della casa, ha chiesto che rumore fosse quello. A quel punto, il giovane ha sparato di nuovo, colpendo la sorella al volto e uccidendola sul posto.

Dopo i primi due omicidi, il giovane ha pranzato in cucina dove giaceva il corpo del padre. Poi è andato in palestra ed è tornato a casa prima dell’arrivo della madre. Avendo già pianificato la morte della madre, ha nascosto l’arma nel divano del soggiorno e ha aspettato il suo arrivo.

Quando Solange è arrivata, intorno alle 19:00, l’adolescente ha aperto il cancello per farle parcheggiare l’auto in garage. La donna ha attraversato il soggiorno ed è entrata in cucina, dove ha trovato il corpo del marito. In quel momento, il giovane ha sparato ancora, uccidendo la madre.

Il giorno seguente e l’arresto

Nella deposizione il giovane non ha detto dove ha dormito la notte degli omicidi. Ha riferito che il giorno successivo (sabato 18 maggio) è andato in cucina e, preso dalla rabbia, ha inferto almeno due coltellate al cadavere della madre, che hanno attraversato il corpo e colpito quello del padre.

Dopo le coltellate, il giovane ha raccontato di aver seguito la sua solita routine di palestra e alimentazione. Solo la sera di domenica, due giorni dopo gli omicidi, ha chiamato la polizia. Era quasi le undici di notte quando ha chiamato il 190 dicendo di aver ucciso i familiari e di volersi consegnare.

Sul luogo, i poliziotti hanno trovato i corpi già in stato di decomposizione e l’arma del delitto sulla tavola del soggiorno. L’adolescente è stato arrestato e portato alla stazione di polizia. Lunedì (20), la polizia ha trasferito il giovane alla Fondazione Casa. L’indagine ora cerca di scoprire se l’adolescente abbia agito da solo.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Alzi la mano chi non ripensa con una certa ansia ai giorni dell’esame di maturità. Oggi, 526.317 ragazzi italiani hanno affrontato questa sfida, che ha lasciato ricordi indelebili anche tra i personaggi famosi. Alcuni di loro si sono distinti con voti eccezionali, mentre altri hanno ottenuto risultati più modesti. Scopriamoli insieme. I voti dei politici […]