Claudia Sheinbaum Pardo, chi è la prima donna Presidente del Messico

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Con il 60% dei voti la candidata progressista Claudia Sheinbaum Pardo, 62 anni, sarà la prima donna Presidente del Messico. Mentre si attendono ancora i dati ufficiali, i risultati degli exit poll sembrano non sembrano, infatti, lasciare dubbi al riguardo.

Le urne si sono chiuse alle 20 ora locale (le 4 del mattino in Italia) e Sheinbaum è data per sicura vincitrice. Per la prima volta salirà al potere in Messico una donna candidata del partito di governo Morena, appoggiata anche dal Partito Verde Ecologista del Messico (Pvem) e dal Partito del Lavoro (Pt) e che dovrebbe quasi certamente avere la meglio sulla sfidante Xóchitl Gálvez.

Sheinbaum si prepara così a diventare la prima donna presidente del paese latinoamericano, pronta a guidarlo per sei anni nella residenza del Palazzo Nazional a patire dal primo ottobre. Ma chi è e cosa ha fatto finora Claudia Sheinbaum?

Scopriamolo insieme.

Chi è Claudia Sheinbaum: biografia e carriera

Claudia Sheinbaum Pardo è nata a Città del Messico il 24 giugno 1962, ha 62 anni ed è una fisica, ingegnere e ricercatrice, proveniente da una famiglia ebrea, originaria dalla Lituania e della Bulgaria.

È la secondogenita di Carlos Sheinbaum Yoselevitz (chimico) e di Annie Pardo Cemo (biologa e professoressa della Facoltà di Scienza dell’UNAM)

​I genitori si sono trasferiti in Messico dalla Lituania negli anni ‘20. In particolare, il padre apparteneva alla comunità ebraica Ashkenaziti della Lituania, ed è stato un commerciante di gioielli e membro del Partito Comunista Messicano.

Quella che è stata da più parti definita la “candidata del popolo” è una donna molto preparata e sin da giovane è stata impegnata nel mondo della politica. Figlia del ’68, ha preso parte ai movimenti di solidarietà con le lotte operaie e contadine. Nel 1982 ha fatto campagna elettorale per Rosario Ibarra, la prima donna candidata alle elezioni presidenziali in Messico e figura di spicco nella difesa dei diritti umani nel Paese e ha preso parte nel 1987 al movimento per il mantenimento dell’istruzione universitaria gratuita.

Fin da subito la sua carriera è stata legata a quella di Andrés Manuel López Obrador (AMLO)López Obrador, diventando nel periodo in cui lui era sindaco, dal 2000 al 2006, assessora all’Ambiente di Città del Messico. Durante il suo governo promosse importanti progetti come il Metrobús e il programma di riforestazione urbana.

Claudia Sheinbaum è una delle fondatrici di Morena, il Movimento di Rigenerazione Nazionale, il partito del presidente uscente Andrés Manuel López Obrador. Nel 2015 è stata sindaco di Tlalpan e nel 2018 è diventata capo del governo di Città del Messico, la seconda donna e la prima ebrea ad essere eletta per questa posizione nella capitale messicana.

La sua amministrazione è stata caratterizzata da questioni ecologiche e da una forte politica sociale. Durante il suo mandato ha creato infrastrutture (trasporti per aprire le periferie, università, ecc.) e distribuito aiuti sociali nei quartieri più poveri. In termini di sicurezza, il tasso di omicidi è stato quasi dimezzato.

Claudia Sheinbaum è autrice di oltre 100 articoli e alcuni libri sui temi dell’energia, dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile e ha fatto parte della coalizione “Seguimos haciendo historia” a cui ha aderito il suo partito, Morena.

Tra gli obiettivi del suo programma di governo consolidare la “Quarta Trasformazione”, cioè dare continuità alle politiche sociali ed economiche realizzate dal presidente uscente López Obrador, mantenere un governo onesto e privo di corruzione, realizzare programmi sociali a tutti i livelli educativi, un rafforzamento della Guardia Nazionale, una riforma della magistratura e il consolidamento del programma IMSS Bienestar. Un ruolo centrale sarà riservato ai temi dell’istruzione, lotta alla corruzione e alla violenza di genere, sanità, economia, sicurezza, ambiente e mobilità.

Gli studi accademici

Sheinbaum ha studiato fisica all’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM), dove si è laureata nel 1989. Nel 1994 ha conseguito un master e l’anno dopo un dottorato di ricerca (1995) in ingegneria energetica.

Ha svolto la tesi di dottorato presso il Lawrence Berkeley National Laboratory a Berkeley, in California analizzando l’uso dell’energia nei trasporti del Messico. Ha pubblicato studi sull’uso energetico degli edifici in Messico e ottenuto un dottorato di ricerca in ingegneria energetica e fisica.

Nel 1995 è entrata a far parte della facoltà dell’Istituto di Ingegneria dell’UNAM. È stata ricercatrice presso l’Istituto di Ingegneria ed è membro del Sistema Nazionale di Ricerca che dell’Accademia delle scienze messicana.

Nel 2007 è entrata a far parte dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) presso le Nazioni Unite nel campo dell’energia e dell’industria per il quarto rapporto di valutazione dell’IPCC. Il gruppo ha vinto il Premio Nobel per la Pace quell’anno.

Nel 2013 è stata coautrice del Quinto rapporto di valutazione dell’IPCC insieme ad altri 11 esperti nel campo dell’industria.

Vita privata e Instagram

Dal 1987 al 2016 è stata sposata con il politico Carlos Ímaz Gispert con il quale ha avuto una figlia, Mariana, nata nel 1988 e un figlio acquisito, Rodrigo Imaz Gispert. I due però si sono separati nel 2016 e nel 2023 Claudia Sheinbaum si è risposata con Jesús María Tarriba, dottore in scienze fisiche dell’UNAM ed ex compagno di studi universitari. È diventata anche matrigna di Rodrigo Ímaz Alarcón (nato nel 1982 e ora regista).

È possibile seguirla sul suo profilo Instagram @claudia_shein, che conta ad oggi 933 mila follower dove condivide scatti della sua campagna elettorale e del suo impegno politico.

Foto da Instagram

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria