Perché i gatti odiano l’acqua?

di Alice Marchese

Si dice che i gatti sviluppino una paura incontrollata nei confronti dell’acqua, ma è realmente così? Ci sono gatti che amano l’acqua e sanno perfettamente nuotare, così come ci sono quelli che la odiano. Ma addirittura ci sono felini che sono stranamente attratti dall’acqua purché il getto sia leggero. Scopriamo insieme perché esiste questa convinzione!

Perché i gatti odiano l’acqua?

Probabilmente uno dei motivi per cui i gatti odiano l’acqua è legato principalmente alla loro pelliccia. Quando stanno a contatto con l’acqua, il gatto si appesantisce e non essendo idrorepellente rimane bagnato a lungo. Dunque uno dei motivi può essere questo.

I gatti sono sensibili agli odori

Tendenzialmente i felini sono molto sensibili agli odori e potrebbero sviluppare un fastidio non indifferente nei confronti dei bagnoschiuma. Ma ovviamente il bagnetto è uno step necessario per l’igiene del tuo animale domestico. Dunque se il tuo gatto ha bisogno di una lavata, non farti impietosire e puliscilo dove serve utilizzando prodotti specifici, facendoti aiutare da qualcuno. Ricordati sempre di asciugarlo ma usa il phon (ad aria fredda o a debita distanza) solo se il rumore non gli crea disagio.

Leggi anche: Come educare il gatto a stare in casa

Giochi d’acqua

Chi ha un gatto in casa, prima o poi gli capiterà vederlo mettere le zampette nella ciotola dell’acqua o arrampicarsi in un lavandino per giocare con il rubinetto. Che si tratti di leccare le gocce, o d’infilare una zampa sotto la doccia che scorre, alla maggior parte dei gatti piacciono i giochi d’acqua, purché non si bagnino troppo. È risaputo che l’acqua per i gatti è qualcosa da cui sono attratti per tale motivo ci giocheranno con più facilità. Solo una regola è ferrea: il getto d’acqua non deve essere particolarmente deciso.

Gatti che nuotano

Tutti i felini selvatici, a partire dalle tigri, usano l’acqua per rinfrescarsi. Ma ci sono anche alcune razze di gatti domestici che amano particolarmente immergersi nell’acqua e che sanno anche nuotare. Fra questi ci sono i Maine Coon, i Bengala, i Savanna, l’Angora, i Bobtail, l’Abissino e il Van Turco dalla “muta incorporata”: la sua pelliccia, infatti, al tatto è simile al cashmere ed è anche impermeabile, il che gli consente di nuotare e stare a bagno anche a lungo.

Leggi anche: Destinato all’eutanasia, il cane cieco Beau torna a casa

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Dottor Leo è il Golden retriever americano amato da tutti, soprattutto dai bambini e dai nonni di Treviso e provincia. Ha un dono incredibile: è un terapeuta naturale, nato per aiutare chi ne ha bisogno. Così lo definisce il suo proprietario, Alberto Condutti alla Tribuna di Treviso: «È un cane unico per la sua versatilità […]

2 min

In Finlandia più precisamente nell’Università di Helsinki è stata realizzata una classifica di cani più intelligenti. Da tenere in considerazione che il carattere dei cani non ha nulla a che fare con la razza. L’istituzione finlandese ha valutato mille esemplari con dieci diversi test di abilità, stilando la classifica dei più “prestanti” i cui risultati […]

2 min

Il contagio emotivo è un fenomeno estremamente comune, ma al tempo stesso speciale che si crea tra un cane e l’umano. Si tratta di una sorta di filo rosso per cui le emozioni di entrambi sono inevitabilmente connesse ed è la forma di empatia più dolce che ci sia. Quando ci si sente tristi, spesso […]