Come educare il gatto a stare in casa

di Alice Marchese

Il gatto si sa quanto sia diverso dal cane. Sembra più diffidente, e soprattutto più indipendente. Dunque educarlo potrebbe risultare più complesso, ma con i giusti accorgimenti riuscirete in questa impresa.

Insegnare al gatto a sedersi prima di mangiare

Questo è il primo passo ad ogni successivo tentativo di addestramento.
Di solito un gatto affamato risponde a questo addestramento dopo una decina di tentativi e ogni volta che risponde positivamente bisogna concludere la sessione con un “Bravo!” e ricompensarlo con il cibo.

Insegnare a non salire sui tavoli

Ci sono tanti metodi per allontanare il gatto dal tavolo. Uno di questi è spruzzare del succo di limone oppure del profumo alla menta: i gatti non amano questi odori, e quindi rimarrà lontano. In questo modo il gatto assocerà il tavolo all’odore sgradevole.

Fargli smettere di mordere

Mentre gioca il gatto tira fuori spesso gli artigli o morde? Reagisci smettendo subito di giocare, poi cambia modo di giocare perché probabilmente il gatto giocando sia entrato in modalità “caccia”. Una buona idea è di farlo giocare con un giocatolo.

Leggi anche: Il tuo cane è pigro? Ecco come incoraggiarlo a essere più attivo

Insegnare a non graffiare

Spesso lo fanno per difendersi, ma bisogna insegnargli a non farlo. Uno strumento potrebbe essere il tiragraffi. I gatti amano le superfici verticali quindi si possono predisporre spazi verticali dedicati da graffiare.
Inizialmente mettere i tiragraffi in più spazi della casa e soprattutto accanto ai mobili che sembra prediligere.

Metodi per non far graffiare i mobili al gatto

Se non vuole utilizzare il tiragraffi, ci sono dei metodi alternativi:

  • Se si vogliono salvare le superfici dei mobili si può attaccare del nastro bioadesivo. I gatti non amano la sensazione dell’appiccicoso pertanto smetteranno di graffiare i mobili.
  • Utilizzare un allarme ad infrarossi portatile. Questo è un metodo che allontana i gatti perché al passaggio emette un suono sgradevole.
  • Un’altra alternativa può essere quella di coprire i mobili o il divano con della plastica irregolare così che il gatto faccia più fatica.
    I gatti odiano l’odore del detergente biologico o alcol chirurgico, pulire la zona graffiata con questi prodotti li allontana.

Insegnargli a usare la lettiera

Per insegnare al gatto a usare la lettiera è bene, innanzitutto, collocarla in un luogo tranquillo, senza troppi rumori intorno. Un consiglio è mettere subito dopo i pasti il gatto sulla lettiera. È utile farlo anche appena si è svegliato oppure che ha giocato, in questo modo si ricorderà che può fare i bisogni in ogni momento. Dopo che ha usato la lettiera, bisogna dargli una piccola ricompensa come uno snack o un biscotto, questo lo aiuterà a capire che sta facendo la cosa giusta.

Leggi anche: Come educare un cane adulto


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Lavare un cane è importante e necessita di qualche accorgimento per sviluppare poi una buona tecnica. Un aspetto essenziale è quello di dargli il tempo di familiarizzare gradualmente con l’acqua. Un’idea potrebbe essere quella di posizionare l’animale in una vasca vuota: nel frattempo, lo si intrattiene con un giocattolo, lo si accarezza e ci si […]

2 min

A volte accade di trovare un uccellino ferito a terra e di non sapere cosa fare e come comportarsi. Seguendo i consigli dell’Ente Nazionale Protezioni Animali si può fare la cosa giusta. Cosa fare se troviamo un uccellino ferito Nel caso di rondini, rondoni e balestrucci, se troviamo un cucciolo a terra lo possiamo prendere. […]

2 min

I corgi reali presenti ai funerali della Regina Elisabetta. Durante la giornata dedicata all’addio a Elisabetta II, celebrata tra Londra e Windsor, erano presenti davvero tutti. A commemorare la sovrana defunta tutti i leader mondiali e capi di stato, oltre i suoi cari. Funerali della Regina Elisabetta: presenti i corgi reali Sandy e Muick (quest’ultimo […]

3 min

Tutti sono al corrente del grande della Regina Elisabetta II per i suoi cani corgi di cui si è presa cura in prima persona nonostante il principe Filippo “non sopportasse i loro guaiti” e avessero la (brutta) abitudine di mordere le caviglie agli ospiti poco graditi. A tal proposito alcuni ricorderanno che nel 1991 la […]

2 min

Avere un cucciolo in casa può essere un’esperienza dolcissima e soprattutto può regalarci tante emozioni. Ma sono necessari i giusti accorgimenti, perché crescere un cucciolo è comunque una responsabilità per gestirlo al meglio e garantirgli così benessere. Avere un cucciolo in casa: i documenti necessari Com’è stato sottolineato prima, avere un cucciolo in casa equivale […]