Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Ansia post partum: di cosa si tratta e come affrontarla

Mamma - 9 gennaio 2018 Vedi anche: Maternita'

Avete mai sentito parlare di ansia post partum? È qualcosa di diverso rispetto alla depressione dopo il parto, anche se alcuni sintomi sono molto simili. Ecco tutto quello che c’è da sapere su questa alterazione dell’umore che colpisce una mamma su dieci.

Di depressione post partum avrete sicuramente sentito parlare e molte di noi potrebbero anche averne sofferto, ma c’è un altro malessere, con alcuni sintomi similari, che può presentarsi subito dopo il parto. Stiamo parlando dell’ansia post partum: cerchiamo di capire di cosa si tratta e come affrontarla.

L’ansia dopo il parto è un disturbo dell’umore che, come la depressione post partum, può avere effetti negativi sia sul bambini che sulla famiglia. Anche in questo caso si tratta di un meccanismo neurobiologico collegato probabilmente a un’alterazione di tipo ormonale e ha caratteristiche molto simili ad altri episodi ansiosi che possono presentarsi in altri momenti e fasi della vita.

Sintomi dell’ansia post partum

L’ansia post partum, secondo uno studio, colpisce in media una donna su dieci e ha più o meno la stessa sintomatologia di altri disturbi di tipo ansioso che si possono verificare al di fuori del parto e che colpiscono anche gli uomini. Timore, preoccupazione costante, pensieri fissi e comportamenti ossessivi sono tra i sintomi più diffusi dell’ansia post partum. Tutti questi comportamenti ovviamente sono rivolti al bambino e in parte ne garantiscono anche un certo livello di benessere, ma quando questa attenzione diventa quasi compulsiva, allora può essere causa di una tensione negativa sia per la mamma che per il figlio e anche per gli altri componenti della famiglia.

Come affrontare l’ansia post partum

Avendo diversi sintomi in comune, l’ansia e la depressione post partum vengono trattate più o meno allo stesso modo. In realtà i trattamenti cambiano di caso in caso, per cui molto spesso bisognerebbe rivolgersi a un esperto di patologie che riguardano l’umore. Specialmente se la mamma sta allattando è consigliabile evitare il ricorso ai più tradizionali calmanti e farmaci contro l’ansia e possiamo in alternativa chiedere aiuto alla natura, sempre dietro prescrizione del proprio medico curante.

Per saperne di più: Tisane e rimedi naturali contro l’ansia

Non dimenticate, inoltre, che in questi casi è molto importante il supporto della famiglia, degli amici e di qualcuno che possa davvero aiutare chi soffre di ansia post partum a rendere più rilassato e sereno il rapporto con il proprio figlio.

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA