Drusilla Foer svela la sua fantasia erotica più ricorrente

di Redazione

Drusilla Foer è senza dubbio uno dei personaggi simbolo del 2022 dopo l’exploit al Festival di Sanremo.

Intervistata dal Corriere della Sera, per la rubrica Italiani, ha cercato di dare una spiegazione a questo successo: “Forse perché dico quello che penso senza essere aggressiva. O perché non dico mai ‘assolutamente sì’ e ‘assolutamente no’ ma preferisco dire ‘io penso’, ‘secondo me’. In ogni caso penso che sia un bene che un personaggio che è diventato famoso anche per un discorso (quello al Festival, n.d.r.) sull’unicità, cioè sull’importanza di accettarsi e essere se stessi, sia accanto a Putin nelle ricerche di Internet. Vuol dire che c’è bisogno anche di umanità e tolleranza”.

Drusilla Foer, alter ego di Giorgio Gori, dal 12 dicembre sarà su Rai2 nell’Almanacco del giorno dopo: “Sapesse quanti martiri ho fatto tra gli autori. Sono una donna insopportabile perché mi accanisco a studiare. Ma ho voluto tante rubriche, momenti di divulgazione e poi tanti santi”. Il santo preferito? “San Cristoforo, quello che si carica Gesù sulle spalle per trasportarlo al di là dal fiume. Ma amo anche San Sebastiano, poverino: trafitto dalle frecce si salvò perché i centurioni suoi amici non lo colpirono nelle parti vitali, ma capirai che dolore. Poi l’imperatore gli tagliò la testa”.

Drusilla Foer.

Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!

La fantasia erotica più ricorrente di Drusilla Foer

Spazio anche alla fantasia erotica più riccorrente per la 55enne: “Enrico Mentana. Mi piace perché è simpatico, sa farmi ridere”. Ma anche “Michele Santoro. Uno cocciuto, fargli cambiare idea deve essere un’impresa. Però anche con Filippo Timi…”, ha svelato Drusilla Foer a Roberta Scorranese, l’autrice dell’intervista.

Infine, la rivelazione su un corteggiatore: “Una volta incontro uno che rappresenta tutto quello che per me è erotico: livornese, un po’ balbuziente e dall’andatura incerta. Facciamo la spesa, andiamo a casa sua e sulla porta lui che fa? Mi dice ciao, arrivederci. Mai più rivisto”.

LEGGI ANCHE: Lite tra Francesco Totti e Noemi Bocchi al ristorante?

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

3 min

“Lasciami è la canzone più sincera che potessi scrivere. La depressione non la puoi raccontare a chi non la conosce, ma puoi comunque condividerla con chi come te la vive”, racconta Kekko Silvestre, frontman dei Moda, che tornano a Sanremo per la quarta volta, intervistato da da Carmen Guadalaxara, giornalista de Il Tempo e collaboratrice di DonnaClick […]