Stefano Bollani, biografia, carriera, età, vita privata

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Stefano Bollani, chi è il compositore, pianista e cantante italiano. Biografia e carriera: dove è nato, quanti anni ha, com’è diventato famoso. Vita privata, quanti figli ha, chi è la compagna. Tutte le curiosità.

Stefano Bollani

Stefano Bollani nasce a sotto il segno zodiacale del Sagittario a Milano, il 5 dicembre del 1972. Nel 2023 compie 51 anni. Inizia a studiare pianoforte quando ha 6 anni ed esordisce a 15 anni. Studia jazz e, dopo il diploma di conservatorio, preso nel 1993 a Firenze, fa una breve esperienza come turnista nel mondo della musica pop.

Si afferma presto nel mondo del jazz e sale sui palchi più prestigiosi, collaborando con grandi artisti. Dal 1996 inizia una fondamentale collaborazione con il suo mentore Enrico Rava. Tengono insieme centinaia di concerti e incidono 13 dischi. Nel 1998 un la rivista specializzata “Musica Jazz” lo proclama nuovo miglior talento dell’anno. In quel periodo guida il proprio gruppo, L’orchestra del Titanic, e si lancia nella realizzazione di un disco-spettacolo, in omaggio alla musica leggera italiana degli anni Trenta e Quaranta.

Collabora nel corso degli anni con tanti musicisti. Alcuni dei lavori di Stefano Bollani risultano un po’ “fuori dai canoni“, come La gnosi delle fanfole, nel quale mette in musica le surreali poesie di Fosco Maraini insieme al cantautore Massimo Altomare (1998); Cantata dei pastori immobili, oratorio musicale per quattro voci, narratore e pianoforte, realizzato su testi di David Riondino (2004); il disco di canzoni scandinave Gleda (Stunt Records, 2005), realizzato in Danimarca in compagnia di Jesper Bodilsen al basso e Morten Lund alla batteria, due musicisti con cui dal 2004 ad oggi forma un trio affiatato.

Bollani realizza per la prestigiosa etichetta francese Label Bleu quattro dischi a suo nome, a partire dal 2002. Dal 2005 al 2007 è direttore artistico della assegna Vivere Jazz Festival di Fiesole (FI), di cui è ideatore. Nel maggio del 2018 esce Que Born, primo disco della sua etichetta discografica Alobar, seguito nel 2020 da Jesus Christ Superstar

Progetti editoriali

Stefano Bollani firma il romanzo La sindrome di Brontolo, uscito nel 2006. Del gennaio 2013, invece, è il suo Parliamo di musica, seguito nel 2015 da Il monello, il guru, l’ alchimista e altre storie di musicisti. Appare anche in tre storie a fumetti del settimanale Topolino, del quale è stato ufficialmente nominato Ambasciatore. Nel 2017 esce Dialoghi tra alieni.

Radio, televisione, teatro

A partire dal 2005 Stefano Bollani è ospite fisso del programma di Rai1 Meno siamo meglio stiamo, di e con Renzo Arbore. È ideatore e conduttore, insieme a David Riondino e Mirko Guerrini, della trasmissione musicale Dottor Djembè, che va in onda su Radio Rai 3 dal 2006 al 2012.

Da quella esperienza nasce un libro-cd, Lo Zibaldone del Dottor Djembè. Nasce poi anche uno special televisivo di tre puntate (Buonasera Dottor Djembè) andato in onda su Rai3 nel giugno 2010. Dal gennaio 2009 sue sono le sigle del palinsesto di Radio Rai 3.

Nell’ottobre 2011 Bollani crea e conduce sei puntate della trasmissione Sostiene Bollani di Rai3. Una seconda edizione va in onda, sempre su Rai3, nel 2013. Qualche anno dopo, nell’autunno 2016, realizza per Raiuno sette puntate di un late night show dal titolo L’importante è avere un piano. Il festival di Sanremo 2013 lo vede ospite speciale insieme a Caetano Veloso.

Nel gennaio 2020 inaugura ufficialmente su Raiuno l’anno di Matera capitale europea della cultura insieme a Gigi Proietti. Un anno dopo, nel 2021, insieme alla moglie Valentina Cenni, crea lo sho Via dei matti numero zero, in onda su Rai3. Vince il premio Moige e il premio Flaiano come miglior programma culturale dell’ anno.

Stefano Bollani
Stefano Bollani

Stefano Bollani collabora con tanti artisti nell’ambito teatrale: dalla Banda Osiris, fino a nomi del calibro di Claudio Bisio, Maurizio Crozza e Lella Costa. Divide il palco con importanti personaggi del mondo dell’arte tout court come Fernando Arrabal e della danza contemporanea come Roberto Bolle, Raffaella Giordano e Mauro Bigonzetti.

Scrive le musiche per Antigone di Cristina Pezzoli, messa in scena al Teatro Greco di Siracusa nel 2013 e per Wonderland di Daniele Ciprì (2016).

Legame con il Brasile

Stefano Bollani ha uno stretto legame con il Sudamerica. Dopo aver realizzato il disco Carioca, nel 2007 suona un piano a coda in una favela di Rio de Janeiro. Collabora con molti artisti, in particolare Hamilton De Holanda (con il quale registra un live dal titolo O Que Será (ECM, 2013), ma anche Chico Buarque, Egberto Gismonti, Marcos Sacramento, Zé Renato, Monica Salmaso, Nilze Carvalho, Ná Ozzetti, Jaques Morelenbaum, Toninho Horta, il gruppo Casuarina.

Quali premi ha vinto Stefano Bollani?

Riportiamo di seguito alcuni dei premi più prestigiosi vinti da Stefano Bollani. Nel 2003 riceve il Premio Carosone a Napoli. L’anno successivo la rivista giapponese Swing Journal gli conferisce il premio New Star Award riservato ai talenti emergenti stranieri, per la prima volta assegnato a un musicista non americano.

Per la label giapponese Venus Records pubblica cinque dischi alla testa di un trio che vede Ares Tavolazzi al contrabbasso e Walter Paoli alla batteria. Nel 2007 il referendum dei giornalisti della rivista americana “Downbeat” lo vede ottavo fra i nuovi talenti del jazz mondiale e terzo fra i giovani pianisti.

I critici della rivista Allaboutjazz di New York lo votano fra i cinque musicisti più importanti dell’anno. In dicembre a Vienna gli viene consegnato lo European Jazz Prize, premio della critica europea, come miglior musicista jazz europeo dell’anno. La regione Toscana nel 2008 gli conferisce il Gonfalone d’argento.

Nell’ambito del North Sea Jazz Festival in Olanda, nel 2009, gli viene conferito il Paul Hacket Award. Il Berklee College of Music di Boston gli consegna nel 2010 la laurea honoris causa. Bollani riceve anche il Capri Global Artist Award e, nel 2011, il premio Fiorentini nel Mondo e il Los Angeles Excellence Award.

Fa suo nel 2012 il premio Milano per la musica e riceve in Germania nel 2014 il Trier Jazz Award 2014. Nel 2016 diventa “Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana” e nel 2019 cittadino onorario di Napoli. Riceve nel 2021 il Premio Tenco alla carriera e vince il Nastro d’Argento per la migliore colonna sonora originale (per il film Carosello Carosone).

Vita privata

Stefano Bollani ha alle spalle un lungo legame con la cantante Petra Magoni, dalla quale ha avuto due figli: Frida e Leone. La sua attuale moglie è l’attrice Valentina Cenni.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Non si ferma il progetto della label palermitana Southside Records, una realtà che è nata grazie all’intuizione e all’ambizione di alcuni ragazzi palermitani che uniti dalla passione per il rap sono riusciti a unire gli artisti fra i più interessanti della scena musicale del Sud Italia. Il roster dell’etichetta discografica ora può ritenersi al completo […]