Maneskin, Victoria “hot” e i Cugini di Campagna: “Non faranno la storia”

di Manuela Zanni


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Victoria De Angelis, la sensuale bassista dei Maneskin prima del concerto a Las Vegas con i Rolling Stones, ha postato sul suo profilo Instagram una foto osè molto rock. Eccola infatti in ginocchio sul letto della camera d’albergo con una camicetta bianca sbottonata e aperta, senza reggiseno e solo con un paio di slip, bianchi anche quelli.

Lo scatto hot di Victoria

Victoria è quindi a seno nudo, con i capezzoli appena coperti dalla camicia per evitare la censura dei social, e due collane con il simbolo della croce, e ammicca ai fan con un selfie bollente che, neanche a dirlo, fa il pieno di like. A corredo dello scatto scrive: “Buongiorno da Las Vegas“. Ma i commenti dei fan sono tutti di elogio alla sua bellezza e sensualità. “Bellissima”, “meravigliosa”, si legge in moltissime lingue.  Del resto, ormai, Victoria e i Maneskin sono amatissimi in tutto il mondo. Hanno aperto domenica 7 novembre il concerto dei Rolling Stones all’Allegiant Stadium, davanti a migliaia di fan.

La critica dei Cugini di Campagna: “Non faranno la storia”

Se, da una parte, i Maneskin sono osannati da milioni di followers, dall’altra c’è anche chi, come i Cugini di Campagna, a torto o ragione, li critica accusandoli di non avere nulla di autentico, a cominciare dal look che, in occasione del concerto dei Rolling Stones, appariva copiato da uno dei loro più noti outfit per i quali il gruppo è passato alla storia.

Cugini di Campagna implacabili contro i Maneskin

Così, dopo aver accusato la band di aver copiato il loro look per il concerto a Las Vegas, il gruppo diventato famoso negli Anni Settanta ha lanciato nuove frecciate ai colleghi. Ha, infatti,  fatto sorridere molti – e infuriare altri – la sterile polemica messa in moto dai Cugini di Campagna, che hanno accusato i Maneskin di aver copiato i loro look. Damiano David e gli altri componenti del gruppo, in occasione dell’apertura del concerto dei Rolling Stones all’Allegiant Stadium di Las Vegas, hanno sfoggiato degli outfit a stelle e strisce. Un chiaro omaggio alla bandiera degli Stati Uniti (e non certo prerogativa dei Cugini di Campagna), un paese che sta riservando loro un’accoglienza davvero calorosa (e meritatissima).

L’outfit “copiato”

L’outfit scelto dal gruppo romano, però, è finito nel mirino dei Cugini di Campagna che dal loro account Facebook ufficiale hanno criticato i giovani artisti: “I Maneskin si sono esibiti negli USA, prima dei Rolling Stones, imitando nel vestire i Cugini di Campagna. Basta copiare i nostri abiti”, allegando una foto confronto tra la tutina indossata da Damiano e il costume di Nick Luciani. Ma non si sono fermati qui, perché hanno continuato la loro invettiva, lanciando una frecciata alla band: “Fate qualcosa di meglio, come noi abbiamo fatto con la vostra Zitti e buoni“, hanno commentato, facendo riferimento alla cover del brano vincitore del Festival di Sanremo.

I Cugini di Campagna tornano a parlare della band

Dopo lo scivolone  sulle accuse di un plagio inesistente, i Cugini di Campagna sono tornati sull’argomento, spiegando il loro punto di vista sulla questione. In un’intervista a Il Fatto Quotidiano Ivano Michetti ha spiegato: “Siamo contenti che ci abbiano imitato. È stata una palese imitazione dei nostri abiti, sicuramente decisa dai loro costumisti. Siamo molto felici”.

Progetti futuri dei Cugini di Campagna

I Cugini di Campagna hanno sottolineato di non essere affatto invidiosi dei Maneskin, dato che hanno in programma diversi concerti, molti dei quali negli Stati Uniti. Michetti ha infatti annunciato che il gruppo il prossimo anno volerà negli Usa per una tournée a New York: ”Noi siamo dei fan dei Maneskin, della loro bellezza, della loro gioia, e poi sono di Roma come noi. Il momento è loro ed è giusto che sia così”.

Le parole “al veleno” contro la rock band

L’artista però non ha riservato solo parole al miele alla giovane band, anzi ha dedicato ai colleghi una riflessione che non nasconde affatto un certo astio: “C’è davvero chi paragona Damiano a Robert Plant dei Led Zeppelin? Ma non scherziamo. Plant ha una voce incredibile, con tutto il rispetto per Damiano. E vogliamo confrontare Jimmy Page con il chitarrista dei Maneskin? Non esiste. Ci ritroveremo tra sette o otto mesi a chiederci: “Ma ti ricordi quella canzone che ha vinto Sanremo?” Non farà la storia“.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

I Campionati Mondiali di calcio femminile si avvicinano: il prossimo 20 luglio verrà fischiato il calcio d’inizio della partita inaugurale tra Australia (una delle nazioni ospitanti insieme alla Nuova Zelanda) e l’Irlanda. Trentadue squadre provenienti da tutto il mondo si sfideranno per contendersi il prestigioso titolo, che sarà assegnato il 20 agosto 2023. Una Coppa […]