Malena e i film a luci rosse, quanto guadagna la pornostar?

di Manuela Zanni

Qualche giorno fa, Malena è stata protagonista di un interessante servizio de Le Iene. Fra una chiacchiera e l’altra  l’attrice di film porno si è trovata a parlare anche di soldi e cachet nel settore dell’hard. L’ex naufraga dell’Isola dei Famosi ha  precisato che nel suo mondo non si guadagna più a film intero come un tempo, bensì a scena.

Malena rivela il suo cachet

Si può arrivare fino ai 1500-2000 euro a scena, se si è famosi. Se un’attrice è molto nota e gira una scena completa può arrivare a guadagnare anche 5000 euro. Ovviamente le scene più strong sono le più pagate. Due ragazze insieme, per esempio, oppure le scene di gruppo sono le più remunerative” ha rivelato Malena che ha poi sottolineato come il mondo del cinema per adulti sia fra i pochi settori professionali dove le donne guadagnano più degli uomini.

Malena e le dirette private su OlnyFans

Nel mentre, anche in quarantena Malena  non si è persa d’animo e si è data da fare trasformando la propria attività in modalità smart working. Come molte altre sue colleghe, infatti, è apparsa su OnlyFans, realizzando inoltre delle dirette private su Skype. Queste ultime hanno un costo pari a 100 euro ogni dieci minuti: un guadagno da capogiro.

L’ultimo film di Malena e la collega Martina

“Siamo distrutte, lo abbiamo fatto con 85 maschi in sei ore” Malena e Martina rivelano senza pudore tutti i dettagli del loro nuovo film. La p*rnodiva Malena e la giovane Martina Smeraldi sono state entrambe ospiti di Barbara D’Urso nella puntata di Live – Non è la D’Urso. In compagnia di altri attori a luci rosse, la conduttrice ha dedicato un ampio spazio al tema delle trasgressioni e delle perversioni nel mondo del p*rno. Le protagoniste indiscusse di tale dibattito sono dunque state le cosiddette mistress, autrici di pellicole h*t e molto altro ancora.

Il debutto di Martina Smeraldi

La padrona di casa, nello specifico, ha ampiamente lasciato parole alla nuova scoperta del cinema per adulti. Si tratta per la precisione di Martina Smeraldi, originaria di Cagliari, che è stata presentata come la nuova scoperta di Rocco Siffredi. In realtà, a quanto pare, la 19enne è stata scoperta dal giovane attore p*rno Max Felicitas, con il quale ha già girato i suoi primi film. Poi Martina è stata definitivamente presa sotto l’ala protettrice del grande Rocco Siffredi, che l’ha introdotta nella sua Academy. Secondo il p*rnodivo nazionale, la Smeraldi potrebbe presto diventare la nuova Malena. Lei intanto però sogna in grande, sperando di diventare addirittura la nuova Moana Pozzi.

Martina e Malena  e gli 85 “attori” del nuovo film

Proprio in questi giorni il re del film a luci r*sse, Rocco Siffredi, ha organizzato un briefing per i 85 ragazzi che aspiravano a comparire nel film con Martina e Malena. Rocco ha illustrato ai ragazzi che la prima scrematura attoriale è dettata dalle dinamiche della G*ng B*ng. Con questa modalità l’attore a luci rosse fa gavetta: i presenti hanno ricevuto una dritta professionale sulla motivazione che serve all’attore, per arrivare al centro dell’azione ed eseguire la propria performance al meglio. La location del film è d’eccezione: il locale di Minerbio, in provincia di Bologna, è un camping con spa, piscine e un lago artificiale. Il luogo è adatto per n*disti e sc*mbisti. La G*ng B*ng era grandissima e per questo serviva un posto altrettanto grande per contenere tutti gli attori. L’area adibita a set, a porte chiuse e riservata ai soli addetti ai lavori, era una grande tensostruttura trasparente, con riscaldamento integrato nel pavimento.

 

 

 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

5 min

Federico Lauri  ha confidato  ai suoi follower di aver risolto un disagio che lo affliggeva da anni. “Mi coprivo sempre con pantaloni a vita alta e fascia contenitiva”, racconta. “Questa condizione mi creava disagio nell’espormi fisicamente. Federico Fashion Style in ospedale per un intervento chirurgico Federico Lauri conosciuto in arte come Federico Fashion Style, ha […]