Quali sono gli effetti della luna piena sul sonno?

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Secondo uno studio pubblicato il 27 gennaio 2021 su Science Advances, il sonno comincia più tardi ed è più breve nelle notti che precedono la luna piena, quando la sua luce è visibile nelle ore successive al tramonto.

Gli studiosi delle università di Yale (USA) e Quilmes (Argentina) hanno spiegato che “i nostri dati suggeriscono che il chiaro di luna probabilmente stimola l’attività notturna e inibisce il sonno”.

“È principalmente il chiaro di luna disponibile durante le prime ore della notte che è più probabile che alteri l’inizio del sonno. Al contrario, il chiaro di luna a tarda notte, quando la maggior parte delle persone dorme, dovrebbe avere poca influenza sull’inizio o sulla durata del sonno”.

Cos’è la luna piena?

La luna piena, come spiegato da Journal des Femmes, è una fase lunare durante la quale il nostro satellite è completamente scoperto.

Dalla Terra, la Luna sembra tutta illuminata dal Sole. Non si vede il lato nascosto che resta nell’ombra.

Questo fenomeno si verifica quando il Sole, la Terra e la Luna sono quasi allineati. Ciò implica che la Luna sorge quando il Sole tramonta e tramonta quando il Sole sorge. La luna piena si verifica ogni 29 giorni.

La luna piena riduce la produzione di melatonina?

In generale, la Luna ha un impatto sulla Terra e su tutti gli elementi che la compongono: agisce sul ritmo delle maree, sulla crescita delle piante…

Agisce anche sul corpo umano: umore, ciclo mestruale, appetito, livello di energia ma anche sonno. Infatti, la luna e la sua radiazione ritardano la produzione di melatonina, l’ormone del sonno.

LEGGI ANCHE: Le più belle frasi sulla luna.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]

Il Ministero della Salute ha recentemente pubblicato un bollettino che segnala un lieve aumento dei contagi da Covid-19. Questo incremento sembra essere correlato alla sottovariante KP.3, che deriva dalla mutazione “madre” JN.1, attualmente predominante. Nonostante la dichiarazione rilasciata dall’OMS a maggio 2023 che ha segnato la fine della fase emergenziale della pandemia, il virus non […]

Foto di Tirachard Kumtanom: Il trekking è un’attività perfetta per chi ama camminare e non vuole rinunciare a vivere, durante la bella stagione, qualche avventura in mezzo alla natura. Appagante e divertente, può essere effettuata praticamente da chiunque, anche dai più piccoli e da chi non è particolarmente esperto, a patto, naturalmente, di scegliere il […]

Oggi, 28 giugno, la Commissione Europea ha dato il via libera al primo vaccino contro il virus chikungunya, una malattia trasmessa dalle zanzare infette. Il vaccino, chiamato Ixchiq e sviluppato da Valneva, è stato approvato per l’uso in adulti dai 18 anni in su. Nonostante la chikungunya non sia endemica nell’Unione Europea, l’esecutivo comunitario ha […]