Pillola anticoncezionale fa ingrassare?

di francesca

E’ una delle preoccupazioni più comuni tra le giovani donne che valutano la possibilità di utilizzare la pillola come anticoncezionale, e la prima domanda che viene posta al ginecologo è esattamente la seguente: “E’ vero che la pillola fa ingrassare?”.

La risposta è generalmente ibrida, non è mai un “sì” secco ma non è neppure un “no”, e in realtà dipende dal soggetto, dal tipo di organismo ma soprattutto dal metabolismo, su cui  la pillola può effettivamente incidere.  L’assunzione di ormoni, che in realtà ha degli effetti su tutto l’organismo, nel migliore dei casi potrebbe accelerare il nostro metabolismo,  spesso ne provoca un rallentamento, ma quasi mai l’aumento di peso in concomitanza con l’assunzione della pillola, è da attribuire solo ed esclusivamente a questo “temutissimo” anticoncezionale nemico della bellezza.

Gli studi scientifici ci dicono che effettivamente la pillola non fa ingrassare, ma bisogna tenere presente che le ricerche mediche considerano significativo un aumento di peso superiore a 2-2,5 chili, mentre per una donna anche mezzo chilo di troppo è una tragedia, una condizione che potrebbe disincentivare l’assunzione di una pillola anticoncezionale. Inoltre non bisognerebbe trascurare il fatto che molto spesso a pesare mezzo chilo in più sulla bilancia è l’acqua che il nostro corpo trattiene, anche a causa della pillola che spesso è una delle concause della ritenzione idrica.

Come evitare di ingrassare

Rinunciare all’amore o scegliere un metodo contraccettivo poco sicuro per risparmiarci mezzo chilo di troppo, sarebbe un errore madornale, e basterebbero soltanto pochi accorgimenti per mantenersi in forma anche durante il periodo in cui assumiamo la pillola anticoncezionale.

Fa  bene alla salute bere almeno un litro e mezzo d’acqua lontano dai pasti, mangiare in modo sano seguendo una dieta equilibrata, e facendo regolarmente esercizio fisico, che peraltro fa bene anche “alla mente”.

Riposate bene e a lungo: esaudire la necessità di riposo dell’organismo aiuta a tenere sotto controllo l’ormone della fame. Chi dorme poco, generalmente, tende ad ingrassare a causa del desiderio di cibi particolarmente calorici. 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Il lichen vulvare è una malattia dermatologica cronica che colpisce in particolare la zona genitale e anale. Non è molto comune e colpisce le donne soprattutto in menopausa e raramente interessa uomini (lichen balano-prepuziale) o bambini. Qualora ci si riveda nei sintomi qui elencati, è necessario consultare uno specialista. La cura può alleviare i sintomi; […]

3 min

Quando termina il ciclo mestruale e questa cosa si protrae per un arco di tempo considerevole, si manifesta l’inizio della menopausa. Una donna è ritenuta in menopausa quando sono trascorsi 12 mesi dall’ultima mestruazione. Inizio della menopausa: sintomi All’età di 50 anni circa una donna entra in menopausa. Ma non è una regola universale: il […]

3 min

L’ovaio policistico si manifesta con l’irregolarità del ciclo mestruale e con altre caratteristiche particolarmente riconoscibili. Le cause non sono ancora chiare, ma i sintomi sì. Pertanto essendo visibili, compaiono subito dopo il menarca oppure si sviluppano nel corso degli anni. I sintomi della sindrome dell’ovaio policistico Le donne con sindrome dell’ovaio policistico possono presentare irregolarità […]

3 min

L’endometriosi è una malattia alquanto complessa soggetta a continui studi. Si tratta di un’anomalia delle cellule endometriali. Queste sono le cellule normalmente presenti nella cavità uterina, che presenta aspetti ancora misconosciuti. E’ una malattia complessa e difficile da diagnosticare. Endometriosi: un’infiammazione cronica benigna L’endometriosi è un’infiammazione cronica benigna degli organi genitali femminili e del peritoneo […]