C’è un momento ideale per mangiare se vogliamo perdere peso?

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Digiuno intermittente significa privarsi volontariamente del cibo per diverse ore alla volta. Ma questa pratica è efficace per perdere peso? Lo hanno voluto verificare i ricercatori dell’Università dell’Alabama a Birmingham (USA) in un nuovo studio.

I risultati ricerca sono stati pubblicati sulla rivista JAMA Internal Medicine l’8 agosto scorso.

Un totale di 90 persone, di età compresa tra 25 e 75 anni e affette da obesità, sono state coinvolte in questo studio clinico randomizzato della durata di quattordici settimane. L’obiettivo era confrontare se una ‘dieta a tempo limitato‘, ovvero in un periodo compreso tra le 7:00 e le 15:00, potesse aiutare a perdere peso più rapidamente rispetto a ‘mangiare per un periodo di dodici ore e più’.

Secondo gli studiosi “la dieta precoce con limiti di tempo e stata quella più efficace per dimagrire”: avrebbe permesso ai partecipanti di perdere in media 6,3 chili contro i 4 chili della dieta non soggetta a restrizioni. Per quanto riguarda, invece, la perdita di grasso corporeo, i risultati sono stati molto meno significativi.

LEGGI ANCHE: Dieta Lemme, cos’è e come funziona

Il digiuno intermittente migliora anche alcuni disturbi dell’umore

I ricercatori non hanno soltanto analizzato questi due aspetti. Per identificare i potenziali altri benefici di una restrizione alimentare come il digiuno intermittente, hanno anche esaminato la pressione sanguigna, i livelli di glucosio nel sangue e la frequenza cardiaca. Ebbene, nelle persone che hanno mangiato solo tra le 7 e le 15 è stato osservato il miglioramento della pressione diastolica e alcuni dei loro disturbi dell’umore.

Tuttavia, non sono state osservate differenze per i fattori di rischio cardiometabolico o per il sonno. Praticare il digiuno intermittente consentirebbe, quindi, di dimagrire ma avrebbe anche benefici per la nostra salute generale.  Comunque, gli scienziati hanno avvertito: “Sono necessari studi più importanti sulla perdita di grasso”.

LEGGI ANCHE: Dieta Dukan, ecco cos’è

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]

A Firenze si sono registrati 11 casi di persone risultate positive al vaiolo delle scimmie, dopo una serata trascorsa in discoteca. Secondo le dichiarazioni di Renzo Berti, direttore del dipartimento di prevenzione dell‘Asl Toscana centro, riportate dall’ANSA, si tratta di uomini giovani, eccezion fatta per una persona di mezza età. L’infezione sarebbe stata causata con […]

La recente lettera della Società psicoanalitica italiana inviata al Ministro della Salute Orazio Schillaci, in cui si esprimeva una certa preoccupazione riguardo all’uso di farmaci per la disforia di genere in adolescenza, ha scatenato un acceso dibattito sui giornali. L’argomento in realtà non è nuovo, già nel 2018 se ne era parlato con riferimento al […]