Farro, sai perché è un cereale che fa bene alla salute?

di Redazione

Il farro, che si distingue in grande (tricitum spelta) e piccolo (tricitum monoccucum), appartiene alla prima famiglia di cereali ‘addomesticati’ dall’uomo.

Il farro grande è nutrizionalmente simile al frumento, il farro piccolo è un cereale cosiddetto ‘ancestrale’ perché è più ricco di sostanze nutritive. In particolare, il farro contiene più minerali del grano, in particolare rame, ferro, zinco, magnesio, fosforo e potassio. Inoltre, rispetto al grano, è più ricco di lipidi e acidi grassi insaturi.

Il farro contiene anche una grande quantità di magnesio, da qui il suo effetto sul sistema nervoso. Il contenuto medio di magnesio è di 1.320 mg/100 grammi per il farro piccolo. Inoltre, le vitamine B1, B2 e B6 e il triptofano in esso contenuto sono coinvolti anche nella lotta allo stress, così come il magnesio, il calcio e il fosforo.

Il farro, non essendo stato sottoposto a selezione varietale come il frumento, contiene glutine di ottima qualità, meglio tollerato dalle persone ipersensibili al glutine.

Il farro è anche uno dei rari cereali che contiene gli 8 amminoacidi essenziali che devono essere forniti dal cibo perché il nostro corpo non li sintetizza. A differenza di altri cereali, in particolare, il farro contiene la lisina.

La lisina è un amminoacido essenziale che svolge diverse funzioni importanti nel corpo umano. Tra queste, la più importante è probabilmente la sua funzione nella produzione di collagene, una proteina che sostiene la pelle, i tendini, i legamenti e altri tessuti connettivi. La lisina è, inoltre, necessaria per la produzione di carnitina, un composto che aiuta a trasformare i grassi in energia, e per la sintesi di enzimi e ormoni.  La lisina è anche importante per la crescita e lo sviluppo, soprattutto nei bambini, e può aiutare a combattere l’herpes e l’osteoporosi.

Il farro ha, poi, un indice glicemico relativamente basso per un cereale (40 contro 45-50 del frumento e 50-70 del riso). Questo aiuta a normalizzare il livello di glucosio nel sangue. Dopo l’assorbimento del farro, in effetti, non c’è alcun aumento improvviso della glicemia che impedisce la secrezione di insulina da parte del pancreas e fornisce una sensazione di sazietà.

In relazione a tutto ciò, il farro è un ottimo modo per disintossicare il corpo e migliorare la funzione digestiva. Il farro, a tal proposito, è il più indicato come base di una cura monodieta, che può avere una durata variabile ma si consiglia di seguirla per almeno 10 giorni.

Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Quando si parla di osteoporosi si fa riferimento ad una malattia cronica caratterizzata da alterazioni della struttura ossea con conseguente riduzione della resistenza. Dunque questo porta il corpo ad essere più incline a subire fratture. Ma quali sono le sue cause e come si può combattere contro questa? Scopriamolo insieme! Osteoporosi: cause Spesso l’osteoporosi è […]