Il cocktail al carbone vegetale è il nuovo drink detox: vediamo benefici e controindicazioni

di Claudia Scorza


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il carbone vegetale è una delle novità che sta prendendo sempre più piede in cucina e nel mondo healthy in modo insistente e talvolta chiacchierato: c’è chi ne parla come un ingrediente rivoluzionario e chi ne prende un po’ le distanze.

Dopo il pane al carbone vegetale arriva il cocktail al carbone vegetale, il nuovo drink detox con benefici e controindicazioni che sta già facendo innamorare moltissime celebrities.

Ma procediamo con ordine. Il carbone vegetale è un trend per i salutisti di tutto il mondo che lo hanno utilizzato come colorante per pane e pizze donando alle preparazioni un aspetto decisamente originale (e molto instagrammabile) e un sapore particolare ai piatti, piuttosto dolciastro.

Oggi il carbone vegetale si beve e diventa un potente detossinante per il corpo. Si tratta di un carbone attivo, che cioè viene “attivato” quando si scalda con un gas che ne permette l’aumento di volume rendendolo particolarmente poroso e assorbente. Proprio la sua capacità di assorbimento consente, quando ingerito, di raccogliere le tossine e le sostanze dannose all’interno dell’organismo, eliminandole dal corpo.

Se si unisce il carbone vegetale attivo ad altri agenti detox, come curcuma, zenzero, finocchio, acqua e limone, si può creare una potente bevanda disintossicante e depurante. Il nuovo trend è creare cocktail a base di carbone vegetale, unendo ginseng,  zucchero di canna o miele, dando vita a un elisir capace di depurare tutto il corpo.

Il cocktail al carbone vegetale più famoso è il Belvedere Black Tie, una bevanda quasi color petrolio contenente carbone vegetale e servito per la prima volta al Plaza Hotel di New York in occasione dell’evento ICONS by Carine Roitfeld. In questo caso troviamo anche la vodka tra gli ingredienti principali, ma le detox più integraliste potranno realizzarlo tranquillamente anche in versione analcolica con succo d’ananas, succo di lime fresco, sciroppo di miele e carbone attivo di cocco.

Se la depurazione, l’assorbimento delle tossine e l’eliminazione della pancia gonfia sono tre grossi punti a favore del cocktail al carbone attivo, disidratazione, stitichezza e reazioni con i farmaci sono decisamente punti di debolezza da considerare. Infatti, il carbone attivato assorbe anche elementi di cui il nostro corpo ha bisogno, come i medicinali e l’acqua, fondamentale per il benessere di tutto l’organismo.

Chi vuole provare questa nuova frontiera detox che spopola negli Stati Uniti e sta conquistando le star di tutto il mondo può farlo per brevi periodi e con moderazione senza riscontrare controindicazioni particolari, mentre per chi sta assumendo dei farmaci si consiglia il consulto del proprio medico.

Leggi anche:

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

In uno studio condotto dall’UC Berkeley, dalla Columbia University e da altre istituzioni, i ricercatori hanno scoperto che diverse marche importanti di tamponi contengono livelli tossici di metalli. I risultati dello studio I ricercatori hanno acquistato tamponi da grandi marchi dell’UE, del Regno Unito e degli Stati Uniti, secondo un comunicato stampa dell’UC Berkeley Public […]

Per molte donne, la fase premestruale è un periodo associato a fastidiosi sintomi come gonfiore, crampi, sbalzi d’umore e irritabilità. Se anche tu soffri di questi disturbi, ti interesserà sapere che non sei sola e che esistono diversi rimedi naturali per aiutarti ad alleviarli e a vivere questo momento con più serenità. In questo articolo, […]

Photo by Kamaji Ogino La detersione del viso è il primo, fondamentale passaggio per una skincare routine efficace, sia per rimuovere il trucco sia per liberare la pelle dalle impurità accumulate durante la giornata. Scegliere il prodotto giusto, però, può essere un’impresa: come orientarsi tra le diverse tipologie di detergenti disponibili? Tra i numerosi prodotti […]

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]