Forno a microonde, 5 motivi per utilizzarlo il meno possibile

di Danila


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

[multipage]

Lo usiamo quotidianamente per scaldare, scongelare e qualche volta anche per cucinare. Ma è davvero lo strumento sicuro e innocuo che dicono? Cerchiamo di capire insieme se e quando è il caso che il forno a a microonde venga utilizzato il meno possibile.

[/multipage]

[multipage]

Sostanze cancerogene

Da una serie di studi è emerso che gli alimenti nel microonde possono sviluppare sostanze cancerogene. Tra questi alimenti quelli incriminati in tal senso sono carne, latte e cereali, verdure, sia crude che cotte e frutta scongelata al microonde.

[/multipage]

[multipage]

Impoverimento dei nutrivi negli alimenti

Secondo conclamati studi russi il valore nutritivo degli alimenti a causa delle radiazioni emesse dal microonde subirebbe una drastica diminuzione, pari al 60% circa, in qualche caso anche il 90%, valore che deriva dal tempo di esposizione. Vitamine e minerali essenziali presenti negli alimenti praticamente verrebbero distrutti.

[/multipage]

[multipage]

Esposizione al microonde

A quanto pare la nostra esposizione agli effetti delle onde emesse da questo elettrodomestico non sono unicamente legate alla cottura dei cibi, ma alla vicinanza durante il funzionamento del forno. Secondo le statistiche durante la cottura a microonde dovremmo tenere sempre una distanza di almeno 90 centimetri dal forno.

[/multipage]

[multipage]

Biberon nel microonde

Lo facciamo praticamente tutti: riscaldare il biberon nel microonde è ormai una consuetudine, ma potrebbe rivelarsi pericolosa, innanzitutto perché il contenitore, pur rimanendo fresco, contiene all’interno il latte che invece potrebbe diventare bollente ed essere causa di un’ustione. Inoltre il suddetto riscaldamento potrebbe provocare alterazioni del latte, privandolo di vitamine e altre proprietà nutritive fondamentale per il corretto sviluppo del neonato.

[/multipage]

[multipage]

Obesità

Esiste a quanto pare anche una correlazione secondo cui l’uso del microonde ha contribuito alla diffusione dell’obesità. In che modo? Tramite il conseguente proliferare di cibi già pronti, per lo più precotti e ricchi di conservanti, che vanno semplicemente infilati in microonde per pochi minuti.

LEGGI ANCHE:

5 usi alternativi del microonde

[/multipage]

 

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]

A Firenze si sono registrati 11 casi di persone risultate positive al vaiolo delle scimmie, dopo una serata trascorsa in discoteca. Secondo le dichiarazioni di Renzo Berti, direttore del dipartimento di prevenzione dell‘Asl Toscana centro, riportate dall’ANSA, si tratta di uomini giovani, eccezion fatta per una persona di mezza età. L’infezione sarebbe stata causata con […]