Colesterolo alto, attenta se hai le unghie di questo colore

di Manuela Zanni


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Non sempre è facile individuare la presenza del colesterolo alto dal momento che,  purtroppo, non fornisce molti campanelli d’allarme. Per questo motivo  spesso ce ne accorgiamo quando è relativamente troppo tardi e possiamo solo sbrigarci a correre ai ripari, tuttavia esiste una spia a cui prestare particolarmente attenzione: il colore delle unghie. 

Che cos’è il colesterolo

Il colesterolo è una molecola che appartiene alla categoria dei lipidi (grassi), che viene in parte prodotta dal fegato e in parte assunta attraverso cibi di origine animale.  Svolge numerose e importantissime funzioni, ad esempio, costituisce le membrane cellulari ed è il precursore di alcuni ormoni, come estrogeni e testosterone e vitamina D. Nelle giuste dosi, quindi, il colesterolo rappresenta una molecola fondamentale per mantenersi in salute, ma, se in eccesso, può determinare un aumento del rischio cardiovascolare.
Sembra che un italiano su tre soffra di colesterolo alto: l’ipercolesterolemia si verifica quando le arterie si riducono (o meglio si restringono) a causa del grasso che vi si deposita e che ostacola l’afflusso del sangue ad ogni parte del corpo. Questa diffusa condizione deriva certamente da diversi errori che commettiamo quotidianamente, in primis l’alimentazione sbagliata, e può essere diagnosticata solo con le analisi del sangue che vanno ad indagare i livelli di LDL (il colesterolo cattivo). Chi ne soffre ha più possibilità di sviluppare malattie al sistema cardio-circolatorio – come infarto e ictus – ma ci sono molti accorgimenti da adottare per rimettersi in carreggiata e riportare le lipoproteine a bassa densità (ecco per cosa sta la sigla LDL) a livelli accettabili.

Perché le unghie sono un campanello d’allarme per il colesterolo

Poiché i  livelli alti di colesterolo  causano il blocco delle arterie,   il colesterolo extra si deposita nelle arterie, formando una placca. È questa placca che rende le arterie strette, con grandi depositi che le bloccano completamente. Le arterie strette o ostruite limitano il flusso  sanguigno a varie parti del corpo, comprese le unghie. Se compaiono, dunque, delle linee scure, tendenti al rossastro-bruno sotto le unghie, allora abbiamo certamente un problema da risolvere con il colesterolo. In genere questi segni scuri corrono nella direzione della crescita delle unghie e sembrano piccole schegge.

In questo caso, è bene farsi segnare subito i necessari esami del sangue a cui, qualora confermeranno la presenza di ipercolesterolemia, seguirà una terapia farmacologica da parte del medico.

Cause del colesterolo alto

Il colesterolo alto può dipendere dall’alimentazione, dallo stile di vita o dalla genetica e può aumentare il rischio di patologie cardiache. Vediamo insieme come prevenirlo. Il colesterolo è un grasso che viene prodotto a livello del fegato e introdotto attraverso la dieta, in particolare, con il consumo di prodotti di origine animale, come uova o carne.

Un eccessivo apporto di carboidrati e grassi, stile di vita sedentario e sovrappeso/obesità, invece, possono influenzare molto i livelli di colesterolo nel sangue e determinare ipercolesterolemia. Inoltre, in Italia, circa 1 persona su 500 è affetta da ipercolesterolemia familiare, causata da un’alterazione genetica che riduce le capacità delle cellule di smaltire il colesterolo nel sangue, causandone un accumulo.

 

Come prevenire il colesterolo alto

I rischi del colesterolo alto sono principalmente quelli di sviluppare patologie cardiovascolari, pertanto, è importante prevenirlo attraverso le classiche regole utili, in generale, per mantenersi in salute e prevenire le malattie croniche. Sebbene vi possa essere una predisposizione genetica alla colesterolemia alta, infatti, lo stile di vita resta il principale fattore di prevenzione.

In particolare:

  • Seguire un’alimentazione varia ed equilibrata.
  • Limitare alimenti e bevande zuccherate o cibi ricchi di grassi, soprattutto saturi.
  • Limitare gli alcolici.
  • Svolgere regolare attività fisica.

    Cosa mangiare

    La dieta per colesterolo alto e trigliceridi consiste semplicemente in un’alimentazione sana, varia ed equilibrata, come la dieta mediterranea. In particolare, non devono mai mancare:

  • Olio extravergine di oliva, frutta secca in guscio, avocado e pesci grassi, ricchi di grassi polinsaturi.
  • Legumi, cereali integrali, frutta e verdura, ricchi di fibre.
  • Spezie ed erbe aromatiche, come aglio, curcuma, timo, cannella, ricchi di antiossidanti.
  • Tè verde, ricco di antiossidanti.
  • Soia e derivati.

    Cosa non mangiare

    Nella maggior parte dei casi, potrebbe non essere necessario eliminare alcuni alimenti dalla dieta, ma solo consumarli in quantità e frequenze adeguate. In particolare:

  • Evitare il consumo di alcolici.
  • Evitare bibite zuccherate e i prodotti confezionati e industriali.
  • Prediligere grassi vegetali buoni, come l’olio extravergine di oliva o la frutta secca in guscio ed evitare alimenti ricchi di grassi saturi.
  • Limitare il consumo di carni rosse, tendenzialmente più grasse rispetto a quelle bianche.
  • Limitare il consumo di formaggi stagionati, più ricchi di grassi rispetto ai formaggi freschi.
  • Limitare il consumo di uova. Le linee guida nazionali consigliano dalle 2 alle 4 uova settimanali.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

L’Australia è stata di recente colpita dall’influenza aviaria H5N1. Ad essere contagiata è stata una bambina di 2 anni e mezzo, risultata positiva e curata in terapia intensiva in un ospedale australiano dopo un viaggio in India. A dare l’annuncio è stata l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che ha così dichiarato: “Si tratta della prima […]

Il glifosato, un erbicida ad ampio spettro, è diventato uno degli strumenti più utilizzati nell’agricoltura moderna. Sin dalla sua introduzione sul mercato negli anni ’70 dalla Monsanto, sotto il nome commerciale di Roundup, il glifosato è stato adottato in tutto il mondo per il controllo delle erbacce. Tuttavia, il suo uso diffuso ha sollevato preoccupazioni […]