Cancro al fegato, nuovi fattori di rischio da tenere in considerazione

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

L’epatite virale e la cirrosi sono state per lungo tempo le principali cause della comparsa del cancro al fegato. Tuttavia, stando a un recente studio, stanno emergendo nuovi fattori di rischio più comuni rispetto a queste due patologie.

I decessi per cancro al fegato sono aumentati del 25%. Lo rivela una ricerca pubblicata il 3 giugno 2022 sulla rivista Cell Metabolism.

Inoltre, come anticipato, le tendenze globali nei fattori di rischio di cancro al fegato stanno cambiando: i rischi causati dall’infezione da epatite B e C sono in diminuzione ma il consumo di alcol e l’obesità sono fattori in aumento.

La vaccinazione contro l’epatite B e C riduce il rischio di cancro al fegato

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’Università di San Diego, negli Stati Uniti. I ricercatori erano interessati al legame tra la vaccinazione contro l’epatite B e C e il cancro al fegato. Infatti, le persone colpite dalle epatiti B o C hanno maggiori probabilità di sviluppare un cancro al fegato. Grazie ai progressi nella vaccinazione, però, il numero di persone colpite da queste due infezioni è diminuito in modo significativo e, di conseguenza, il numero di tumori al fegato correlati.

LEGGI ANCHE: Guarita dal cancro dopo una terapia rivoluzionaria.

Il consumo di alcol e la steatosi epatica aumentano il rischio di cancro al fegato

Sempre secondo questo stesso studio, però, i nuovi fattori di rischio per il cancro al fegato sono in aumento. Infatti, il consumo di alcol e la steatoepatite non alcolica (NASH), nota anche come malattia del fegato grasso, sono incrementati.

Quest’ultima è una malattia associata all’obesità, al diabete o all’ipertensione, che provoca un accumulo di grasso nel fegato, senza consumo eccessivo di alcol.

“La malattia del fegato grasso è diventata la causa in più rapida crescita di morte per cancro al fegato in tutto il mondo, in particolare in America, a causa del rapido aumento dei tassi di obesità”, hanno affermato gli autori dello studio. Da qui la raccomandazioni di misure urgenti.

LEGGI ANCHE: Cancro al collo dell’utero, i segnali d’allarme.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il bicarbonato è un ingrediente molto versatile utilizzato non solo per digerire, ma anche come dentifricio, alleato di bellezza per rendere luminosi i capelli, come scrub per il viso e la pelle, per il trattamento dell’acne e come detergente naturale. Nonostante i suoi molteplici usi e gli effetti benefici per la salute, bisogna stare molto […]

Il tumore al colon è senza dubbio uno dei tumori più insidiosi, noto per la sua natura subdola e la sua inclinazione a manifestarsi in tarda età, anche se sta cominciando a destare preoccupazioni anche tra i giovani. In base ai dati forniti dall’AIRC questo tumore rappresenta il 10% dei tumori diagnosticati a livello globale, […]

Torna la primavera e come sempre tornano le prime allergie di stagione. A soffrirne sarebbe circa un quarto della popolazione e i numeri sarebbero in costante aumento, soprattutto nei Paesi occidentali e industrializzati. Le allergie primaverili colpiscono anche gli adulti che prima non ne hanno mai sofferto. Ma quali sono le più comuni allergie di […]

Tutti almeno una volta nella vita hanno sentito parlare di colesterolo, uno degli indicatori più importanti della nostra salute da tenere sempre sotto controllo. Capita spesso che per ridurlo siano utilizzati dei farmaci di origine naturale, ma il piùù delle volte sarebbe sufficiente intervenire con un’apposita dieta consumando alimenti in grado di ridurre gli accumuli […]