Adolescenza: una metamorfosi delicata

di cinziaR


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

L’adolescenza definita come “fase di crescita” è un importante momento di passaggio dall’infanzia all’età adulta, è un periodo che potremmo definire di metamorfosi sia fisica che psicologica. Numerosi sono i cambiamenti che ogni ragazzo deve fronteggiare e in relazione a questi, può accadere che, l’adolescente non si riconosca più nel bambino che era e deve iniziare a destreggiarsi nella costruzione dell’adulto che sarà.

La strada tra il noto e l’ignoto alla ricerca di un nuovo e saldo equilibrio non è facile da percorrere e per questo possono sorgere dei conflitti, conflitti che coinvolgono in prima persona i genitori, i quali, talvolta, si trovano in difficoltà sia nel rapportarsi con i propri figli sia nel far fronte alle loro nuove esigenze, peraltro ai loro occhi, alle volte, non facilmente comprensibili.

Durante l’adolescenza, inoltre, il gruppo dei pari assume sempre più peso, le amicizie cominciano ad avere un posto di rilievo e la cosiddetta “onnipotenza genitoriale” diminuisce, modificando il ruolo della famiglia. Anche se in questo periodo può essere impegnativo trovare un punto di contatto con un figlio adolescente, che cerca di raggiungere una propria indipendenza e autonomia, un genitore non dovrebbe mai dimenticare di dimostrarsi una presenza e un approdo sicuro in cui il proprio figlio si possa rifugiare.

Mantenere un atteggiamento accogliente e di guida, anche autorevole, dove è necessario, aiuta a gestire e ridimensionare preoccupazioni che spesso un figlio adolescente vive come insormontabili. Sapere e sentire di poter chiedere aiuto nei momenti difficili alla propria famiglia è fondamentale, soprattutto perché costruire una propria identità e poi riuscire a capire come gestirla e come affermarsi nella nostra società attuale non è semplice. Molto spesso accade, infatti, che per far ciò i ragazzi inizino a mettersi alla prova, arrivando alle volte a spingersi oltre, vivendo situazioni che poi si rivelano pericolose come l’abuso di alcol o di sostanze, la sperimentazione di una sessualità precoce e non protetta, la guida pericolosa, le restrizioni alimentari per seguire le mode del momento, eccetera.

Per saperne di più visita la pagina Facebook della Dott.ssa Guarasci

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Le crisi di rabbia in alcuni bambini sono molto frequenti e, talvolta, sembrano davvero interminabili. Quali sono le motivazioni? È possibile prevenire le esplosioni d’ira dei piùpiccoli? Come intervenire e calmare il bambino? Ecco alcuni consigli utili da tenere a mente Crisi di rabbia, perché molti bambini tendono ad averle? I bambini hanno spesso crisi […]

La sindrome della capanna, o sindrome del prigioniero, è una condizione psicologica che ha guadagnato notorietà durante il periodo post-pandemia. Tuttavia, questa sindrome risale a molto prima, principalmente nei freddi Paesi nordici dell’Europa e dell’America. In queste regioni, le rigide condizioni climatiche invernali costringono le persone a rimanere isolate in casa per mesi. Una situazione […]

Viviamo in un’epoca in cui la corsa verso il successo sembra essere più veloce e frenetica che mai. Social media, aspettative sociali e pressione personale ci spingono a essere sempre migliori, più veloci e più forti. Tuttavia, in questa società frenetica per raggiungere obiettivi esterni, spesso dimentichiamo l’importanza di amare noi stessi. L’amore per se […]

L’effetto Michelangelo introduce una prospettiva positiva nelle dinamiche di coppia. Questo fenomeno rappresenta il cambiamento come un’opportunità di crescita condivisa, dove ciascun partner aiuta l’altro a diventare la versione migliore di sé. In questo contesto, la relazione non è solo basata sulla comprensione e sul rispetto, ma anche sulla condivisione degli obiettivi e sulla crescita […]

Un recente studio ha esplorato per la prima volta la fattibilità e l’efficacia del protocollo internazionale Eye Movement Desensitization and Reprocessing (Emdr) per trattare i disturbi depressivi (DeprEND) nelle persone affette da sclerosi multipla (Sm). Questo studio pionieristico, firmato da Francesco Pagnini e Cesare Massimo Cavalera dell’Università Cattolica di Milano, rappresenta un passo avanti significativo […]