Guida Michelin, chi è Mauro Uliassi, chef di “Uliassi-Cucina di mare” a Senigallia

di Manuela Zanni

Marchigiano, classe 1958, Mauro Uliassi ha aperto l’omonimo ristorante a Senigallia nel 1990, insieme alla sorella Catia. Nella sua cucina, ricca di contaminazioni e varianti, c’è molto rigore che gli è valsa la conferma delle tre stelle della Guida Michelin. Scopriamo, di seguito, cosa sappiamo di lui.

 

Le tre stelle nel 2018

Lo chef Mauro Uliassi, proprietario del ristorante Uliassi di Senigallia, il 16 novembre 2018 ha conquistato per la prima volta le tre stelle Michelin, portando a dieci i ristoranti italiani che ”meritano il viaggio” secondo la Guida Michelin Italia 2019. ”Sono contentissimo”, aveva  dichiarato. Oggi, a distanza di 4 anni, ha mantenuto ancora la preziosa stella portando in alto il nome del suo ristorante confermando il prestigioso riconoscimento delle tre stelle dagli ispettori della Guida Michelin.

Mauro Uliassi

Mauro Uliassi

La carriera di Mauro Uliassi

Classe 1958, originario di Senigallia, Uliassi si appassiona alla cucina grazie al bar dei genitori, Franco e Bianca Maria, dove dà una mano fin da piccolo insieme alla sorella Catia. Dopo essersi iscritto all’Itis, capisce che la sua strada è un’altra e passa all’alberghiero, dove inizia a cucinare e a sperimentare. Nel 1986, convinto da sua madre, apre il suo primo ristorante a Senigallia, “Pizzeria da Mauro”, ma lascia dopo appena tre mesi. Quattro anni dopo compra l’attuale ristorante Uliassi, che si affaccia sul mare: Mauro va ai fornelli, la sorella Catia in sala. Fin da subito richiama file di clienti, presto diventa un vero e proprio ristorante “gourmand”. “Abbiamo aperto negli anni ’90, con leggerezza ma anche con la certezza che lavorando 24 ore al giorno entro tre anni potevi rientrare dell’investimento e poi pensare a crescere”, ha raccontato chef  Uliassi.

La  cucina di Mauro Uliassi

Mauro Uliassi e la moglie Chantal

Mauro Uliassi e la moglie Chantal

LEGGI ANCHE: Guida Michelin, il messaggio commosso di Cannavacciuolo

Nella cucina di Uliassi c’è molto rigore. I suoi piatti nascono principalmente grazie a un processo creativo che avviene assieme ai ragazzi dello staff. Nei piatti c’è tanto delle Marche, ma qualsiasi pietanza tradizionale è piena di contaminazioni, varianti e abbinamenti. La scelta degli alimenti è molto accurata: solo prodotti di primissima qualità e freschi, prediligendo i profumi del mare, protagonista indiscusso della sua cucina, anche se ama cimentarsi pure con la selvaggina, tipica della zona. Il piatto che più lo rappresenta è la “Scarpetta di Brodetto”, un pezzo di pane che intinge in un sugo di pesce concentrato.  Altre creazioni culinarie significative sono la “Ricotta come una Cassata” e il “Gambero rosso, acqua di limone, basilico e melone”. Il suo piatto preferito? “Non ho un piatto del cuore – sostiene – il piatto migliore è quello che ti porta avanti e viene sempre meglio” ha concluso.

LEGGI ANCHE: Guida Michelin, come funzionano le stelle? Chi ne ha di più?

Parola d’ordine: “leggerezza”

Uliassi si sposa nel 1984 con sua moglie Chantal. Ha due figli: Filippo, che lavora con lui, e Rosa, la più piccola. “Ancora oggi preservo la leggerezza: siamo chiusi tre mesi l’anno – precisa – e chiusi tre giorni la settimana. Penso che le persone si realizzano attraverso l’amore e nel lavoro. Io ho avuto la fortuna di avere entrambi, facendo molta attenzione a conservarli. Oggi tuttavia il lavoro è più difficile, ci sono tante incertezze economiche e un imprenditore ne risente, ma la passione resta tutta. E dà felicità”, conclude.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

4 min

Un nome: Vittorio. E una famiglia, marchio di eccellenza nel mondo della ristorazione e dell’accoglienza. Una dedizione premiata dalle guide – Tre Stelle Michelin – e dalla fedeltà di una clientela in crescita costante. Uno stile culinario inconfondibile, vivo e vitale da oltre 50 anni, grazie all’intuizione del fondatore – papà Vittorio – e all’evoluzione […]

2 min

Il cuoco e lo chef svolgono due lavori differenti, ma spesso vengono confusi e utilizzati come sinonimi. Viviamo in un periodo in cui sono all’ordine del giorno programmi tv dove viene giudicato un determinato ristorante o il modo di realizzare un piatto del cuoco e dello chef. Ma in cosa differiscono? Qual è la differenza […]