Gourmet in alta quota al Tenne Lodges & Chalets dI Racines (BZ)

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

 

Ricerca e innovazione per lo chef Mike Bräutigam partono dalla solida base delle tradizioni. A capo della cucina al Tenne Lodges & Chalets di Racines (BZ) dall’apertura del Naturhotel, nel 2016, il professionista dell’alta ristorazione – nato in Germania e con esperienza pluriennale in contesti internazionali – ha come obiettivo trasformare ingredienti semplici e naturali in piatti creativi e sorprendenti. In perfetta sintonia con la filosofia ecosostenibile del resort, in cucina si preferiscono prodotti locali, provenienti in gran parte da piccole aziende del territorio.

Lo chef coltiva nel proprio orto personale verdura di stagione ed erbe aromatiche, dal maso di famiglia provengono le uova, di produzione biologica, e a volte vengono servite le trote, che il titolare Daniel pesca in prima persona. L’idea per l’elaborazione di nuovi piatti nasce sempre dal toccare con mano, assaporare il profumo, di quanto la terra e gli allevamenti propongono nel periodo stagionale. Ogni creazione gourmet è insieme un omaggio alle tradizioni genuine del territorio e un’opera d’arte che trasforma le stesse, rendendole raffinate e in linea con il gusto contemporaneo. Lo stesso concetto si concretizza nella sala dedicata agli ospiti, dove il materiale tipico della vallata, legno e quarzite d’argento, è stato rielaborato in un’architettura di sobria eleganza con influenze industrial. Ma vediamo insieme qualche piatto del menu che si può gustare – rigorosamente in stagione! – al ristorante del Tenne Lodges & Chalets, aperto anche agli ospiti non residenti nella struttura.

Per iniziare un rinfrescante Gazpacho di asperula, servito con cialda di pane di grano arso, anguilla di valle e lamponi fermentati, e a seguire Bottoni di tartufo nero pregiato con essenza di quaglia, finferli di Racines e lavanda. Come secondo carne e pesce: Flapsteak di bisonte servita con polenta di ortica, carote di Mareta, ciliegie duroni e ricotta di capra stagionata; e Salmerino di fonte adagiato su siero di latte, salvia splendente, broccoli selvatici condito con olio di noci. Un momento di dolcezza infine con il Croccante di miele di acacia, accompagnato da frutti rossi del bosco e sorbetto di acetosella. Ogni ingrediente rimanda a mille suggestioni, e la loro combinazione crea un incantesimo di pura perfezione, che i foodies adoreranno.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Scegli UVE Rooms & Wine Bar per un soggiorno glam nelle Langhe, per assaporare con lentezza la dolcezza di stagione Quando le giornate iniziano ad allungarsi e l’aria si fa via via più tiepida, anche noi ci risvegliamo insieme alla Natura, e la voglia di uscire, andare, assaggiare la vita diventa più forte che mai. […]

Con KIBO alla scoperta delle tradizioni e delle eccellenze gastronomiche degli Stati Uniti in due mete diversissime e simbolo di cultura e bellezza Come si mangia in America? Benissimo, se si scelgono i migliori prodotti e le tante eccellenze locali che gli sterminati Stati Uniti offrono. Le grandi città propongono naturalmente una vastissima scelta di […]

Non si ferma il progetto della label palermitana Southside Records, una realtà che è nata grazie all’intuizione e all’ambizione di alcuni ragazzi palermitani che uniti dalla passione per il rap sono riusciti a unire gli artisti fra i più interessanti della scena musicale del Sud Italia. Il roster dell’etichetta discografica ora può ritenersi al completo […]