03 settembre 2018 |

Adolescenti, come aiutarli a gestire il passaggio alla scuola superiore?

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Come aiutare gli adolescenti a gestire il passaggio alla scuola superiore? Si sa che l’adolescenza è un periodo particolare, in cui i giovani avvertono enormi cambiamenti sia sul piano fisico che psicologico. L’adolescenza è, anzi, il periodo più critico e spesso può trasformarsi in una fase conflittuale anche con i genitori. Il cambio della scuola ed il passaggio dalle medie alle superiori complica ulteriormente la situazione. Come affrontare questa delicata fase?

Un passaggio difficile

Il passaggio alla scuola superiore e il primo giorno di scuola superiore, per gli adolescenti, sono difficili e spesso fonte di ansia e depressione. I motivi sono diversi: il primo è legato alla scelta del percorso di studi da affrontare; è il primo delicato step della loro carriera scolastica. Liceo classico, liceo scientifico, Istituti tecnici dovranno essere scelti con l’aiuto dei genitori. E già questa è una prima difficoltà: non tutti gli adolescenti hanno la maturità e gli strumenti per fare una scelta consapevole. Nascono così le prime ansie e paure. Non solo, lasciare i compagni e l’ambiente frequentato durante il ciclo delle medie è sicuramente un altro evento traumatico o, comunque, difficile da gestire. Infine, le ansie legate ai primi approcci con un metodo di studio diverso, che sicuramente prevede anche nuove difficoltà. Come aiutare gli adolescenti a gestire tutte queste ansie e come scegliere la scuola superiore?

Come aiutare gli adolescenti

I genitori, nel delicato passaggio alla scuola superiore, possono fare tanto. Ovviamente il presupposto è quello di avere creato con i propri figli un rapporto basato sul dialogo, sull’ascolto e sulla comprensione delle loro difficoltà. Bando anche all’ansia genitoriale: mamma e papà devono mostrarsi sicuri e rassicuranti nei confronti delle paure dei figli. Va spiegato loro, quindi, che si tratta di un percorso di crescita, che significherà un’evoluzione positiva. Insomma, vanno mostrarti i lati positivi di questo passaggio di crescita, perchè si tratta proprio di un percorso di crescita. Le ansie maggiori degli adolescenti riguardano anche il confronto con le nuove materie e i nuovi compagni. Ebbene, anche in questo caso i ragazzi andranno rassicurati e si dovrà sottolineare che le vecchie amicizie potranno essere comunque mantenute.

Come scegliere la scuola superiore

Nella scelta del percorso di studi delle scuole superiori, invece, andrà tenuto conto delle personali inclinazioni dei ragazzi, anche sulla base dei risultati didattici e dei gusti manifestati nel precedente ciclo scolastico. Imporre al ragazzo un percorso di studi che non rappresenta le sue inclinazioni e i suoi gusti può essere inutile e persino dannoso. Nella scelta del nuovo percorso di studi da intraprendere, quindi, si deve incoraggiare gli adolescenti a partecipare a tutte le attività di orientamento alle scuole superiori. L’orientamento scolastico prevede la partecipazioni a ore dedicate proprio alla verifica delle inclinazioni del giovane studente. In questo modo, l’iscrizione alla scuola superiore sarà più agevole.

Altri consigli utili

La vita non è solo scuola e i genitori devono sempre tenere a mente questa verità, anche nel delicato passaggio alla scuola superiore. La scuola, e la scuola superiore in particolare, è fondamentale per lo sviluppo del giovane, ma questo va incoraggiato a coltivare anche altri interessi. Lo sport, ad esempio, è fondamentale, così come lo sono le amicizie. Insomma, per liberare i ragazzi dalle ansie legate al nuovo percorso di studi è fondamentale incoraggiarli anche ad altre attività, che non sono fonte di ansia. Inoltre, ricordate sempre ai ragazzi cosa è significato per voi affrontare questo percorso e tutti i ricordi belli che vi ha lasciato, vedrete che la vostra positività li contagerà!

Leggi anche:

Carmela Giglio

Potrebbe interessarti anche