28 Giugno 2022 |

Come lucidare in casa le fedi nuziali

di Alice Marchese

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Le fedi nuziali sono i gioielli per la vita: simbolo di amore eterno e di infinita dolcezza. Ma a volte succede con il passare del tempo che queste abbiano bisogno di essere lucidate. Ecco quali sono le abitudini da tenere a mente per fare in modo che non si rovinino!

Pulizia delle fedi nuziali

Se i vostri anelli sono d’oro, potete pulirli seguendo queste semplici istruzioni:

  1. Preparare una ciotola di acqua tiepida e aggiungere qualche goccia di sapone per stoviglie; mescolare finché non si forma la schiuma.
  2. Inserirvi gli anelli e lasciare a bagno per circa 15 minuti.
  3. Asciugare e strofinare delicatamente con uno spazzolino da denti.
  4. Risciacquare le fedi
  5. Asciugarle con un panno morbido, usare tessuti soffici e mai carta.

Precauzioni

In alcuni momenti è meglio togliere la fede, lo stesso discorso vale per l’anello di fidanzamento:

  1. In palestra o in piscina e in generale quando si pratica sport. Eventuali colpi possono danneggiare la fede, mentre cloro e sudore possono rovinarla.
  2. Durante i lavori domestici, come le pulizie e il giardinaggio, perché molti prodotti chimici danneggiano i metalli preziosi deteriorandone la brillantezza.
  3. In questi casi, togliete le fedi e riponetele in una scatolina apposita o nel sacchetto di tela della gioielleria.

Pulizia professionale delle fedi nuziali

Nonostante i rimedi casalinghi-fai da te siano perfetti e veloci, è utile per una pulizia più profonda rivolgersi ad una persona più competente che lavori in una gioielleria.

A disposizione dei laboratori orafi ci sono le macchine spazzolatrici, con delle spazzole e pasta lucidante che rimuovono graffi superficiali ed immediatamente fanno brillare anelli, collane o qualsivoglia gioiello.

Con l’oro bianco è necessario effettuare una nuova rodiatura e placcatura, che ci restituiscono il gioiello in condizioni perfette, quasi come se non fosse stato mai indossato.

Quando lucidare i propri gioielli?

La pulizia fai da te, la si può fare ogni volta che si desidera, ogni volta che il gioiello lo richiede; mentre per la lucidatura professionale in genere ogni 2 anni dovrebbe essere sufficiente, salvo utilizzo intenso o sporco accidentale.

Altro aspetto da tenere a mente è quello di non mettere in contatto articoli preziosi in oro, argento o qualsiasi altro materiale, con prodotti cosmetici, in particolare profumi o creme, in quanto possono opacizzare o in alcuni casi rovinare irrimediabilmente alcuni gioielli un po’ più delicati, come ad esempio i gioielli con perle.

Altra alternativa validissima

Un’altra alternativa è quella di immergere le nostre fedi in un pentolino con l’acqua portata a ebollizione: l’oro non verrà danneggiato, ma l’acqua bollente porterà via la sporcizia accumulata sulle fedi a causa dell’uso quotidiano. Se all’interno della fede vi sono delle incisioni, potremo aggiungere del detersivo per piatti e lasciar bollire per un’altra decina di minuti, e usare uno spazzolino a setole morbide per una pulizia più profonda negli angoli.

Le fedi una volta tolte dal pentolino vanno risciacquate in acqua fredda ed asciugate con un panno di cotone morbido.

Infine per farle tornare brillanti come nuove dovremo immergerle in un contenitore con dell’alcool denaturato, dove le lasceremo in posa per un altro paio d’ore, prima di risciacquarle di nuovo in acqua fredda e di asciugarle col panno in cotone.