Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla: sintomi, cause, diagnosi e terapie

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Oggi giovedì 30 maggio si celebra la Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla, un’occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica su una malattia che colpisce milioni di persone in tutto il mondo e sempre più spesso i giovani.

Oggi la ricerca sta facendo grandi passi avanti nelle terapie, migliorando sensibilmente la qualità di vita dei pazienti

Sintomi e cause

La sclerosi multipla (SM) è una malattia cronica del sistema nervoso centrale che può manifestarsi con una varietà di sintomi. Tra i più comuni vi sono la stanchezza cronica, disturbi visivi, problemi di equilibrio e coordinazione, e debolezza muscolare.

Altri sintomi includono difficoltà cognitive, come problemi di memoria e concentrazione, nonché disturbi della sensibilità, come formicolii e intorpidimenti. La varietà e la gravità dei sintomi possono variare notevolmente da persona a persona, rendendo la SM una malattia complessa e imprevedibile.

Le cause della sclerosi multipla non sono ancora completamente comprese, ma si ritiene che la malattia sia il risultato di una combinazione di fattori genetici e ambientali. La SM è considerata una malattia autoimmune, in cui il sistema immunitario attacca erroneamente la mielina, il rivestimento protettivo delle fibre nervose.

Alcuni fattori di rischio identificati includono la predisposizione genetica, infezioni virali, carenze di vitamina D e fumo. Studi recenti hanno anche suggerito che l’esposizione a determinati agenti patogeni e uno stile di vita sedentario possono aumentare il rischio di sviluppare la malattia.

Diagnosi e terapie

La diagnosi della sclerosi multipla è complessa e richiede un’accurata valutazione medica. Non esiste un singolo test che possa confermare la SM; invece, la diagnosi si basa su una combinazione di esami clinici, risonanza magnetica (MRI), analisi del liquido cerebrospinale e test neurofisiologici.

Il neurologo valuta i sintomi riferiti dal paziente, esamina la storia clinica e utilizza tecniche di imaging per individuare lesioni tipiche della malattia nel cervello e nel midollo spinale.

In particolare, esistono due tipi di diagnosi la disseminazione spaziale (presenza di più lesioni tipiche di SM in diverse aree del sistema nervoso centrale) e la disseminazione temporale (presenza di almeno 2 eventi infiammatori distinti a distanza di almeno un mese l’uno dall’altro).

La diagnosi precoce è fondamentale per iniziare tempestivamente il trattamento e gestire al meglio la progressione della malattia.

Oggi è possibile effettuare una diagnosi sempre più precisa e precoce e accedere tempestivamente ai trattamenti così da modificare in modo significativo il decorso della malattia.

Attualmente non esiste una cura per la sclerosi multipla, ma ci sono diverse terapie disponibili per gestire i sintomi e rallentare la progressione della malattia. Le terapie modificanti la malattia (DMT) sono farmaci che possono ridurre la frequenza e la gravità delle ricadute e ritardare la progressione della disabilità. Tra i trattamenti più comuni ci sono gli interferoni, gli anticorpi monoclonali e i farmaci orali come la dimetilfumarato e il fingolimod.

Oltre alle terapie farmacologiche, è importante un approccio multidisciplinare che includa la fisioterapia, la riabilitazione cognitiva e il supporto psicologico per migliorare la qualità della vita dei pazienti.

La Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla rappresenta un momento importante per riflettere sui progressi fatti nella comprensione e nel trattamento di questa malattia, e per rinnovare l’impegno nella ricerca scientifica.

Grazie alle campagne di sensibilizzazione, sempre più persone sono, infatti, informate sui sintomi e sull’importanza della diagnosi precoce. Il sostegno alla ricerca continua a essere essenziale per trovare nuove terapie e, un giorno, una cura definitiva per la sclerosi multipla.

Foto da Depositphotos.com

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

La maca, una pianta originaria delle Ande peruviane, è conosciuta da secoli per le sue straordinarie proprietà nutritive e medicinali. Questo superfood sta guadagnando popolarità a livello globale grazie ai suoi numerosi benefici per la salute, che vanno dal miglioramento dell’energia alla promozione del benessere generale. Origini, proprietà nutrizionali e benefici La maca (Lepidium meyenii) […]

Si chiama Mytho, il gene che sta rivoluzionando la comprensione dell’invecchiamento e della qualità della vita. Grazie a una ricerca internazionale durata nove anni e guidata dall’Università di Padova, questo gene è stato finalmente identificato. Mytho è conservato quasi identico in molte specie, dai vermi all’uomo, e promette di migliorare la salute durante l’invecchiamento. A […]

Sognare di tornare a scuola è un’esperienza comune a molte persone, indipendentemente dall’età. Questi sogni possono variare enormemente, ma spesso coinvolgono scenari come essere in ritardo per una lezione, non trovare l’aula giusta, o affrontare un esame per il quale non ci si è preparati. Mentre alcuni potrebbero considerare questi sogni come semplici reminiscenze del […]

Allerta a Tokyo per i numeri elevati di sindrome da choc tossico streptococcico, un batterio carnivoro che porta alla morte. Da inizio anno a marzo 77 persone sono morte a causa di un’infezione batterica. Il ministero della Salute ha registrato, al 2 giugno, 977 casi di sindrome da choc tossico streptococcico (Stss), un’infezione batterica pericolosa […]