Che cos’è la deipnofobia: la paura a tavola che ci impedisce di vivere con serenità

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Nel vasto panorama delle fobie, la deipnofobia rappresenta una condizione meno conosciuta ma non meno debilitante. Questo termine, derivato dal greco “deipno” (cena) e “phobia” (paura), e descrive la paura intensa e irrazionale di mangiare e avere conversazioni in pubblico.

Questa fobia può avere un impatto significativo sulla vita sociale e personale di chi ne soffre, influenzando il benessere psicologico e le relazioni interpersonali.

Le cause

Le cause della deipnofobia sono complesse e spesso radicate in esperienze personali e fattori psicologici. Non esiste una causa unica che possa spiegare l’insorgenza di questa fobia, ma piuttosto un insieme di fattori che possono contribuire al suo sviluppo.

Una delle cause principali può essere un’esperienza traumatica legata ai pasti o alle interazioni sociali durante i pasti. Episodi di bullismo, umiliazioni o critiche ricevute durante i pasti possono lasciare cicatrici profonde e scatenare una paura persistente delle situazioni simili.

La deipnofobia può essere strettamente legata all’ansia sociale, una condizione in cui la persona prova un’intensa paura delle situazioni sociali per timore di essere giudicata, criticata o rifiutata. Mangiare in pubblico e partecipare a conversazioni durante i pasti possono amplificare queste paure, rendendo la situazione particolarmente stressante.

Alcuni studi suggeriscono che i fattori genetici e biologici possono giocare un ruolo nello sviluppo delle fobie. Una predisposizione familiare all’ansia e ai disturbi dell’umore può aumentare il rischio di sviluppare la deipnofobia.

I sintomi

I sintomi della deipnofobia possono variare in intensità e manifestarsi in modi diversi da individuo a individuo. Tuttavia, ci sono alcuni segni comuni che possono indicare la presenza di questa fobia.

Tra i sintomi fisici più frequenti si trovano il battito cardiaco accelerato, la sudorazione eccessiva, la nausea, i tremori e la difficoltà respiratoria. Questi sintomi possono emergere alla sola idea di dover mangiare o conversare in pubblico, e peggiorare quando la persona si trova effettivamente in quella situazione.

I sintomi psicologici includono una paura intensa e irrazionale di essere osservati, giudicati o criticati durante i pasti. Questo può portare a un’ansia anticipatoria, in cui la persona prova ansia già giorni prima di un evento sociale in cui sa che dovrà mangiare in pubblico.

Molti individui con deipnofobia sviluppano comportamenti di evitamento per ridurre l’ansia. Questi possono includere rifiutare inviti a cene o pranzi, mangiare solo in luoghi privati o con persone di estrema fiducia, e trovare scuse per evitare situazioni sociali che coinvolgono il cibo.

Le conseguenze

La deipnofobia può avere conseguenze significative sulla qualità della vita di una persona, influenzando vari aspetti della sua esistenza.

Uno degli impatti più evidenti è l’isolamento sociale. L’evitamento delle situazioni sociali che coinvolgono il cibo può portare a una riduzione delle opportunità di interazione con amici e familiari, rendendo difficile mantenere relazioni sociali sane e gratificanti.

L’evitamento dei pasti in pubblico può anche portare a problemi di salute. Le persone con deipnofobia possono avere difficoltà a seguire una dieta equilibrata o a mangiare regolarmente, il che può portare a carenze nutrizionali e altri problemi di salute fisica.

La deipnofobia può influenzare negativamente anche la carriera di una persona. Eventi aziendali, pranzi di lavoro e altre situazioni sociali legate al lavoro possono diventare fonte di grande stress, limitando le opportunità di networking e avanzamento professionale.

Il trattamento

Fortunatamente, esistono diverse strategie di trattamento che possono aiutare le persone a gestire e superare la deipnofobia. La scelta del trattamento dipende dalla gravità dei sintomi e dalle preferenze individuali.

Terapia cognitivo-comportamentale (TCC)

La terapia cognitivo-comportamentale è uno dei trattamenti più efficaci per le fobie. Questo approccio mira a modificare i pensieri negativi e i comportamenti disfunzionali legati alla paura di mangiare e conversare in pubblico. Attraverso l’esposizione graduale e controllata alle situazioni temute, i pazienti imparano a gestire l’ansia e a ridurre l’evitamento.

Farmacoterapia

In alcuni casi, i farmaci ansiolitici o antidepressivi possono essere prescritti per aiutare a gestire i sintomi di ansia associati alla deipnofobia. Questi farmaci possono essere particolarmente utili quando la fobia è grave e interferisce significativamente con la vita quotidiana.

Tecniche di rilassamento

Le tecniche di rilassamento, come la meditazione, la respirazione profonda e lo yoga, possono aiutare a ridurre l’ansia e migliorare il benessere generale. Queste tecniche possono essere utilizzate in combinazione con altri trattamenti per migliorare l’efficacia complessiva.

Supporto sociale

Il supporto di amici, familiari e gruppi di auto-aiuto può essere fondamentale per il recupero. Condividere le proprie esperienze con persone che comprendono la situazione può ridurre il senso di isolamento e fornire motivazione e incoraggiamento.

Foto da Depositphotos.com

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

La maca, una pianta originaria delle Ande peruviane, è conosciuta da secoli per le sue straordinarie proprietà nutritive e medicinali. Questo superfood sta guadagnando popolarità a livello globale grazie ai suoi numerosi benefici per la salute, che vanno dal miglioramento dell’energia alla promozione del benessere generale. Origini, proprietà nutrizionali e benefici La maca (Lepidium meyenii) […]

Si chiama Mytho, il gene che sta rivoluzionando la comprensione dell’invecchiamento e della qualità della vita. Grazie a una ricerca internazionale durata nove anni e guidata dall’Università di Padova, questo gene è stato finalmente identificato. Mytho è conservato quasi identico in molte specie, dai vermi all’uomo, e promette di migliorare la salute durante l’invecchiamento. A […]

Sognare di tornare a scuola è un’esperienza comune a molte persone, indipendentemente dall’età. Questi sogni possono variare enormemente, ma spesso coinvolgono scenari come essere in ritardo per una lezione, non trovare l’aula giusta, o affrontare un esame per il quale non ci si è preparati. Mentre alcuni potrebbero considerare questi sogni come semplici reminiscenze del […]

Allerta a Tokyo per i numeri elevati di sindrome da choc tossico streptococcico, un batterio carnivoro che porta alla morte. Da inizio anno a marzo 77 persone sono morte a causa di un’infezione batterica. Il ministero della Salute ha registrato, al 2 giugno, 977 casi di sindrome da choc tossico streptococcico (Stss), un’infezione batterica pericolosa […]