Calorie vuote: cosa sono? In quali cibi si trovano?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Vengono definite calorie vuote quella fonte d’energia presente in alimenti e bevande che forniscono solo energia e un bassissimo o nullo valore nutritivo, cioè alimenti senza proteine, grassi, carboidrati complessi, sali minerali e vitamine, come lo zucchero e l’alcol. Allo stesso tempo però sono quegli alimenti che spesso ricerchiamo perché ci soddisfano maggiormente perché presentano un forte potere saziante.

Cosa sono le calorie vuote?

Lo zucchero raffinato, bianco da cucina o bruno e integrale di canna è sempre saccarosio, apporta 4 kcal per grammo e sono calorie vuote; quello estratto dalla frutta, fruttosio, è un monosaccaride ma apporta sempre 4 calorie vuote per grammo. In pratica tutto ciò che serve per dolcificare cibo e bevande che non siano edulcoranti senza valore energetico, fornisce solo calorie vuote: miele, melassa, sciroppi di frutta, estratti di uva o mele.

Usiamo lo zucchero per dolcificare te e caffè, pasta per dolci, macedonie di frutta, limonate ecc.. Possiamo quindi controllare il consumo se siamo noi a usarlo (un cucchiaino 5 grammi = 20 Kcal) ma lo zucchero si trova ovunque ci sia un gusto dolce: bevande, dolci di pasticceria artigianale o industriale, cioccolata, snack, caramelle, diventa quindi complicato misurarlo.

L’alcol è considerato come calorie vuota?

Un bicchiere di vino di gradazione media da 125 ml contiene circa 12 g di etanolo che apporta 7 Kcal per grammo, totale 84 Kcal. UN bicchierino, 40 ml di superalcolico da 40° apporta 13g di etanolo per 94 kcal, una birra al malto piccola (200 ml) equivale a 170 Kcal.

Leggi anche: Gelato, quali sono i gusti con meno calorie

Calorie vuote e potere saziante

Secondo diversi studi, l’ipotalamo è quella parte del cervello che serve anche a determinare la fame o la sazietà. Quando si tratta di calorie vuote registra l’ingresso di calorie se prive di nutrienti. In genere, una lattina da 330 ml di aranciata (132 Kcal) apporta energia quanto un mezzo cornetto alla crema.
Nel caso della bibita le calorie sono provenienti solo da zucchero e il cervello non registra la sazietà.
Nel caso del cornetto invece le calorie provengono da carboidrati semplici e complessi, proteine e grassi, nutrienti che mettono in moto la sensazione di sazietà. Stessa cosa dicasi se si tratta di alcol che come lo zucchero non riempie lo stomaco quanto le calorie che apporta. Accade così che mangiando e bevendo zuccheri e alcol oltre la necessità di energia si possa anche ingerire 6/7000 Kcal nel giro di 10 giorni e ingrassare di 1 chilo, in un mese 3 chili, e così via.

Abitudini quotidiane da adottare

Sarebbe opportuno cambiare le proprie abitudini quotidiane così da evitare le calorie vuote che danneggiano principalmente il nostro organismo.

  1. Preferire alimenti con proprietà salutistiche ed evitare il cibo spazzatura.
  2. Bere acqua e tisane
  3. Se la frutta non è di vostro gradimento, potete optare per altro come un frullato. In questo modo potrete assumerla quotidianamente e con piacere.
  4. Occhio alle etichette!

Leggi anche: Quante calorie bruciamo con le faccende di casa?

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il tempeh è un alimento fermentato a base di soia, originario dell’Indonesia, dove è stato consumato per secoli come una fonte di proteine essenziale. Si distingue per la sua consistenza compatta e il suo sapore caratteristico, leggermente nocciolato, che lo rende un’ottima alternativa alla carne per vegetariani e vegani. A differenza del tofu, che viene […]

In uno studio condotto dall’UC Berkeley, dalla Columbia University e da altre istituzioni, i ricercatori hanno scoperto che diverse marche importanti di tamponi contengono livelli tossici di metalli. I risultati dello studio I ricercatori hanno acquistato tamponi da grandi marchi dell’UE, del Regno Unito e degli Stati Uniti, secondo un comunicato stampa dell’UC Berkeley Public […]

Se vi è capitato di sentire vibrazioni “fantasma” provenire dal cellulare – ovvero quella percezione che si verifica nel momento in cui ci sembra che lo smartphone stia vibrando o squillando quando in realtà non lo sta facendo – sappiate che siete in buona compagnia. Secondo uno studio, questo fenomeno ha colpito l’80% dei partecipanti […]