San Faustino, da dove nasce la festa dei single?

di Alice Marchese

Oggi è San Valentino, la festa degli innamorati. Ma domani si celebrano anche i single con San Faustino. Ma chi era il protettore dei single?

San Faustino, il protettore dei single

San Faustino era un guerriero e martire e che si celebra il 15 febbraio. Viene considerato il protettore dei single e questa credenza l’ha reso una sorta di controparte di San Valentino. Non si sa con esattezza se sia così.

La storia di Faustino e Giovita

Faustino e Giovita erano fratelli, ma le fonti non ci consentono di conoscere l’esatta data di nascita. Pare assodato che siano originari di Villa Carcina, comune nell’attuale provincia di Brescia. È inoltre un fatto assodato che intrapresero la carriera militare, all’interno delle legioni romane, ed è per questo motivo che sculture e dipinti li raffigurano frequentemente con indosso abiti da soldato. A un certo si convertirono al cristianesimo e furono battezzati dal vescovo di Brescia, Sant’Apollonio. Ciò li mise nel mirino delle persecuzioni volute dall’imperatore Adriano e così finirono martirizzati: il giorno della morte è il 15 febbraio, l’anno è incerto ed è compreso fra il 120 e il 134 d.C.

Gli ultimi fatti della loro vita sono noti soprattutto per quanto narrato nella ‘Legenda Maior’ (testo del 1263 incentrato sulla biografia di San Francesco d’Assisi) e nella ‘Passio’, libro di carattere romanzesco scritto fra l’VIII e il IX secolo, ma considerato poco attendibile. Bisogna anche considerare che il culto dei santi si basava sulle agiografie, che ingigantivano e talvolta inventavano alcuni fatti. Ecco così Faustino e Giovita torturati senza che riportassero un graffio, messi al rogo senza che le fiamme li scalfissero e dati in pasto a tigri rivelatesi improvvisamente mansuete. Alla fine furono decapitati, in quel di Brescia, dove iniziò il loro culto. Diventarono i santi patroni della città nel 1438, dopo essere apparsi sulle mura del comune cinto d’assedio per respingere a mani nude le palle di cannone dei nemici.

La festa dei single

Resta un mistero perché San Faustino sia il protettore dei single. Così come non è chiaro perché l’onore sia toccato al solo Faustino e non anche al fratello Giovita. C’è chi ritiene che Faustino abbia vinto perché il suo nome deriva dalla parola “fausto”. Questo significa fortunato e sembra dunque di buon augurio per coloro che sperano di trovare l’anima gemella, incrociando le dita perché la sorte sia loro favorevole. La data del martirio, e della venerazione, cioè il 15 febbraio, potrebbe avere giocato un ruolo determinante: viene subito dopo il 14, giorno degli innamorati.
C’è infine chi sostiene che la festa dei single con patrono San Faustino esiste più che altro per ragioni commerciali: è una scusa come un’altra per incoraggiare un po’ di baldoria, con le conseguenti ricadute economiche.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria