Creme solari, come scegliere quella più adatta per la nostra pelle?

di Alice Marchese

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Le creme solari sono dei prodotti essenziali per l’estate. Protegge la pelle e riduce i rischi di macchie e di malattie all’epidermide. Ma come sceglierle? E’ fondamentale identificare quello giusto in base alle proprie esigenze.

Creme solari: qual è quella giusta per te?

La scelta del fattore di protezione della crema solare dipende dal proprio fototipo, che a sua volta dipende dal colore della pelle e dei capelli, dalla predisposizione alla comparsa di eritemi e dall’attitudine all’abbronzatura.

La prima è il fattore di protezione solare (SPF) che dovrebbe preferibilmente essere compreso tra 30 e 50+, indici di una protezione alta e molto alta. L’SPF va scelto secondo il proprio fototipo di pelle. Si deve ricorrere a un fattore molto elevato (50+ o schermo totale) in caso di pelli molto chiare e capelli rossi o biondi (fototipo 1); a una protezione alta/molto alta (tra 50+ e 30) con pelle chiara e cappelli castano o biondi (fototipo 2); si può anche optare per una protezione media con SPF tra 25 e 15 in caso di capelli biondo scuro e/o pelle sensibile (fototipo 3) o con capelli castani e pelle moderatamente sensibile (fototipo 4); fino a un SPF anche basso, tra 10 e 6, indicato con capelli scuri e carnagione olivastra (fototipo 5) o capelli scurissimi e pelle scura (fototipo 6).

Come usare la crema solare

Il livello di protezione dichiarato in etichetta dipende direttamente dalla quantità di prodotto applicata. E’ quindi importante applicare la crema solare in quantità generose per avere garanzia del fattore di protezione desiderato.

E’ importante mettere la crema ogni due ore. Se invece si ha nuotato o sudato molto va riapplicata subito dopo essersi asciugati, quindi anche prima delle due ore.

A cosa servono le creme solari?

I prodotti con filtri solari aiutano a contrastare gli effetti nocivi del sole, prevenendo lo sviluppo di tumori cutanei. Non solo melanomi ma anche di altri tumori quali ad esempio i carcinomi baso-cellulari che hanno una correlazione altrettanto diretta con i raggi solari.

Classica crema o spray?

Ci sono più versioni di creme solari, ma in generale l’importante è scegliere quello con cui ci sentiamo più comode. I prodotti sotto forma di spray incontrano maggiormente il consenso dei consumatori. Il motivo è legato alla consistenza in genere leggera o trasparente e la facilità di applicazione in zone del corpo di difficile raggiungimento o sulle quali è poco “gradevole” spalmare la crema (ad esempio a causa di peli).

Esistono i prodotti in formato “aerosol” perché si tratta di contenitori sotto pressione. Questi contengono ingredienti infiammabili e che per questo non vanno conservati a temperature elevatissime e mantenuti vicino fonti di calore pericolose. Inoltre in alcuni spray la presenza di alcol può rendere infiammabile il prodotto. E’ fondamentale non vaporizzare direttamente il contenuto sul viso per evitare di inalarlo, bensì si applicarlo sulle mani e poi spalmarlo sul viso.