20 Aprile 2011 |

Smalto permanente: quanto dura e come si usa

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Lo smalto permanente è un prodotto “a metà” tra il gel per ricostruzione delle unghie e un qualsiasi smalto colorato. La sua caratteristica è quella di resistere per molto tempo senza sbucciarsi e sfaldarsi.

Come si usa

L’applicazione è semplice visto che è identica a quella di uno smalto comune. Tuttavia è la sua essiccazione che richiede un trattamento a Raggi Ultra Violetti come i gel per unghie. La cosa più importante affinchè questo smalto possa essere utilizzato è che sia stata eseguita una buona manicure e che le unghie siano sane e curate. In questo modo lo smalto permanente verrà assorbito perfettamente con un effetto straordinario.

Quanto dura

La resistenza di questi prodotti è impressionante dal momento che possono trascorrere fino a 30 giorni prima di doverlo rimuovere. Chiaramente la scelta di cambiare la decorazione delle unghie prima dei 30 giorni, è un fatto personale! Ma, qualora non si abbia tempo o si sia trovato un colore che rende piacevoli e naturali le vostre unghie, allora si potrà evitare di dipingerle di continuo: una grande comodità.

Lo smalto permanente non serve per allungare le unghie e non si può applicare su unghie ricostruite. Esso, infatti, è destinato a unghie vere e, al momento, è prodotto in una gamma di colori ristretta e non estesa, come gli smalti comuni. Di sicuro, in futuro esisteranno in commercio molti più colori. Gli esperti del mestiere, per esempio, avranno già notato che, all’ultima fiera di bellezza Cosmoprof 2011, numerosi progressi sono stati fatti in questo campo. In gergo si chiamano Soak-off e siamo pronti a scommettere che il loro utilizzo prenderà sempre più piede grazie alla sua estrema funzionalità.

Insomma, è proprio il caso di dire che in un mondo dove tutto cambia, uno smalto permanente ci voleva!