Scontrino da 845 euro per gnocchi e tigelle: scoppia il caos nel ristorante

di Gaetano Ferraro


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Nell’estate dei scontrini pazzi, un semplice pranzo a base di gnocchi e tigelle si è trasformato in un incubo per un gruppo di clienti modenesi, che si sono visti recapitare un conto da capogiro pari a 845 euro. Lo scontrino folle ha scatenato accese polemiche e divisi i commensali dal titolare del ristorante, tra accuse di ingordigia e smentite sdegnate.

Clienti increduli davanti al conto esorbitante: “Mai speso così tanto per la pasta”

La vicenda ha avuto luogo presso un rinomato chiosco di Maranello, meta abituale per i buongustai emiliani. Protagonisti 24 clienti, tra adulti e bambini, che mai si sarebbero aspettati una simile batosta dopo aver ordinato semplicemente pasta e gnocco fritto. Peccato che il conto finale abbia raccontato un’altra storia: ben 65 euro a testa. Di fronte allo scontrino-choc, è scattata la rivolta dei commensali, increduli per una cifra ritenuta assolutamente spropositata. “Ma siamo impazziti? Quando mai gnocchi e tigelle possono costare così tanto?” avrebbe tuonato uno dei capo-tavolata, chiedendo spiegazioni al proprietario.

Il proprietario respinge le accuse: “Hanno ordinato all’infinito, adesso fanno le verginelle”

Dal canto suo, il ristoratore non ci sta e respinge con sdegno le accuse: “Questi qua hanno divorato di tutto, ordinando piatti su piatti. Se la sono spassata alla grande, come se non ci fosse un domani. Adesso fanno le verginelle, ma la verità è che hanno esagerato e vogliono farla franca”. Insomma, c’è chi parla di ingordigia sfrenata e chi di conto gonfiato ad arte. Da una parte gli avventori affamati, dall’altra il proprietario truffaldino: chi ha ragione in questa mirabolante tenzone?

Trovato un compromesso con uno sconto sul conto contestato

Dopo una serrata trattativa, le due fazioni hanno trovato un compromesso sullo scontrino pazzo: il conto è sceso da 845 a 585 euro, grazie a un generoso sconto del ristoratore. Un passo avanti per evitare che la diatriba finisse a tarallucci e vino. Anche se il retrogusto amaro è rimasto, tra chi giura di non aver esagerato con le portate e chi invece è convinto del contrario. Una cosa è certa: il prossimo gnocco fritto questi commensali se lo mangeranno volentieri a casa loro. Con un bel risparmio e zero polemiche in vista. Almeno fino al prossimo scontrino impazzito dell’estate 2023, che ha regalato più sorprese di una telenovela.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

L’eurodeputata maltese Roberta Metsola è stata rieletta oggi, martedì 16 luglio, alla presidenza del Parlamento europeo. La votazione, avvenuta a scrutinio segreto a Strasburgo, ha visto Metsola ottenere un’ampia maggioranza con 562 voti a favore su un totale di 699 votanti, un risultato ampiamente previsto, grazie al sostegno dei popolari, dei socialisti e dei liberali. […]